4 Hotel, Bruno Barbieri nelle Langhe

Inserire immagine

La prossima puntata di 4 Hotel si svolgerà nelle Langhe , alla ricerca dell'albergo più tradizionale della zona. Gli hotel protagonisti della quarta puntata sono Antico Borgo Monchiero, Casaforte Alba in Langa, Duchessa Margherita e Monastero i Somaschi. Non perdere 4 Hotel, martedì alle 21.15 su Sky Uno e scopri chi sono gli alberghi in gara.

Dopo Trentino, Lombardia e Toscana, Bruno Barbieri 4 HOTEL- la produzione originale Sky realizzata da DRYMEDIA - si sposta in Piemonte. La puntata di martedì 17 aprile sarà infatti dedicata alla magnifica terra delle Langhe, zona che si distingue soprattutto per la sua rinomata produzione vinicola. I vini prodotti nelle Langhe sono famosi in tutto il mondo, soprattutto i rossi. Da alcuni anni la zona è celebre meta di turismo enogastronomico per i suoi prodotti (tra gli altri le ottime nocciole e il tartufo bianco di Alba) e culturale, soprattutto per i numerosi antichi castelli che sorgono su tutto il territorio.

Chef Bruno Barbieri – vero esperto di hôtellerie che sa essere un cliente estremamente esigente – condurrà la gara tra i proprietari di alcuni dei migliori hotel delle Langhe, che si sfideranno per offrire allo Chef e agli altri albergatori un soggiorno indimenticabile, fra servizi personalizzabili e atmosfere ricercate e ed esclusive. I protagonisti di questa terza puntata saranno: Maurizio, responsabile dell'Antico Borgo Monchiero, Claudia, proprietaria dell'hotel Casaforte Alba in Langa, Elena, direttrice dell'hotel Duchessa Margherita e Riccardo, direttore dell'hotel Somaschi. Gli hotel contrapposti sono della stessa fascia di prezzo o della stessa categoria, ma ciascuno con le proprie peculiarità. Colleghi e avversari allo stasso tempo, guidati da Bruno Barbieri i concorrenti trascorrono un giorno e una notte nei reciproci alberghi. Fatto il check-in, per ciascun hotel lo chef sperimenterà in prima persona l'accoglienza, lo stile, la pulizia, i servizi degli hotel e più in generale l'ospitalità offerta da ciascun albergatore. A colazione, dopo il check-out, i concorrenti si giudicano l'un l'altro. Per ognuno, un voto da 0 a 10 su 4 categorie: location, camera, servizi, prezzo. 

ANTICO BORGO MONCHIERO

L'Antico Borgo Monchiero, un ex monastero del 1700 del severo Ordine di San Colombano (poi divenuto casa di ritiro spirituale) è stato riaperto e ristrutturato sei anni fa. L’edificio, annesso al Santuario della Madonna del Rosario, dopo un attento restauro è diventato un hotel a 4 stelle dotato di tutti i comfort, affacciato sui noccioleti e i filari di Nebbiolo e Dolcetto delle Langhe. L'Antico Borgo Monchiero è anche un Art Living Hotel: la sede di un centro artistico permanente dove stare a contatto con le opere e gli artisti.  Soggiornare all’Antico Borgo Monchiero significa fare esperienza di un pezzo di storia grazie all’atmosfera suggestiva racchiusa in ognuna delle 17 camere, ognuna con un proprio stile particolare che trova espressione comune nella scelta di arredi caldi ed accoglienti. Non manca inoltre la piscina e l'aria benessere.

CASAFORTE ALBA IN LANGA

La Casaforte in epoca feudale è stata abitata dai soldati del signore del paese. Il nome del paese, Mango, deriva da mangano (la catapulta) e i cavalieri del feudatario al servizio della catapulta erano acquartierati nelle caseforti attorno al palazzo, raggiungibile anche attraverso i sotterranei. Casaforte offre un punto di vista privilegiato sulle Langhe. Si trova a 521 metri di altitudine a metà tra la Langa dei grandi vini e la Langa Selvaggia dei boschi. Le zone "comuni" di Casaforte sono il solarium, la corte interna, il giardino d'inverno e la biblioteca. E' possibile inoltre essere accompagnati dallo staff dell'hotel nella visita della casa risalente all'epoca medievale con i suoi sotterranei scavati nel tufo, la caverna con tanto di laghetto e sorgente, l’infernotto (antica cantina con la volta a botte), i pozzi e i camminamenti che risalgono alle origini del borgo antico.

DUCHESSA MARGHERITA

L’hotel è una dimora storica, un villino del 1850 piemontese decorato con tromp l’oeil Liberty del 1920. La dimora, abbandonata dal 1973, è stata acquistata e ristrutturata nel 2009. Anche all’interno la casa è arredata con mobili antichi e preziosi, camini d’epoca, argenti e ceramiche ricercate e di pregio per ricreare il fascino delle antiche corti nobiliari. La dimora è stata intitolata a Margherita, la prima delle figlie femmine di Carlo Emanuele I, la più affezionata a Vicoforte. Ogni camera della Residenza, in tutto dieci, ha il nome di un membro della famiglia reale sabauda. Per quanto riguarda i servizi, l'hotel offre un Free bar che comprende una vasta selezione di amari e scotch da poter degustare in qualunque momento e organizza degustazioni delle migliori etichette della zona in abbinamento a salumi e formaggi locali.

HOTEL SOMASCHI

L’hotel si trova all’interno di una dimora storica del 1600, il Monastero di Cherasco fondato dai frati Somaschi. Il concept dell’hotel è di rendere il lusso accessibile a più persone, senza però perdere l’esclusività. La struttura, che ha subito un importante lavoro di restauro, ha mantenuto il fascino e la tranquillità dell’antico palazzo, sia all’interno che all’esterno. Le camere erano le celle dei frati, allargate e ristrutturate. Tra le varie suite spiccano le 3 style suite dedicate a tre stilisti italiani: Armani, Cavalli e Versace. Lo staff della cucina è diretto  dal famoso Chef Davide Odore che sorprende per saper rendere attuali i gusti tipici del territorio. I suggerimenti del Maitre sulla scelta dei vini consentono agli ospiti di vivere un’esperienza irripetibile. Un servizio di altissimo livello è la degna cornice della grande cucina proposta.