Mediterranean Stars Festival, Mahmood e Amoroso ospiti

Alessandra Amoroso
@Getty Images

A Malta il 4 ottobre ci saranno anche Elisa, Gigi D’Alessio, Boomdabash e J-Ax

Un cast stellare per la prima edizione del Mediterranean Stars Festival, che si terrà il prossimo 4 ottobre a Fosos Floriana, a Malta. Con artisti provenienti da tutti i paesi che si affacciano sul mar Mediterraneo, ci saranno i protagonisti di “Radio Italia Live – Il Concerto”. Nel cast Alessandra Amoroso, Boomdabash, Gigi D'Alessio, Elisa, Emma, Francesco Gabbani, Guè Pequeno, J-Ax, Mahmood, Max Pezzali, Raf, Umberto Tozzi e anche artisti maltesi come Ira Losco, The Travellers e il cantante algerino Khaled, uno dei massimi rappresentanti della fusione fra la tradizione mediterranea ed il pop europeo. Il concerto sarà aperto dai maltesi Nicole Frendo e Red Electrik. A condurre Marco Maccarini e Manola Moslehi, ma tra gli ospiti c’è anche il prossimo conduttore del Festival di Sanremo Amadeus. Il festival (prodotto dalla Mediterranean Tourism Foundation con Malta Tourism Authority, Air Malta e ministero del Turismo di Malta) vuole contribuire a far rinascere l'identità del Mediterraneo creando collaborazione e interazione tra i diversi Paesi che vi si affacciano attraverso turismo ed eventi culturali.

La “Mediterranean Orchestra”

Ad accompagnare gli artisti sarà l’Orchestra del Mediterraneo, che riunisce maestri musicisti provenienti da tutta l’area mediterranea sotto la direzione artistica e musicale del Maestro Bruno Santori. Fondata nel 2016, il suo obiettivo è quello di promuovere l’identità mediterranea nel mondo attraverso la musica, che, anche come lingua internazionale, aiuterà a colmare le differenze che esistono tra i nostri popoli. Il repertorio dell’Orchestra del Mediterraneo è molto versatile e spazia dalla musica classica, pop, jazz e sacra. Infatti, la struttura dell’orchestra è molto flessibile in questo senso e sotto la guida permanente del Maestro Santori è in grado di espandersi dal repertorio cameristico a progetti che coinvolgono una grande orchestra sinfonica, con l’aggiunta di altri esecutori provenienti da altre orchestre affermate, impegnandosi così in progetti di partnership. In questo modo, anche come grande gruppo, l’Orchestra del Mediterraneo è in grado di mantenere il suono caratteristico che il Maestro Santori ha affinato con loro fin dalla sua nascita, così come il suo esprit, collegando generazione di eccellenti ed esperti esecutori con i giovani musicisti di grande talento e perfettamente preparati dal punto di vista tecnico. Andrew Agius Muscat è il Presidente dell’orchestra e Paolo Mandelli è il Ceo.

Unire il Mediterraneo

Malta è geograficamente il baricentro del Mediterraneo e con questa iniziativa prova a rilanciarsi come luogo di incontro privilegiato per le differenti culture che su questo mare si affacciano. «Ci sono una serie di ambizioni e sfide comuni tra i paesi del Mediterraneo e avremmo tutti da guadagnarci da relazioni economiche più strette e accordi nel settore del turismo. I paesi del Mediterraneo non competono soltanto tra di loro ma devono far fronte ad una competizione sempre più forte con il resto del mondo. È perciò di vitale importanza che essi lavorino insieme per incrementare efficienza e competitività. È altrettanto importante stringere alleanze strategiche per creare insieme iniziative di marketing per mantenere un livello competitivo alto e consolidare una posizione di forza nel mercato globale del turismo», ha spiegato Konrad Mizzi, Ministro del turismo del Governo di Malta, durante la presentazione dell’evento.