Benji & Fede: le frasi più belle delle loro canzoni

Inserire immagine
@Getty Images

Da "Dove e quando" a "Moscow Mule", sono tanti i successi di Benji & Fede , grandi protagonisti della musica italiana. Scopriamo le frasi più belle delle loro canzoni.

Álvaro Soler, le canzoni più belle del re spagnolo del pop Baby K: le 5 canzoni più famose

Benji & Fede sono tra i grandi protagonisti di questa estate musicale italiana. Federico Rossi e Benjamin Mascolo stanno dominando le classifiche con il singolo “Dove e quando”, divenuto uno dei tormentoni della stagione insieme a “Playa” di Baby K, “La libertad” di Álvaro Soler (qui potete trovare tutte le foto più belle del re spagnolo del pop), “Dolceamaro” di Cristiano Malgioglio e Barbara d’Urso, “Never Really Over” di Katy Perry e molti altri brani.

Benji & Fede: le frasi più belle

Nel corso degli anni Benji & Fede sono riusciti a imporsi nel mercato discografico italiano ottenendo grandissimi consensi da parte del pubblico. Numerosi loro singoli sono stati certificati con dischi d’oro e di platino, tra questi “Tutto per una ragione” con Annalisa che ha ottenuto ben tre dischi di platino per aver venduto oltre 150.000 copie su suolo italiano. Scopriamo alcune delle frasi più belle delle loro canzoni.

“Tutta d’un fiato” (2015)

“Dicono di noi che siam satelliti impazziti
Alla ricerca di un pianeta nuovo per ricominciare
E coltivare i sogni che sono svaniti e son rimasti
Intrappolati in mille pagine, pronti per rinascere e
Non cambiamo mai
Noi, non cambiamo mai
Ma ci basta poco per riprenderci quello che è nostro”

“Lunedì” (2015)

“Se domani sarà forse un giorno migliore
Da domani vedrai il mio lato migliore
Ma oggi no, oggi no
Telefono e cuscino metto tutto in off”

“Buona fortuna” (2017)

“A volte una sola parola, può fare un gran casino
Come gli schiaffi sulla faccia che coprono un sorriso
Avevo detto di andarci piano ma non mi sono pentito
Io non mi sono pentito
Mi guardi con gli occhi di Monna Lisa
Mi guardi il profilo e non il viso
Chissà com'era poi domani
Se solo fossimo partiti”

“Moscow Mule” (2018)

“Io che non so nuotare
Ho imparato da poco
Io che non so ballare
Faccio ballare loro
E non mi chiedere a cosa penso
Perché sono mesi che non penso
Vorrei andare in un posto diverso”

“Universale” (2018)

“Sei salita sul mio cuore senza obliterare
Ti ho scattato una foto ed è venuta male
Anche se so come ti sta il mio sorriso addosso
Che senza filtro fa lo stesso effetto
Andiamo dritti fino alla centrale
Nessun riparo sotto il temporale
Tanto lo sai come si sta quando non chiedi aiuto
Ma noi balliamo anche sotto il diluvio
Universale”

“Dove e quando” (2019)

“E se il tuo treno
Passa una volta
Dimmi a che ora è
Arrivo prima che cada l'ultimo fulmine”