XF11 - Lorenzo Licitra: "In questa avventura ho messo tutto me stesso"

Inserire immagine
@Jule Hering

Lorenzo Licitra , 25 anni, ragusano, occhi azzurri e l’aria da bravo ragazzo: è lui l’inaspettato vincitore di X Factor 2017 . Non era tra i favoriti, ma la vittoria è stata sua, già quando sulle note di Who Wants to Live Forever dei Queen ha fatto tremare l’Assago Forum . A poche ore da quando Alessandro Cattelan ha aperto la busta e gridato il suo nome, abbiamo fatto quattro chiacchiere con il tenore siciliano. Leggi l’intervista

Ieri sera il Forum di Assago gridava “Maneskin” e forse anche Lorenzo Licitra, venticinquenne siciliano dai limpidi occhi azzurri, pensava che sarebbe stata la band a vincere X Factor 2017. Ciononostante, non si è risparmiato durante le esibizioni e, dal duetto con James Arthur all’inedito In the name of love, passando per uno spettacolare Best of, Licitra ce l’ha messa tutta, facendo breccia nel cuore dei giudici e del pubblico.

Il palco era suo, la potente voce da tenore ha fatto tremare le pareti: per Fedez sembrava lui l’ospite internazionale della serata e Mara non si è risparmiata nei complimenti. Eppure, quando Alessandro Cattelan ha aperto la busta e ha annunciato il vincitore, Lorenzo quasi non ci credeva, è caduto in ginocchio, felice, trattenendo a stento la commozione.

A quanti mettono, ora, in dubbio il sorprendente risultato finale, risponde Damiano, a nome dei Maneskin: “Lorenzo è un artista di altissimo livello, un gran cantante, è un fenomeno e ha meritato la vittoria”.

Quella di quest’anno è stata una finale tra amici, ci tengono a ribadire i concorrenti a poche ore dal live, e forse proprio per questo è stata così coinvolgente.
Tra loro, stanchissimo, ancora incredulo, ma felice e sempre con il sorriso sulle labbra, c’è Lorenzo Licitra, che ci racconta del suo percorso a XF11 e dei progetti futuri.

Com’è il Day After?

Sono incredulo, ancora non riesco a capire se è successo davvero oppure è solo un sogno. È bellissimo.

Buoni propositi per la vittoria?

Ho delle idee, sicuramente mi regalerò qualcosa di rilassante, di bello.

Cosa ti rimane di questo percorso a X Factor?

Ho acquisito la consapevolezza che quello che amo può davvero diventare un lavoro. È stato un percorso faticoso, ma anche soddisfacente. Ho tanta voglia di iniziare a lavorare con professionisti e inserirmi nel mercato musicale.

Qual è stato il più importante insegnamento di Mara?

Avere sempre rispetto per chi lavora con noi e per il pubblico che si aspetta delle emozioni.

Ci sono stati momenti difficili?

Certo, XF è un percorso che ti priva di tante cose, in primis l’affetto che puoi avere attraverso una telefonata o il messaggio di una persona cara. Poi ci sono i brani assegnati, che non sempre possono piacerti. Ma fa tutto parte del percorso, ho cercato di superare i momenti difficili con la voglia di fare, di andare avanti e scoprire cosa mi aspettava.

Cosa pensi che abbia convinto gli italiani a votarti come vincitore?

In questa avventura ho messo tanto cuore e tutto me stesso, soprattutto nel Best of che rappresentava il mio percorso a X Factor. Penso di essere riuscito a trasmettere tutta l’emozione che provavo sul palco e per me è una cosa davvero importante, ho lasciato al pubblico una parte di me.

La tua carriera artistica inizia con il lirico, ora però hai cambiato genere…

In me convivono due grosse anime artistiche, quella lirica e quella pop. Quest’ultima sono riuscito a tirarla fuori adesso, sperimentando e mettendomi alla prova.

Non tutti riescono a replicare il successo scatenato in un talent…

Non ho paura di quello che mi aspetta, ho la fortuna di avere accanto persone che hanno voglia di lavorare e questo mi dà forza e coraggio.

Hai vinto X Factor, hai davanti a te una carriera nel mondo della musica. Pensi che ti trasferirai in una grande città?

Penso che Milano sia il luogo giusto per iniziare a lavorare in questo settore. Tuttavia, non so ancora dirvi quel che farò, mi piacerebbe anche avviare una tournée.