10 cantanti da scoprire della musica indie italiana

Musica

Fabrizio Basso

angelica_schiatti

Il valore della parola non è per tutti. Nella musica poi non sono molti ad averne percezione. La musica Indie, in tutte le sue sfumature, si sta rivelando un'oasi felice, di pensieri, parole, idee. Ecco dieci artisti indie da tenere presenti

(@BassoFabrizio)

L'Indie parte da lontano anche se è oggi che sta toccando il suo momento di massimo splendore. Si sta riscoprendo il valore della parola applicata alla quotidianità. Si raccontano le serate con gli amici, le nottate a casa, quello che accade durante una giornata di ordinaria semplicità...mi vengono in mente le stanze di vita quotidiana del maestrone (copyright Gianpiero Alloisio) Francesco Guccini. Provo a identificare dieci artisti indie (qualcuno è già assai popolare, qualcuno meno) o che si aggirano in quei paraggi che ha un senso ascoltare e non solo in questi giorni di Pasqua.

Giorgio Poi
Inizia con la chitarra jazz a Londra, poi vira sull'italiano. Originario di Novara. Due i suoi dischi, Fa Niente e Smog, molte le sue canzoni che lasciano il segno. Io adoro La Musica Italiana ma quello è un featuring con Calcutta. Ci aggiungerei Vinavil, Paracadute e Orgasmo.

Margherita Vicario
Romana di nascita, ha camminato su set di cinema e televisione ma io la preferisco sul palco, con la sua grinta e la sua ironia. Sta lavorando a un album e intanto ci ha lasciato un parquet dui singoli. Andate a vedere i suoi video, sono veri cortometraggi: provate con Giubbottino, Mandela e Per un bacio.

Fulminacci
Classe 1997, scrive, arrangia e canta le sue canzoni e si presenta pubblicando nel 2019 Borghese in borghese e La Vita Veramente, che diventa poi il titolo del suo primo album. E' un artista di rottura, spiazzante per la sua versatilità e per la sua brillantezza. Dedica il singolo San Giovanni alla Twingo che gli hanno rubato. Genio.

Angelica
Qui la sfumatura si chiama Indie Rock. Preceduto dai singoli Guerra e mare, I giocatori e Beviamoci, arriva Quando finisce la festa, il primo album di Angelica, originaria di Monza, un passato da frontwoman dei santa Margaret. Non perde le influenze degli anni Settanta ma li trasforma in suoni contemporanei.

Frah Quintale
Trent'anni, bresciano, per qualcuno è un rapper per i più (me compreso) vira di più sull'Indie. Forse è un buon equilibrista, è riuscito a trovare la perfetta alchimia che è testimoniata dal disco d'oro per l'album di debutto Regardez MoiContento il suo ultimo singolo.

Canova
Sarcasmo, ironia e auto-ironia. Con Musica di oggi i Canova partono dalle illusioni e disillusioni della musica per entrare nelle illusioni e disillusioni della vita. Il frontman della band Matteo Mobrici. Sono in polemica col mondo Indie reo di avere sacrificato tanta della sua purezza all'apparire (soprattutyto in televisione).

Joan Thiele
La sfrontatezza, sana, di titolare il suo primo album in italiano Operazione Oro. Ha sempre curato molto i suoi testi ma per l'artista di Desenzano sul Garda scrivere in italiano è evocativo e porta in un sacco di mondi, le ha dato una più forte padronanza mentale e di approccio alla musica.

Meganoidi
Si intitola Mescla il nuovo lavoro dei genovesi Meganoidi. E' un invito a sincronizzarci con quello che funziona da milioni di anni ovvero la natura. Loro utilizziamo quello che gli passa per la testa ed escono sempre con dischi diversi rispetto al precende. Guardano le cose con gli occhi dei bambini affascinati da quello che li circonda.

Rachele Bastreghi
Fuori dall'enclave dei Baustelle lascia fluire le parole con una potenza straordinaria. Nativa di Montepulciano ma ormai milanese d'adozione, ha una voce espressiva e identitaria.

Marianne Mirage
Il suo ultimo lavoro è Vite Private. Qui siamo ai confini tra indie e cantautorato. Ha viaggiato molto esibendosi ovunque, i suoi testi hanno un velo di melanconia impreziosito da una voce che sa toccare tonalità blues.
 

Spettacolo: Per te