Britannia, serie TV: il cast e i personaggi

Un uomo che non ha intenzione di tornare a casa con la coda tra le gambe, da fallito, e una donna disposta a tutto per difendere il suo popolo e la sua terra: su Sky Atlantic sta per arrivare Britannia , il dramma storico in "salsa punk" ambientato nel 43 d.c. durante la campagna dell’esercito romano in Britannia, terra misteriosa governata da donne guerriere e potenti druidi. In attesa del debutto, previsto per lunedì 22 gennaio alle 21.15 , andiamo a scoprire i personaggi principali della serie

Britannia, vai allo speciale sulla serie

43 d.C.. Ai confini più lontani dell’Impero Romano vi è una terra abitata da potenti Druidi e da regine guerriere. Un paese che Giulio Cesare aveva già cercato di conquistare, fallendo, più o meno un centinaio di anni prima. Un luogo che per i Romani ha una reputazione quasi leggendaria: la Britannia. L’arrivo dell’esercito dell’imperatore Claudio cambierà per sempre le vite dei Celti e Druidi, catapultandoli violentemente in un nuovo periodo della loro storia e gettando le fondamenta per la Gran Bretagna attuale. In attesa del debutto di Britannia, previsto per lunedì 22 gennaio alle 21.15, andiamo a conoscere un po’ più da vicino i personaggi principali della serie.

 

 

 

Kerra (Kelly Reilly)

Kerra è la coraggiosa e determinata figlia di Re Pellenor, il sovrano dei Cantiaci (o Cantii). Ama il padre e la sua gente, ma è ferocemente attaccata alla sua indipendenza, e proprio per questo motivo si troverà in conflitto con la sua famiglia al momento dell’invasione dei Romani. Nonostante finora abbia sempre seguito il suo cuore, dovrà scegliere tra i propri sentimenti e il senso di dovere verso il suo popolo. Kerra, infatti, potrebbe essere la loro unica speranza.

 

Aulo Plauzio (David Morrissey)

Tra i più grandi generali della storia di Roma, Aulo Plauzio ha ricevuto direttamente dall’imperatore Claudio un compito delicato e importantissimo: l’invasione della Britannia, terra di confine ma ricchissima di materie prime. Aulo è un uomo che fonda ogni decisione sulla ragione, che è pronto a tutto e che crede fermamente in se stesso. Eppure, anche lui non è esente dal mistero dei Druidi, e crede che questi strani depositari della fede celtica abbiano le risposte di cui è alla ricerca. Risposte che arrivano direttamente dal mondo dei morti…

 

 

 

Antedia (Zoë Wanamaker)

Regina della tribù dei Regnensi, fiero popolo guerriero, Antedia è una donna pragmatica e decisa. Fedele alle tradizioni celtiche, ha dato retta ai suoi consiglieri e ha ascoltato le parole dei Druidi, che le hanno suggerito di far sposare il figlio Gildas con Kerra. Kerra, però, non era molto d’accordo, e per questo motivo, durante la prima notte di nozze, decide di castrare il suo sposo. Come hanno potuto gli dei volere questo per lei, farla rimanere senza eredi dopo suo figlio? Da quel giorno, la combattiva regina vive per vendicare questo sopruso.

 

Divis (Nikolaj Lie Kaas)

Divis è un ex Druido che è stato allontanato dalla comunità ma che nonostante ciò continua a essere profondamente legato alle forze e ai ritmi della Terra. Divis è uno sciamano, riesce a incanalare la magia dentro di sé, e riesce a vedere e a sentire cose che altri non vedono e non sentono. E’ il primo a rendersi conto che sta per accadere qualcosa di sconvolgente, che stanno per arrivare degli invasori, e farà tutto quanto in suo potere per impedire che i Romani sottomettano le tribù celtiche e i Druidi.

 

 

 

 

 

Cait (EleanorWorthington‑Cox)

La notte in cui i Romani sbarcano in Britanni e attaccano, è la notte del solstizio. Insieme alle sue coetanee, Cait sta per entrare ufficialmente nell’età adulta, sta per diventare una donna, e lo farà come hanno fatto sua madre (morta dandola alla luce) e sua sorella prima lei: tramite una cerimonia di iniziazione. Il rituale, però, viene brutalmente interrotto dall’arrivo degli invasori, e Cait da quel momento rimane bloccata in una terra di mezzo, in un limbo, non più bambina, ma non ancora donna. Da quel momento, la sua sarà una lotta per la sopravvivenza senza esclusione di colpi. Il suo cammino si intreccerà con quello di Divis e con i Druidi.

 

Re Pellenor (Ian McDiarmid)

Pellenor è l’orgoglioso sovrano dei Cantiaci, e il padre di Kerra. E’ un uomo che crede fermamente nelle tradizioni del suo popolo e nella sua cultura, è un uomo che ha totale fiducia nelle verità dei Druidi, Per questo motivo mette da parte il suo atavico odio per i Regnensi e, su consiglio dei misteriosi sacerdoti, decide di far unire sua figlia in matrimonio col figlio della sua nemica, Antedia. Per lui, i Romani sono tutti uguali: invasori, conquistatori, convinti della loro superiorità, pertanto incapaci di diplomazia, ma crede anche che non resisteranno molto, proprio come successe sotto Giulio Cesare. Pellenor è l’incarnazione della tradizione in un momento di forte cambiamento.

 

 

 

 

 

Veran (Mackenzie Crook)

Il Druido Veran è un personaggio unico, capace di riunire in sé saggezza e follia. Rispettato e temuto in egual misura all’interno della sua comunità e dalle tribù locali, risponde solamente a se stesso e agli Dei, con i quali è in comunicazione diretta (o quantomeno, questo è ciò che dice). Veran, che sostiene di essere in contatto col regno dei morti, sa benissimo di avere un grande potere, e non ha paura di esercitarlo, a volte in modo assolutamente imprevedibile. L’arrivo dei Romani confermerà questa sua posizione, e in un certo senso lo renderà ancora più potente e ascoltato.

 

Phelan (Julian Rhind‑Tutt)

Figlio primogenito e braccio destro del padre, Re Pellenor, è forse l’unico in grado di avere una discussione onesta e aperta con sua sorella Kerra, uno spirito decisamente indomabile. Sua moglie Amena lo sprona a essere più ambizioso, ma quando diventa chiaro che il futuro che credeva certo non esiste più, e quando la nipote di Antedia, Ania, entra a far parte della sua vita, Phelan non può fare a meno di imbarcarsi in una relazione che scombussolerà tutte le carte in tavola. Con tutte le conseguenze che ne verranno.

 

 

 

 

 

Amena (Annabel Scholey)

Amena è la moglie di Phelan (e di Lindon, sposato su consiglio dei Druidi per rafforzare i rapporti tra tribù). E’ una donna ambiziosa e astuta, a tratti manipolatrice, e non vede l’ora di diventare ufficialmente regina dei Cantiaci. All’apparenza sostiene Kerra e le sue decisioni, così ardite e radicali, ma in realtà non la sopporta. Amena teme infatti che la figlia di Re Pellenor possa in qualche modo mettersi tra Phelan e la sua ascesa al trono, ma lei farà di tutto per impedire che ciò accada.

 

Sawyer (Barry Ward)

Sawyer è il padre di Cait, con la quale ha una relazione complicata. Dentro di sé l’uomo sa benissimo che la figlia non ha nessuna colpa, ma il trapasso della moglie, che è morta proprio nel dare alla luce la bambina, è una ferita che non si è mai rimarginata. L’arrivo dei Romani stravolgerà il suo mondo, ma lo riavvicinerà anche a Cait, di cui finalmente vedrà la forza e la determinazione.

 

 

 

 

 

Lucio (Hugo Speer)

Lucio è il vice di Aulo, e il secondo in comando, insieme a Vespasiano (Fortunato Cerlino), dell’armata romana. Soldato valoroso e affidabile, Lucio non è solo un prezioso alleato per il suo comandante: è anche il suo migliore amico, e non esita a seguirlo in Britannia, una terra maledetta secondo i Romani. Preoccupato che Aulo stia perdendo di vista la sua missione e che si stia lasciando coinvolgere dalle popolazioni locali, specialmente dai Druidi, si troverà di fronte a una scelta difficile: l’amicizia o la patria?