MasterChef Italia 7 saluta Denise. L’intervista

Inserire immagine

La sfida dell’Invention Test segna l’uscita della cuoca amatoriale Denise che nell’undicesima puntata di MasterChef è costretta a dire addio al suo sogno per sempre. Nell’attesa della finale in onda giovedì 8 marzo alle 21.15 su Sky Uno , LEGGI L’INTERVISTA A DENISE .

di Helena Antonelli

Si è giocata il tutto per tutto nella cucina di MasterChef fino all’ultimo Invention Test che, purtroppo per Denise, ha decretato la sua uscita. Così nell’undicesima puntata del cooking show più famoso del piccolo schermo, la cuoca amatoriale si è tolta il grembiule bianco dicendo cosi addio al suo sogno di diventare settimo MasterChef d’Italia.
A contraddistinguerla è stata fin da subito la sua fantasia ai fornelli. Con la “Carbonara di mare scomposta a modo mio” nell’ultima Mistery Box ha conquistato i giudici, che hanno apprezzato il suo coraggio di impiattare in una caffettiera. Ma nell’Invention Test il suo brasato non verrà giudicato all’altezza della cucina di MasterChef. L’intervista a Denise.

Dopo ieri è cambiata la sua opinione su Simone?
Assolutamente no, sono certa che dandomi quel particolare divieto Simone non voleva punirmi ma bensì esaltarmi. Quando sono sotto pressione do il meglio, e lui questo lo sa bene.

Simone è realmente il ragazzo ingenuo che appare o è semplicemente molto furbo?
È una persona molto intelligente. Ieri ha giocato di strategia e sicuramente ora più che mai continuerà a farlo, senza però mettere in difficoltà gli altri. Di lui mi piace proprio questo, il rispetto che ha verso gli altri.

Cosa ha significato per lei indossare il grembiule bianco di MasterChef?
Un’emozione troppo grande da descrivere. Ci credevo tanto e l’ho voluto tanto.

Cosa si porta a casa di questa esperienza?
Una bella cerchia di amici: Emanuela, Rocco, Francesco, Stefano, Alberto e Simone. Loro sono un po’ il mio branco. E poi mi porto a casa tutta la follia meravigliosa di Bruno Barbieri.

I commenti più duri sono arrivati da Barbieri?
Da Bruno Barbieri ma anche da Antonia Klugmann. Devo dire soprattutto grazie a loro per il livello raggiunto in cucina. Senza di loro non sarebbe stata la stessa cosa, mi sento un’altra persona.

E com’è la nuova Denise?
Una persona che sa ascoltare. Strano a dirsi a trentasei anni, ma è così.

Ora cosa farà?
Sono alla ricerca di un locale in Toscana e forse l’ho anche trovato. Proprio come lo volevo, all’interno di un bosco.

Sarà da sola in questo progetto?
Spero di riuscire a intraprendere questo percorso in brigata insieme a Francesco, Stefano, Rocco, Emanuela e Simone.

Quindi ci aspetta un menu di bosco?
Vorrei puntare ad un menu global, essendo io un’amante del pesce. Sicuramente non mancherà la Carbonara di mare scomposta che ho realizzato nell’ultima prova. Sarà la mia punta di diamante.

Ha mai pensato alla possibilità di cucinare insetti?
Ci ho pensato e li ho anche assaggiati a Modena. Non credo di poterli utilizzare come ingrediente primario ma neanche lo escludo.

Cosa ci consiglia di provare?
Le camole del miele, richiamano molto al castagno e il loro sapore non è affatto male.