EPCC, Lorenzo Licitra porta il suo X Factor e "gioca" con Alessandro Cattelan

Inserire immagine
Lorenzo Licitra e Alessandro Cattelan
@Jule Hering

Lorenzo Licitra , vincitore di X Factor 2017 , è stato ospite di Alessandro Cattelan  a E Poi c'è Cattelan , il late night show di Sky Uno in onda dal lunedì al venerdì in seconda serata . Lo abbiamo INTERVISTATO

(@BassoFabrizio)

Lorenzo Licitra torna a casa. Torna tra gli amici di Sky. Solo poche settimane fa si è laureato vincitore dell'undicesima edizione di X Factor, e ora è riapparso come ospite di Alessandro Cattelan a EPCC, il late night show di Sky Uno in onda dal lunedì al venerdì in seconda serata. Col conduttore di E Poi c'è Cattelan si è divertito a cantare, in maniera strampalata, e noi abbiamo colto l'occasione per intervistarlo, per entrare un po' di più nel suo mondo.

Lorenzo come sono trascorse le prime settimane dopo X Factor?
E' arrivato un sacco di lavoro da affrontare, la vita è abbastanza cambiata: dal giorno dopo ti accorgi che la gente ti riconosce, ti chiede foto e autografo, è molto strano, ma è sintomo che qualcosa è stato fatto e bene.
Cosa ricorda di X Factor?
E' stata una bella palestra, mi è servito per sperimentare la mia identità musicale.
Come si concretizzerà?
Con un progetto musicale, al quale sto lavorando, che mostrerà la mia identità in italiano e in inglese.
Disco bilingue?
La mia intenzione è di poter portare la mia musica anche all’estero.
La hanno avvicinata a Il Volo.
Facile il paragone con loro come immagine. Ma per quanto riguarda la musica voglio sperimentare più sul pop, a livello strutturale di musica cambio registro. Non faccio musica leggera con piglio tenorile.
Come blocca le sue idee?
La scrittura al cellulare è quella che ci salva e cattura ogni momento, lì fermo i pensieri.
Un rito?
Più che un rito è un momento, è la sera che più mi rende, coltivo pensieri abbastanza lunghi.
E' prolifico?
Scrivo tanto perché sono tante le cose che sento di scrivere ma non riesco a quantificare.
Progetti?
Entro l'estate l'album e il tour in autunno.
Emozionato?
E' una emozione nuova ma anche una responsabilità, quella di arrivare così forti al cuore delle persone.
Eccoci a EPCC.
Lo seguo, mi piace molto, è diretto da un campione, Alessandro Cattelan si è dimostrato un amico, un fratello, aveva sempre parole di conforto nella clausura di X Factor.
Un domani si vede conduttore?
Preferisco cantare, vedermi nelle vesti di un conduttore oggi mi fa strano. Dovrei provare e magari trovare un programma adatto a me.
Pensiero attuale?
Vivo molto bene il momento, ci sono le energie giuste per poter lavorare tanto e fare bene: questo è l’obiettivo.