Mabel, chi è la cantante di "Don't call me up"

Chi è Mabel, artista figlia d’arte che ha conquistato le classifiche con la hit “Don’t Call me up” e che sarà ospite di XF 2019, giovedì 14 novembre. 

LO SPECIALE DI XF13

Guarda X Factor su Sky Uno tutti i giovedì alle 21.15 e rivedi i momenti più belli del talent sul sito ufficiale

X Factor su Telegram! Iscriviti subito

Figlia della cantante svedese Neneh Cherry e del produttore discografico Cameron McVey, Mabel è una delle nuove stelle della musica internazionale. Nata a Malaga, ha vissuto in Svezia nei primi anni della sua vita poi ha scelto l’Inghilterra, nello specifico Londra, per iniziare la sua carriera. L’influenza del padre, produttore dei Massive Attack, e della madre, cantante famosa per brani come “Seven Seconds” ha portato Mabel a fare scelte nette per emergere e riuscire a farcela da sola. In un’intervista ha spiegato cosa ha significato per lei vivere in Inghilterra: “Quando sono arrivata a Londra mi sono sentita finalmente libera. Ho pensato che se avessi trovato un manager e ottenuto un contratto discografico da sola mi sarei liberata delle mi insicurezze legate ai mie genitori. Sarò sempre figlia loro, ma un giorno non conterà più”.

L’album di debutto è “High Expectations”

Una ragazza con personalità e decisa a costruire una carriera di successo. Si ispira a Beyoncé e a Lauryn Hill e ha debuttato nel 2015 con il singolo “Know Me Better”, in seguito ha pubblicato la canzone “Finders Keepers” in collaborazione con Kojo Funds, lavorando per molto tempo con il produttore discografico e cantante Joel Pott. Due anni dopo arriva il successo internazionale con “Bedroom” e inizia la sua ascesa. Grazie al singolo “Don’t Call Me Up” ha conquistato la nomination ai Brit Awards. In carriera ha già conquistato le classifiche di Europa, America e Asia. Ha venduto venduto oltre 3,5 milioni di singoli nel Regno Unito e ha superato il miliardo di stream in tutto il mondo. Ad agosto 2019 ha pubblicato il suo primo e unico album “High Expectations” che include i singoli “Don’t Call Me Up”, “Bad Behaviour” e “Mad Love”. Questa la tracklist:

  1. High Expectations (Intro)
  2. Bad Behaviour
  3. Don't Call Me Up
  4. FML
  5. We Don't Say..
  6. Selfish Love (feat. Kamille)
  7. Lucky (Interlude)
  8. Mad Love
  9. Trouble
  10. Put Your Name on It
  11. Stckhlm Syndrome (Interlude)
  12. OK (Anxiety Anthem)
  13. I Belong to Me
  14. High Expectations (Outro)
  15. #2
  16. Finders Keepers (feat. Kojo Funds)
  17. Fine Line (with Not3s)
  18. My Lover (with Not3s)
  19. Ring Ring (with Jax Jones feat. Rich The Kid)
  20. Cigarette (with RAYE & Stefflon Don)
  21. Not Sayin'

I collaboratori e le parole di Mabel

A proposito del suo album, Mabel ha dichiarato: "Voglio mandare un messaggio positivo a tutti quelli che lo ascolteranno. Ho guadagnato così tanta fiducia scrivendo questo album ed è questo che voglio trasmettere alla gente che lo ascolterà". “High Expectations” contiene 14 tracce a cui hanno messo mano ben ventisei diversi produttori tra i quali anche Steve Mac (già braccio destro di Ed Sheeran), Fraser T Smith (Adele, James Morrison, Sam Smith) e Jax Jones. Mabel affronta temi come l'amore giovanile, il dolore e le sfide delle relazioni nell'era digitale: "Parlare di tutto questo ti dà fiducia. Se vuoi fare un disco che parla delle persone, devi metterti seduta, ascoltare e analizzare tutto al microscopio. Avrei voluto che fosse così anche con i miei eroi quando ero bambina. Il sogno della popstar dalla vita perfetta non è più valido per la nostra generazione". Giovedì 14 novembre alle ore 21.15 andrà in onda la quarta puntata su Sky Uno la quarta puntata live di X Factor e Mabel sarà l’ospite internazionale. Tornerà poi in Italia per un’unica data a Milano il 24 febbraio 2020.