Eurovision Song Contest: i rappresentanti dell'Italia degli ultimi 10 anni

Mahmood
@Getty Images

Dal 2011 l'Italia è tornata a partecipare all'Eurovision Song Contest. Ecco i rappresentanti degli ultimi dieci anni

Sarà Mahmood a rappresentare l’Italia nell’Eurovision Song Contest del 2019. La kermesse in programma dal 14 al 18 maggio è l’evento non sportivo più seguito al mondo con 41 Paesi che si sfidano a colpi di note. Dal 2008 il regolamento prevede due semifinali dalle quali sono escluse Italia, Francia, Germania, Spagna e Regno Unito. Definite Big Five hanno il diritto di accedere direttamente alla fase finale insieme al paese ospitante. Alla finale accedono 26 cantanti, tra questi ci sarà Mahmood con “Soldi”, il brano vincitore dell’edizione 2019 del Festival di Sanremo. Il cantante italiano è tra i favoriti per la vittoria finale, un traguardo che l’Italia non raggiunge dal 1990 con Toto Cutugno e la sua canzone “Insieme: 1992”. 

Da Raphael Gualazzi a Emma

Dal 1998 al 2010 l’Italia non ha partecipato all’Eurovision Song Contest e si è ripresentata solo nel 2011 con Raphael Gualazzi. L’artista aveva vinto il Festival di Sanremo 2011 nella categoria Giovani e con “Follia d’amore (Madness Love)” raggiunse il secondo posto. L’anno successivo fu il turno di Nina Zilli che si presentò con il brano “L’amore è femmina (Out of Love)” ma non andò oltre il nono posto. Nel 2013 fu il turno di Marco Mengoni reduce dal grande successo al Festival di Sanremo. L’artista ripropose “L’essenziale” anche nell’edizione dell’Eurovision Song Contest ma non riuscì ad entrare nella top 5 conquistando solo il settimo posto. L’anno successivo Emma non riuscì a conquistare il pubblico europeo e ottenne il peggior risultato italiano nella storia della manifestazione con 33 punti che le valsero solo il ventunesimo posto. Dal 2015 il vincitore del Festival di Sanremo ha il diritto per regolamento di partecipare all’Eurovision Song Contest, salvo rinuncia. 

Il posto de Il Volo e il premio per Gabbani

In quell’edizione partecipò il trio Il Volo che vinse il Festival di Sanremo con “Grande amore”. Nella finale i tre ragazzi conquistarono un onorevole terzo posto con 292 punti. Nel 2016 fu Francesca Michielin a rappresentare l’Italia. La cantante venne scelta dopo il rifiuto da parte degli Stadio, vincitori dell’edizione del Festival di Sanremo di quell’anno. Con il brano “No Degree of Separation”, la Michielin raggiunse il sedicesimo posto. Grande favorito alla vigilia, nell’edizione 2017, Francesco Gabbani sembrava ad un passo dal riportare la vittoria in Italia dopo tanti anni. Il suo “Occidentali’s Karma” era stato accolto con grande entusiasmo nei primi giorni della manifestazione e in tanti credevano nella sua affermazione. In finale però la sua avventura si è conclusa al sesto posto ma con la soddisfazione di aver conquistato il Premio Marcel Bezençon della Sala Stampa. Nel 2018 il duo Ermal Meta e Fabrizio Moro si presentò sul palco dell’Eurovision Song Contest, di scena a Lisbona, con la canzone “Non mi avete fatto niente”. Il brano, vincitore del Festival di Sanremo, si piazzò al quinto posto. 

Le ultime vittorie e i podi

In 45 partecipazioni all’Eurovision Song Contest, l’Italia è riuscita a vincere solo due volte. Nel 1964 trionfò Gigliola Cinquetti con “Non ho l’età (Per amarti)”, mentre nel 1990 fu il turno di Toto Cotugno. Il peggior piazzamento nella storia della manifestazione è di Domenico Modugno che nel 1966 ottenne il diciassettesimo posto (ultimo di quella edizione) con il grande classico “Dio come ti amo”. Tra le canzoni che hanno conquistato il podio anche “Gente di mare” di Umberto Tozzi e Raf (nel 1987) e lo stesso Domenico Modugno nel 1958 con “Nel blu dipinto di blu (Volare) che raggiunse il terzo posto.