Romina Falconi e la Biondologia: come passeggiare con disinvoltura sul ciglio di un abisso

Inserire immagine

Il fenomeno della Biondologia va bel oltre la musica. Ne parliamo con colei che ne ha fatto arte, musica e liberazione. Si chiama Romina Falconi e ci insegna l’Arte di Passeggiare con Disinvoltura sul Ciglio di un Abisso. L'INTERVISTA

Romina Falconi presenta il nuovo album Biondologia: fenomenologia Psico-Pop

(@BassoFabrizio)

Si chiama Centro d'Ascolto - Reparto Biondologia. Il primario è Romina Falconi. Romana di Torpignattara, questa artista un po' psicologa un po' folle ha messo la musica al servizio della creatività ampia. Fa concerti, incontra i fan e raccoglie le loro confidenze. E' un modo originale di interpretare il mondo della musica quello di Romina Falconi: accoglie, consiglia e consola, cercando di insegnare l’Arte di Passeggiare con Disinvoltura sul Ciglio di un Abisso per superare così quelle 5 fasi del dolore che hanno ispirato il suo ultimo album. Ha inventato un genere ribattezzato Psico-Pop.

Biondologia è stato un successo.
Non ci speravo, Biondologia è un testamento. Quando è uscito è stata una liberazione. I miei testi sono accademici.
Scelta coraggiosa.
E' una sfida! Se sei una cantautrice che punta sull’estetica non necessariamente devi andare in giro come Jacques Brel. Ancora oggi mi chiedono se i testi me li scrivo io.
Sei una persona schietta.
Il problema è che in Italia vogliono la donna della porta accanto e io vengo da Torpignattara. Se devo mandare a quel paese qualcuno lo faccio col mio linguaggio quotidiano. A darmi un tono e stare impomatata ci ho rimesso sempre. La gente ti sgama.
I social hanno falsificato i rapporti. E poi l'Italia resta un paese cattolico, difficile non sentire il peso della Chiesa su certe scelte.
Tuttora siamo il paese del Vaticano ed è assurdo: io credo ma sono laica. Non si può pensare che hai una figlia che non è libera di scegliere. Per quanto concerne i social il giovanissimo vede il suo mito in modo nuovo, quasi lo può sfiorare. Ora è tutto dovuto. Nessuno mostra il proprio buio. Sui social hanno tutti ragione e chi insulta crede di averne di più.
Cosa è Biondologia? Oltre il progetto musicale intendo.
E' incontrare i miei fan. Mi arrivano lettere intime e io sono la cantautrice che ascolta i problemi altrui e non loro che ascoltano me. Bello un pubblico che supporta e non si fa condizionare. Ora pure la comunicazione è strana.
Oggi è difficile trovare chi ascolta.
Ascoltare è la mia forma di ringraziamento. C’è chi mi ha rivelato segreti profondi.
Cosa dice Romina quando ascolta Romina?
Ho la sindrome dell’impostore come se fossi sempre immeritevole. Vivo ancora in punta di piedi. Sentirmi non opportuna è la benzina che mi porta a sperimentare cose nuove. Basta perfezione e buonismo, Dio benedica anche i punti d’ombra. Tiro fuori il mio marcio così uno si sente più libero e se io ci rido su la gente non si sente giudicata. Il dolore quando arriva non si può evitare. Troppe volte prevale la voglia di non pensare, si gioca da struzzi.
Sei un vero centro d’ascolto.
Io agisco in base alle storie che ricevo. Non voglio parlare solo della mia vita per poi creare un disco dalla parte del peccatore e della vittima. Non esiste il cattivo ma quello che non ha capito. Siamo pieni di narcisisti. In una relazione ferisci e non te ne rendi conto.
Come ti comporti con gli ex?
Ogni storia è a sé ma c’è chi è più portato a delinquere. Quello che proprio non mi riesce è essere amica con i nuovi degli ex anche se riconosco che leggendoli ogni tanto sui social si scopre come sono andate davvero le cose. Sai l'ex, qualunque ruolo abbia avuto nella tua vita, difficilmente è leale. L'ex non lo sa e così scopri gli inganni. Sono un po’ strega.
Il tour?
Parte a marzo. Ci saranno anche Roma e Milano.
Ti vedremo mai coi capelli di un altro colore?
Mai dire mai ma io tendo al...biondo