Madonna, i 5 album più famosi

Madonna
@Getty Images

Madonna ha rivoluzionato il mondo della musica, influenzato le tendenza della moda ed è entrata nella leggenda

Madonna è l'artista femminile che ha venduto più dischi nella storia della musica. Probabilmente neanche lei sapeva di poter entrare nella leggenda, considerando che il suo obiettivo una volta giunta a New York nella fine degli anni ‘70 era quello di diventare ballerina. Poi l’incontro il gruppo Breakfast Club e il salto verso la carriera da solita con i suoi primi singoli pubblicati nei primi anni ‘80. Lì è iniziata la sua ascesa al trono di Regina del Pop. 29 album pubblicati, 13 quelli in studio, 50 Billboard Music Awards, 7 Grammy Awards e oltre 350 milioni di dischi venduti, Madonna è questo e tanto altro. Ha reso la sua immagine tanto importante quanto la musica, usando e possedendo la sua sessualità in modo non convenzionale, sfruttando la crescente popolarità dei video. Ha affermato il suo potere in un’industria dominata dagli uomini, ha definito le tendenze della moda, basta guardare agli outfit ispirati a Madonna: guarda la gallery sulla seconda puntata di Mix&Match in onda il 14 ottobre alle TIME. I suoi album sono viaggi continui che hanno trattato tutte le tematiche che riguardano la vita di una persona: l’amore, la perdita, la spiritualità, la libertà e la spensieratezza. Ne abbiamo scelti cinque, quelli che rappresentano al meglio l’universo Madonna:

  1. Madonna
  2. Like a Virgin
  3. True Blue
  4. Like a Prayer
  5. Ray of light

Madonna

Quando Madonna ha pubblicato il suo album di debutto omonimo nel 1983, aveva già pubblicato alcuni successi da club come “Everybody e Burning Up”. In un momento in cui il pop mainstream era dominato da Michael Jackson grazie a “Thriller”, Madonna ha sfondato portando il dance-pop fuori dai club e alla radio. Prima con “Holiday” poi con “Lucky Star” è riuscita pian piano a conquistare le vette della classifica. Un album lento ma costante che alla fine del 1984 ha raggiunto le sue vendite massime. Synth e drum machine ma sempre fresco e spigliato. Canzoni pop ma anche dancefloor con cinque brani scritti da Madonna.

Like a Virgin

Nel 1984 Madonna si presenta con titolo e una copertina dell’album provocatoria. Stesa sul letto con un abito da sposa e una cintura “Boy Toy” arriva “Like A Virgin”. Il prodotto discografico è di qualità grazie anche al lavoro di Nile Rodgers e così arrivano una serie di hit ancora oggi proposte nei suoi concerti: “Like a Virgin”, “Material Girl”, “Love Do not Live Here Anymore”, “Angel” e “Dress you up”. “Like a Virgin” supera le 10 milioni di copie vendute negli Stati Uniti dove nel 1999 è stato certificato disco di diamante nel 1999, oltre 21 milioni di copie nel mondo, un MTV Video Music Award e il Video Vanguard Award per il grande impatto nel mondo dei video.

True Blue

Passano solo due anni ma nel 1986 è già cambiato molto nella vita di Madonna. “True Blue” è il terzo album e all’epoca l’artista era sposata e aveva partecipato a tre film. Si presenta quindi una donna più esperta del settore e matura che scrive e coproduce tutti i brani e anche in questo caso non sbaglia un colpo. L’album include la ballad "Live to Tell" sugli effetti che le bugie possono avere nella vita di una persona, "True Blue" ispirato all'allora marito Sean Penn, "Papa Do not Preach" che ha affrontato la gravidanza adolescenziale, "Where's the Party" e "Open Your Heart." True Blue è stato un successo globale che le ha permesso di affiancare star della musica come Prince e Michael Jackson.

Like a Prayer

Nel 1989 arriva “Like a Prayer”, terzo album consecutivo a conquistare il primo posto tra gli album più venduti negli Stati Uniti. I temi generali sono influenzati dall'educazione religiosa, dal matrimonio fallito ("Till Death Do Us Part") e dalla morte di sua madre ("Promise to Try"). I produttori sono Patrick Leonard e Stephen Bray e nel disco è presenta anche Prince ("Love Song") che ha anche suonato la chitarra in altri tre brani ("Like a Prayer", "Keep It Together" e "Act of Contrition" “). Ispira le donne a chiedere rispetto "Express yourself" e abbraccia l'amore nel vivace "Cherish". “Like a Prayer” è uno degli album più importanti degli anni ‘80 e uno dei più grandi successi artistici di Madonna.

Ray of light

Dopo aver avuto una bambina e aver recitato nel film “Evita”, Madonna cambia radicalmente look e reinventa nuovamente la sua immagine. In “Ray of light”, pubblicato nel 1998, vira sull’elettronica, la techno, il trip hop e il drum & buss.  Prodotto da William Orbit, mantiene le sue radici dance ma ancora una volta dimostra di poter essere la regina assoluta della musica pop, questa volta alternativa. Dall’album, uno dei migliori della sua carriera e giudicato tra i migliori di tutti i tempi, vengono estratti cinque singoli: “Frozen”, “Ray of light”, “Drowned World/Substitute for Love”, “The Power of Goodbye” e “Nothing Really Matters”. In questo album Madonna canta con una più ampia estensione vocale e dimostra ancora una volta di poter adattarsi ad ogni contesto. Come già successo in precedenza, quest’album e l’immagine di Madonna (influenzata dalla Cabala ebraica, dal suo studio dell'Induismo e del Buddhismo e dalla pratica quotidiana dello Yoga) ebbero una forte influenza sulla musica pop.

Gli outfit ispirati a Madonna: guarda la gallery sulla seconda puntata di Mix&Match in onda il 14 ottobre su Sky Uno

TAG: