Festival di Venezia 2018 LIVE: il giorno di Micaela Ramazzotti e Sukamoto

Inserire immagine

La decima giornata della 75.ma  Mostra del Cinema di Venezia  vede tra tra i film in concorso, “Zan (Killing)”, un action movie firmato Shin’ya Tsukamoto.

Molta attesa anche per il film  italiano (presentato fuori concorso) di Roberto Andò: “Una storia senza nome" interpretato da  Micaela Ramazzotti, nei panni di una giovane segretaria che scrive in segreto per un importante sceneggiatore (Alessandro Gassman)

 

21:05 7 set

Cinepop porta al Lido Questo o Quello, la sfida tra Gianni Canova e Francesco Castelnuovo


Cinepop Questo o Quello-At Eternity's Gate e American Dharma | Video Sky

video.sky.itVedi il video 'Cinepop Questo o Quello-At Eternity's Gate e American Dharma'
20:49 7 set

Sam Claflin, il bello, è a Venezia: le fan sono avvisate


 
19:55 7 set

La scollatura in rosso di Paola Di Benedetto incendia il Lido


 
19:53 7 set

Mariana Rodriguez "gonfia" il Red carpet veneziano


 
19:50 7 set

Francesca Brambilla....fa dilatare le pupille al popolo del red carpet


 
19:07 7 set

Micaela Ramazzotti e Alessandro Gassmann presentano Una storia senza nome


Venezia 2018, Una storia senza nome: Micaela Ramazzotti e Alessandro Gassmann | Sky TG24

Vedi su Sky TG24 la fotogallery Venezia 2018, Una storia senza nome: Micaela Ramazzotti e Alessandro Gassmann
16:43 7 set

Venezia 2018; Roma, The Favourite e First Man i film favoriti per il Leone d'Oro

Mancano poche ore ormai alla conclusione della 75/ma Mostra internazionale di arte cinematografica di Venezia. Un'edizione caratterizzata da una
(rara) omogeneita' di giudizi di critica e pubblico e dai continui moniti giunti attraverso dichiarazioni dei registi,personaggi, racconti o riflessioni a combattere i protezionismi e i sovranismi che stanno interessando le sorti della politica mondiale.
Grande favorito, fin dall'inizio del festival, e' senza dubbio "Roma" di Alfonso Cuaron, vivido ritratto in bianco e nero dei conflitti interni al tempo dei disordini politici del Messico degli anni settanta. Va pero' considerato che proprio il presidente della giuria, e vincitore del Leone d'oro 2017 con "La forma dell'acqua", il messicano Guillermo del Toro, potrebbe involontariamente ostacolare una nuova vittoria del paese centramericano. In corsa anche "The Favourite" del greco Yorgos Lanthimos con Emma Stone, opera in costume ambientata ad inizio del XVIII secolo, e "First man", film di apertura del festival diretto da Damien Chazelle incentrato sul racconto della figura di Neil Armstrong (anche se in questo caso il giudizio della critica e del pubblico divergono un po' con la prima decisamente piu' severa). Fra gli italiani, i favoriti sono "Suspiria" di Luca Guadagnino, remake dell'omonimo film di Dario Argento del 1977, e "Capri-revolution", opera firmata da Mario Martone che narra la storia di una "comune" nata a Capri tra 1900 e 1913 attorno alla figura del pittore Karl Diefenbach. Da segnalare comunque anche l'ampio consenso intorno a "22 July" di Paul Greengrass.
16:09 7 set

Una conturbante Celine Salette


 
16:08 7 set

Ai piedi di Celine Sallette


 

 

13:46 7 set

Venezia 2018: Sukamoto: la conferenza stampa

 
12:38 7 set

Micaela Ramazzotti, sexy diva a Venezia

 

Micaela Ramazzotti, sexy diva a Venezia | Sky TG24

Vedi su Sky TG24 la fotogallery Micaela Ramazzotti, sexy diva a Venezia
12:36 7 set
Capri-Revolution: Il video della Conferenza Stampa
12:31 7 set

Stella Egitto, conduttrice di Cinepop  fotografata alla 75.ma Mostra del Cinema di Venezia

Foto Getty Images
 
11:24 7 set

Venezia 2018: lo stilista Matteo Evandro Manzini punta sulla personalità

Venezia 2018: lo stilista Matteo Evandro Manzini punta sulla personalità | Sky TG24

Leggi su Sky TG24 la news Venezia 2018: lo stilista Matteo Evandro Manzini punta sulla personalità
10:30 7 set
Venezia 2018. le conferenze stampa di oggi
10:24 7 set

Una Storia Senza Nome: La Clip

 

Una Storia senza nome | Video Sky - Sky Cinema HD

video.sky.itVedi il video 'Una Storia senza nome' - Sky Cinema HD
10:11 7 set

Micaela Ramazzotti e Alessandro Gassmann in Una Storia senza Nome

 
10:10 7 set

Laura Morante in Una Storia Senza Nome

 
09:58 7 set

Al Festival di Venezia 2018, Marianna Fontana è la vera "Capri Revolution": GUARDA LE FOTO 

 

Venezia 2018: Marianna Fontana è la vera "Capri Revolution" | Sky TG24

Vedi su Sky TG24 la fotogallery Venezia 2018: Marianna Fontana è la vera "Capri Revolution"
 
09:42 7 set

Venezia 2018: Il Programma della decima giornata

ZAN (UCCIDERE) film di samurai con il quale il giapponese Shinya Tsukamoto compie anche una riflessione sull'oggi, chiude  il concorso di Venezia 75 alla Mostra del Cinema. Fuori concorso debutta la commedia gialla, tra mondo dell'arte, cinema e criminalita' UNA STORIA SENZA NOME di Roberto Ando', con un cast che comprende Micaela Ramazzotti, Renato Carpentieri, Laura Morante, Alessandro Gassmann e Jerzy Skolimowski. Al debutto fuori concorso anche il documentario PROCESS di Sergei Loznitsa (che due anni fa aveva portato alla Mostra Austerlitz, sul turismo di massa nei campi di concentramento), immersione in un grande processo farsa stalinista del 1930, e l'affresco sui giorni della rivoluzione francese UN PEUPLE ET SON ROI di Pierre Schoeller, interpretato, tra gli altri, da Gaspard Ulliel, Ade'le Haenel, Olivier Gourmet, Louis Garrel. Per Venezia Classici viene presentata la versione restaurata del capolavoro di Luchino Visconti MORTE A VENEZIA, mentre a Sconfini c'e' l'extended cut' (188 minuti) di THE TREE OF LIFE di Terrence Malick.
   Ecco alcuni dei principali appuntamenti di oggi
   ZAN (UCCIDERE) di Shinya Tsukamoto (Venezia 75) con  Sousuke Ikematsu, Yu Aoi, Tatsuya Nakamura (Sala Grande alle 17). Nel corso della meta' del XIX secolo, dopo circa 250 anni di pace, in Giappone i guerrieri samurai si sono impoveriti. Di conseguenza, molti lasciano i loro padroni per diventare dei ronin erranti. Mokunoshin Tsuzuki e' uno di questi samurai.
   PROCESS di Sergei Loznitsa (Fuori concorso - Sala Grande alle 14.15). Mosca, URSS, 1930, Sala delle colonne nella Casa dei sindacati. Un gruppo di economisti e di ingegneri di alto livello sono a processo con l'accusa di aver organizzato un colpo di stato contro il governo sovietico. Si ipotizza un loro patto segreto con il primo ministro francese Raymond Poincare' diretto a distruggere il potere sovietico e restaurare il capitalismo.
   UN PEUPLE ET SON ROI di Pierre Schoeller (Fuori concorso) con Gaspard Ulliel, Ade'le Haenel, Olivier Gourmet, Louis Garrel (Sala Grande alle 19.15). Parigi, 1789. La Bastiglia e' stata presa e un alito di liberta' soffia per le strade di Parigi. Francoise, una giovane lavandaia, e Basile, un vagabondo senza nome ne' famiglia, scoprono insieme la straordinaria euforia della rivoluzione e dell'amore.
   UNA STORIA SENZA NOME di Roberto Ando' (Fuori concorso) Micaela Ramazzotti, Renato Carpentieri, Laura Morante, Alessandro Gassmann, Jerzy Skolimowski ((Sala Grande alle 22). Valeria, giovane segretaria di un produttore cinematografico, vive appartata, sullo stesso pianerottolo della madre, e scrive in incognito per uno sceneggiatore di successo, Alessandro Pes. Un giorno la donna viene avvicinata da un misterioso poliziotto in pensione che le vuole raccontare una storia criminale.
   MORTE A VENEZIA di Luchino Visconti (1971) (Venezia Classici) con Dirk Bogarde, Romolo Valli, Marisa Berenson, Carole Andre', Bjoern Andre'sen, Silvana Mangano (sala Giardino alle 14.30). Tratto dal racconto di Thomas Mann, Il musicista Gustav von Aschenbach, che lascia la Germania per trascorrere le vacanze al Lido di Venezia. Nell'albergo di lusso in cui alloggia incontra Tadzio, un enigmatico ragazzo polacco, che diventa per Aschenbach un'ossessione. Restauro a cura di Cineteca di Bologna, Istituto Luce - Cinecitta?.
   THE TREE OF LIFE di Terrence Malick - Extendend cut (Sconfini) con Brad Pitt, Sean Penn, Jessica Chastain, Hunter McCracken (Sala Giardino alle 21). La versione qui presentata, cui Malick ha aggiunto, nel 2018, cinquanta minuti di riprese, non e' un remake del film, quanto una meditazione piu' estesa sulla vita dei protagonisti, con un ritmo e un equilibrio diversi, e riflette la convinzione del regista che i film sono cose vive, anche se la versione del 2011 rimane la sua preferita
 
TAG: