Diego Moreno, tra Bella Chao e i 10 tanghi più belli

Musica

Fabrizio Basso

diego_moreno_credit_gino_tramontano

Venerdì 3 aprile uscirà su tutte le piattaforme digitali Bella Chao (Intemezzo / The Orchard), versione rivisitata in lingua spagnola del canto popolare italiano Bella ciao realizzato dal compositore, cantante e chitarrista argentino Diego Moreno che ci dice quali sono i 10 tanghi più belli

(@BassoFabrizio)

Venerdì arriva il Bella Chao in spagnolo dell'artista argentino, ma napoletano d'adozione Diego Moreno. Aspettando di ascoltare la sua versione gli ho chiesto, visto che in passato li ha più volte affrontati, di stilare l'elenco dei suoi dieci tanghi del cuore. Ha pescato nella scuola tradizionale, nel mito del tango: "Mi piace molto ciò che è nuovo -racconta- ma dovendo sceglierne solo 10 era difficile arrivare ai tempi moderni. Per motivi legati a mio padre Carlos Gardel fa parte della mia famiglia privata. Sono anche autore di un libro biografico su di lui che credo mancasse in Italia. Ma ti assicuro che la mia lista iniziale era davvero grande".

Bella Chao farà parte del suo nuovo album in uscita in autunno "è la bonus track, non appartiene al nuovo progetto al quale abbiamo lavorato tutto il 2019. Però 40 milioni di visualizzazioni non si raggiungono facilmente e soprattutto senza fare alcuna promozione. Per me rimane un inno alla liberazione, lo guardò da questo punto di vista. Era giusto partire con questa storia con arrangiamento è ipnotico che la differisce da altre versioni. Un pezzo fatto in tempi non sospetti ma che con quello che sta succedendo ha assunto valenza sociale forte. Il resto sono brani ognuno con una sua diversità musicale. Chi poco mi conosce spero resti impressionato, sono nove inediti tutti in italiani. La mia casa è la musica e spero presto di poter raccontare dal vivo il nuovo album che sarà integrato con altri che brani che completano il mio eterogeneo percorso musicale".

CARLOS GARDEL - EL DIA QUE ME QUIERAS (GARDEL - LE PERA)
Da sempre sostengo che non sono un tanguero purista. Sono un cantante un compositore prestato alTango. Amo Carlos Gardel, la sua voce (tant'è che ne ho scritto un libro La voce del tango) , lui non solo è l'inventore del Tango Canciòn ma anche un compositore sopraffino . Questo brano è entrato diritto nella Grammy Hall of Fame nel 2001.



CARLOS GARDEL - SUS OJOS SE CERRARON (GARDEL - LE PERA)

Sempre Carlos Gardel, che negli anni Trenta era una vera Star (9 film per la Paramount Pictures). Ascoltate questa sua interpretazione in presa diretta, da brividi! Ancora una sua composizione con un testo (Alfredo Le Pera) struggente che arriva diritto all'anima.



CARLOS GARDEL - VOLVER (GARDEL - LE PERA)

In realtà è un po’ riduttivo scegliere solo alcuni tangos...Carlos Gardel ne ha interpretato quasi 1.000 e ha composto ben 120! Ognuno di questi ha qualcosa di unico! Qui ci troviamo davanti a un Inno Tanguero Volverr, Pedro Almodóvar ne ha ricavato un bellissimo film...Gracias Carlitos!



JULIO SOSA - MANO A MANO (C.GARDEL & J.RAZZANO - CELEDONIO FLORES)

Una bellissima e personale Voce del Tango quella dell'uruguaiano Julio Sosa (el Varòn del Tango). Questo tango “Mano A Mano” è stato composto da Gardel e José Razzano che nel primi del novecento furono un duo molto seguito, poi Gardel intraprese la carriera di solista. Il testo, che a me piace particolarmente, è di Celedonio Flores, e parla, in tempi davvero non sospetti, della parità/amicizia civile tra un uomo e una donna.



RAUL LAVIE & PIAZZOLLA - BALADA PARA UN LOCO (PIAZZOLLA – FERRER)

Astor Pizzolla come Gardel sono delle pietre miliari per la storia del Tango. Qui c'è una sublime interpretazione dal vivo di uno dei migliori cantanti di Tango, attualmente in attività: Raùl Lavié, del quale mi pregio di essere Amico ... un live in TV proprio con Piazzolla. Un testo meraviglioso e surreale di Horacio Ferrer che ha firmato quasi tutta la produzione di Astor.



ROBERTO GOYENECHE - LA ULTIMA CURDA (ANIBAL TROILO - CATULO CASTILLO)

Il Tango ed il Vino sono da sempre legati. Càtulo Castillo li ha plasmato egregiamente in questo intenso testo...è tutto tutto così fugace che è una sbronza niente più, la mia confessione!". La musica è stata composta da una colonna portante del tango, compositore e bandoneonista Anibal Troilo. La voce è quella inconfondibile del Polaco Goyeneche.



ROBERTO GOYENECHE - NARANJO EN FLOR (VIRGILO & HOMERO EXPOSITO)

Composizione poetica dei fratelli Expòsito firme fondamentali per l'evoluzione del Tango. Qui la voce del grande Goyeneche ci fa sentire tutta la teatralità, tutta l'intensità che serve per interpretare un Tango così struggente...prima bisogna sapere soffrire, poi amare, poi partire...domani cosa importa del domani...eterna e vecchia giovinezza che mi ha lasciato intimorito come un passero senza luce!


RUBEN JUAREZ - CAFE' LA HUMEDAD (CACHO CASTAÑA)
Humberto Vicente Castagna, in arte Cacho Castaña è stato, anche lui, un cantante e compositore "prestato al Tango" che come compositore ha saputo plasmare pagine importanti di un Tango moderno. Questa sua composizione, testo e musica, è diventata un classico ecco l'indimenticabile interpretazione di Rubén Juarez esponente di rilievo del Gotàn.


SUSANA RINALDI - MALENA (ANIBAL TROILO - HOMERO MANZI)

Quando si uniscono due firme come quelle di Anibal Troilo ed il poeta Homero Manzi il risultato non può che essere Formidabile! Questo è un bellissimo Tango che racconta di Malena una cantante di Tango che canta come nessuna. I suoi Tangos sono creature abbandonate su di una strada fangosa, la sua voce ha il freddo dell'ultimo incontro, Malena ha con sé la pena del Bandoneòn! Susana Tana Rinaldi ne fa una interpretazione magnifica...mai sopra le righe.

JULIO SOSA - CAMBALACHE (ENRIQUE SANTOS DISCEPOLO)
Il nostro sommo poeta del Tango si chiama Enrique Santos Discepolo (figlio di emigranti napoletani) e nel 1934 ha saputo scrivere un Tango unico nel genere, partendo dalla sua ottica fatalista e cinica. Deluso dal Mondo che...è stato e sarà una porcheria io lo so...nel '50 e pure nel 2000!...dove vanno avanti solo quelli che afanan (rubano) a discapito degli onesti”. Scrivere di questi argomenti nel 34 immaginando che nel 2000 nulla sarebbe cambiato non è da tutti! L'interpretazione magnifica e iconografica è quella del Varòn del Tango Julio Sosa.

Spettacolo: Per te