Daniele Silvestri in piazzetta Liberty, un'ora per Apple e pochi intimi

Inserire immagine
Daniele Silvestri in Piazzetta Liberty per Apple

Uno dei cantautori più contemporanei spegne, con la sua musica e per quasi un'ora, la calura milanese. Daniele Silvestr i è protagonista dell'appuntamento di giugno di Apple Music Live Piazza Liberty

(@BassoFabrizio)

Fino a una ventina di giorni fa ci lamentavamo che l'estate latitava. Poi è arrivato il caldo...caldo e dunque l'estate andrebbe esorcizzata. Nella scontentezza metereologica ci sono delle oasi. Una è creata, troppo di rado per la sua bellezza, da Apple che trasforma Piazzetta Liberty in oasi musicale dove coriandoli di note fanno dimenticare il caldo. E se, per propria iniziativa, a ulteriore refrigerio ci si mette una bella bollicini di Lini, in un attimo Piazzetta Liberty si trasforma in poesia. Per un'ora o poco più. La conferma si è avuta il 27 giugno, forse la giornata più calda dell'anno mitigata preventivamente da un Metodo Classico Rosè di Lini 910, ci ha regalato un'ora scarsa con Daniele Silvestri. A dimostrazione che il caldo non interrompe l'energia quando va in scena il bello.

A ciò aggiungiamo che con una setlist che spaziava dai brani del passato a quelli più recenti. Daniele Silvestri è stato intenso, ironico, riflessivo. Ha esordito dicendo che non avrebbe rispettato, animo ribelle sempre, i 40 minuti previsti ma che avrebbe puntato almeno all’ora e poi ha puntato le sue note sui migranti: "Una volta in una canzone ho raccontato la storia di tante vite, di vite gettate in mare e non ho pensato di fare nulla di politico. Ora sembra di sì dunque dedico questa canzone, Le Navi, alla comandante e all’equipaggio della Sea-Watch 3. Ascoltandolo ora, questo brano sembrerà addirittura eversivo. Il clima che avvolge l'Italia come un sudario gli dà inquietudine: "Ho sempre respinto il clima di odio e divisione considerando il mondo come una unica casa per tutti, un luogo dove è semplicemente assurdo erigere barriere e muri. Il vero sentimento, il nostro sentimento, è essere umani, è ciò che ci fa sentire a casa ovunque”.

Daniele Silvestri a Apple Music Live Piazza Liberty

Prima di essere un uomo
Monetine
Ma che discorsi
Le cose in comune
Manifesto
Le navi
La mia casa
L’appello
Prima che
Argentovivo
Il mio nemico
Gino e l’alfetta
Salirò