MasterChef un anno dopo, ecco cosa fanno i concorrenti di Masterchef 8

La nuova stagione di MasterChef Italia è alle porte e il conto alla rovescia è già cominciato: Giorgio Locatelli, Bruno Barbieri e Antonino Cannavacciuolo sono pronti a vestire i panni dei giudici del cooking show di Sky Uno. In attesa che l'avventura cominci, a partire da giovedì 19 dicembre alle 21.15 su Sky Uno (canale 108) e su digitale terrestre al canale 455, non perdere "MasterChef - Un anno dopo", giovedì 12 alle 19.

MasterChef 2020, i giudici in campagna elettorale 

L’anno scorso a vincere è stata Valeria Raciti, prima di lei sul podio abbiamo visto trionfare Simone Scipioni, l’indimenticato “giovane vecchio” di Montecosaro e prima ancora del ventitreenne maceratese, a conquistare i giudici, sono stati, nell’ordine: Valerio Braschi, Erica Liverani, Stefano Callegaro, Federico Francesco Ferrero, Tiziana Stefanelli e Spyros Theodoridis. Chi sarà il prossimo vincitore o vincitrice che porterà a casa l’ambito titolo di nono MasterChef italiano? Lo scopriremo puntata dopo puntata, a partire da giovedì 19 dicembre, tutti i giovedì alle 21.15 su Sky Uno (canale 108) e su digitale terrestre al canale 455. Per ingannare l’attesa, vi aspetta un appuntamento molto speciale, prima della finale di X Factor, grazie a “MasterChef - Un anno dopo”, alle ore 19 sempre su Sky Uno, scopriremo come sono cambiate le vite di Valeria Raciti e dei due finalisti Gilberto Neirotti e Gloria Clama.

Dopo il grande successo che li ha visti protagonisti del cooking show più celebrato e amato della tv, i tre chef hanno fatto di tutto per mettere a frutto quanto appreso nel corso della loro esperienza, farsi valere e concretizzare il loro sogno. Come lo stesso Giorgio Locatelli ha sottolineato, è proprio questa la vera vittoria, potersi affermare al di fuori del programma con un progetto proprio. Per i giudici è motivo di orgoglio, tanto che lo chef stellato di Corgeno di Vergiate e londinese d’adozione, ha dichiarato che accoglierebbe volentieri Valeria nella sua brigata a Londra. Di fatto qualcosa del genere è già accaduto, ma non vogliamo preannunciarvi niente, sintonizzatevi su “MasterChef - Un anno dopo” e preparatevi a scoprire anche qualche curiosità sentimentale davvero sorprendente. Di seguito qualche piccola anticipazione su ognuno di loro.

Valeria Raciti

La trentenne di Aci Sant’Antonio entra a MasterChef senza sapere che quell’ingresso cambierà per sempre la sua vita. Dalla sua Sicilia beddha, Valeria trova sé stessa nelle cucine del talent più amato del piccolo schermo. La sua grinta l’ha portata lontana, e nonostante la lacrima facile, ha combattuto come una leonessa, fino a sbaragliare la concorrenza dei suoi agguerriti rivali. La sua passione, nata grazie alla nonna, sua musa ispiratrice è sempre più viva e cucinare per lei è ancora quel “piccolo giardino segreto dove riesce a muoversi libera, senza alcun tipo di sovrastruttura e senza preoccuparsi di tutto il resto” . Ha voluto crederci, ci ha creduto e ha vinto. “MasterChef mi ha dato la possibilità di mettermi al primo posto”. Un anno dopo la sua incoronazione, la rivediamo in compagnia di suo marito girare il mondo, scoprire nuovi sapori e nuove culture. Arrivare fino a Dubai alla corte di Locatelli, qui nel suo ristorante si ritrova ai fornelli a lavorare a quattro mani con lo chef stellato. E chi mai avrebbe potuto immaginarlo?

Gilberto Neirotti

Il ventiquattrenne di Sommacampagna (Verona), ex studente di giurisprudenza, si fa conoscere fin dalle prime puntate del talent, per molti è il concorrente meno amato. C’è stato chi non ha esitato a giudicarlo arrogante, fatta eccezione per Loretta, compagna di viaggio e sua unica sostenitrice all’interno del gruppo. Il giovane talento, nonostante la fatica di integrarsi, si impone grazie alla sua cucina ricercata e creativa. Giorgio Locatelli ammette che al contrario di quanto il pubblico percepiva, ha sempre avuto per lui “un piccolo debole, mi piacevano tutte le cose che faceva”. Nello speciale ritroviamo Gilberto in una nuova veste, con lo stesso piglio ribelle e una nuova consapevolezza. Dopo MasterChef entra nello staff di Mattia Bianchi al Byblos Art Hotel Villa Amistà, ben presto, da stagista diventa responsabile di partita e si fa ri-conoscere, il caratterino che lo contraddistingue (“stavo sulle balle a tutti”), non lo ha perso, ma ha guadagnato la stima dello chef e della sua brigata. Tra una chiacchera e l’altra ci racconta dei suoi cambiamenti, e inaspettatamente ci regala una chicca che riguarda la sfera sentimentale. State morendo dalla curiosità? Fate benissimo.


Gloria Clama

Chi non ricorda la tenacia e la determinazione dell’ex operaia di Tolmezzo? La sua bravura e la voglia di riscattarsi l’hanno portata dritta in finale e anche se non ha conquistato il gradino più alto del podio, “ha vinto lo stesso”. Autodidatta e stanca del suo lavoro in fabbrica, abbandona il muletto, per realizzare il suo sogno ai fornelli. La quarantunenne friulana originaria della Carnia, ha sempre espresso il desiderio di “allungare le sue radici” e ci è riuscita: oggi ha aperto il suo ristornante proprio nel suo piccolo paese, Raveo in provincia di Udine. Molto critica nei suoi confronti, Gloria ha dimostrato di aver superato l’iniziale scarsa fiducia in sé stessa, si è evoluta, non solo in termini di competenze, ma emotivamente parlando. Nell’aprire le porte del suo locale, ci fa una confessione che può suonare strana, ma che a pensarci bene, è in linea con il suo percorso. “In finale avevo paura di vincere, di rovinare me stessa e tutto il mio mondo”. In realtà, lo ha conquistato. Vedere per credere.  

Rivedi i momenti migliori del programma sul nuovo sito ufficiale!