Festival di Venezia 2018 LIVE: Tutte le news della quinta giornata

Inserire immagine

Oggi 2 settembre, debutta in concorso il secondo dei tre italiani in gara, Roberto Minervini  con il documentario in bianco e nero WHAT YOU GONNA DO WHEN THE WORLD'S ON FIRE? (CHE FARE QUANDO IL MONDO E' IN FIAMME?) sulla comunita' nera di New Orleans, tra le nuove Black Panthers e le conseguenze della gentrification. In gara c'e' anche Jacques Audiard con il western sui generis su due fratelli (interpretati da Joaquin Phoenix e John C. Reilly)  con pochi scrupoli  a uccidere, di THE SISTERS BROTHERS. Molto atteso anche l'esordio fuori concorso delle prime due puntate di L'AMICA GENIALE, la serie diretta da Saverio Costanzo, che porta sul piccolo schermo il primo romanzo della quadrilogia bestseller di Elena Ferrante 

20:34 2 set

Il Red Carpet di L'Amica Geniale

 

Venezia 2018 : Alba Rohrwacher sexy sul red carpet di L'Amica Geniale | Sky TG24

Vedi su Sky TG24 la fotogallery Venezia 2018 : Alba Rohrwacher sexy sul red carpet di L'Amica Geniale
19:46 2 set

La recensione di What you gonna do when the world's on fire? 

 

What You Gonna Do When the World's on Fire? La recensione del film di Minervini | Sky TG24

Leggi su Sky TG24 la news What You Gonna Do When the World's on Fire? La recensione del film di Minervini
18:24 2 set

Venezia 2018; Una domenica al bacio

 

Venezia 2018, una domenica al bacio | Sky TG24

Vedi su Sky TG24 la fotogallery Venezia 2018, una domenica al bacio
18:22 2 set

Venezia 2018: 'Fre'res Ennemis' polar pieno di coca e patriarcato

In concorso per la Francia oggi un autentico polar, 'Fre'res Ennemis' di David Oelhoffen con Matthias Schoenaerts, Reda Kateb e Adel Bencherif. Un film di genere che mette a confronto un antico tema, quello degli amici d'infanzia che si trovano dalla parte opposta della barricata.
  Siamo nella Parigi odierna e Driss (Reda Kateb) e Manuel (Matthias Schoenaerts), nati e cresciuti in un quartiere malfamato delle banlieu, sono entrambi di origine marocchina: Manuel abbraccia la vita criminale, mentre Driss diventa un poliziotto della narcotici.
  Quando il piu' grande affare di Manuel va storto, i due uomini si incontrano di nuovo e si rendono conto che hanno bisogno, nonostante antichi dissidi, l'uno dell'altro per sopravvivere nei loro mondi.
  In 'Fre'res ennemis', piu' apprezzato dalla critica straniera che da quella italiana, mette in campo tutti gli stereotipi del genere: coca a spiovere, sparatorie, cinici criminali innamorati dei loro figli e poi, su tutto, il senso della famiglia, del patriarcato, delle origini magrebine che restano salde nel cuore della guardie come dei ladri.
  David Oelhoffen, regista, sceneggiatore e attore francese dal 1996 ha realizzato vari cortometraggi presentati in numerosi festival cinematografici, tra cui 'Sous le bleu' (2004) portato a Venezia. Nel 2007 il suo primo lungometraggio: 'Nos retrouvailles', presentato a Cannes nella 'Semaine della Critique'.  E' in concorso, infine, proprio a Venezia nel 2014 con 'Loin des hommes'.

 
16:08 2 set

Venezia 2018:  Minervini," ci hanno sparato durante le riprese"

Durante le riprese a New Orleansci hanno sparato, la polizia ha tirato dei proiettili anche
verso di noi, ci siamo spaventati ma questa troupe credeva cosi' tanto all'urgenza di raccontare il grido della comunita' afro e indo americana di New Orleans che abbiamo continuato a girare", racconta Roberto Minervini, emozionandosi fino alle lacrime, presentando il film documentario What you gonna do when the world's on fire? (Cosa fare quando il mondo e' in fiamme?), in gara a Venezia 75, applaudito alle proiezioni stampa. "Al di la' del cinema, questa e' vita, una cosa grossa", aggiunge il regista del film prodotto da Okta, Pula e Rai Cinema, in sala prossimamente con Cineteca di Bologna e Valmyn.
Girato nell'estate 2017 racconta la comunita' nera del Sud Americano che convive con violenza e poverta', cerca di organizzare una reazione alle violenze, anche della polizia, con le Black Panther, mentre il Ku Klux Klan riemerge.
 
16:02 2 set

Venezia 75: il duro attacco di Spike Lee a Matteo Salvini

"Con uno come Salvini non prenderei mai un bicchiere di vino, né ci andrei allo stadio a vedere la Juve, di cui sono tifoso". Sono le parole di Spike Lee, intervistato dall'Huffington Post al Festival del Cinema di Venezia per presentare il suo ultimo film BlacKkKlansman, che affronta il tema dell'immigrazione e del razzismo. 
Il regista non si è risparmiato nei confronti del ministro dell'Interno italiano: "Quello che sta facendo in Italia lo stanno facendo Putin in Russia, la Le Pen in Francia e Agent Orange (Donald Trump) da noi". Il nome di Spike Lee si è aggiunto ai tanti artisti e vip che si sono dimostrati contro le politiche migratorie di Matteo Salvini: 
Pronta è stata, via social, la risposta del ministro dell'Interno: "Salvini, Trump e Putin sono pericolosi, meglio stargli alla larga", ha scritto Salvini in un post, citando Lee. "Più soldi hanno, più sono arroganti: ma il signor Spike Lee non ha altro di cui occuparsi che non di me?".
16:00 2 set

La Favorita: La Recensione

La Favorita: la recensione del film con Olivia Colman, Emma Stone, Rachel Weistz | Sky TG24

Leggi su Sky TG24 la news La Favorita: la recensione del film con Olivia Colman, Emma Stone, Rachel Weistz
 
 
09:22 2 set

Il Ragazzo più felice del mondo: La Recensione

Venezia 2018: Il Ragazzo più felice del mondo: la recensione del film di Gipi | Sky TG24

Leggi su Sky TG24 la news Venezia 2018: Il Ragazzo più felice del mondo: la recensione del film di Gipi
 
 
09:16 2 set
  

Il Red Carpet di Suspiria

 

Venezia 2018: Suspiria, un red carpet rosso sangue | Sky TG24

Vedi su Sky TG24 la fotogallery Venezia 2018: Suspiria, un red carpet rosso sangue
08:01 2 set

Venezia 2018: Red Carrpet romantico

Venezia 2018: il red carpet più romantico che ci sia | Sky TG24

Vedi su Sky TG24 la fotogallery Venezia 2018: il red carpet più romantico che ci sia
 
07:58 2 set

GLI APPUNTAMENTI PRINCIPALI DELLA QUINTA GIORNATA DEL FESTIVAL DEL CINEMA DI VENEZIA


   WHAT YOU GONNA DO WHEN THE WORLD'S ON FIRE? (CHE FARE QUANDO IL MONDO E' IN FIAMME?) di Roberto Minervini (Venezia 75 - Sala Grande alle 14.15). Estate 2017, una serie di brutali uccisioni di giovani africani americani per mano della polizia scuote gli Stati Uniti. Una comunita' nera del Sud americano affronta gli effetti persistenti del passato, cercando di sopravvivere in un paese che non e' dalla parte della sua gente.
   THE SISTERS BROTHERS di Jacques Audiard (Venezia 75) con  Joaquin Phoenix, John C. Reilly, Jake Gyllenhaal, Riz Ahmed (Sala Grande alle 19.30). Charlie ed Eli Sisters vivono in un mondo selvaggio e ostile. Hanno le mani sporche di sangue: sangue di criminali, ma anche di innocenti.
   L'AMICA GENIALE di Saverio Costanzo (Fuori concorso) con Elisa Del Genio, Ludovica Nasti, Margherita Mazzucco, Gaia Girace (Sala Grande alle 17). Quando l'amica piu' importante della sua vita sembra essere scomparsa senza lasciar traccia, Elena Greco, accende il computer e inizia a scrivere la storia sua e di Lila, la storia di un'amicizia nata sui banchi di scuola negli anni Cinquanta.
   LA QUIETUD di Pablo Trapero (Fuori Concorso) con  Martina Gusman, Be're'nice Bejo, Graciela Borges (Sala Grande alle 22). Dopo lunghi anni di assenza, e a seguito dell'ictus di suo padre, Eugenia ritorna a La Quietud, la tenuta di famiglia vicino a Buenos Aires, dove ritrova la madre e la sorella. Le tre donne sono costrette ad affrontare i traumi emotivi e gli oscuri segreti del passato che hanno condiviso sullo sfondo della dittatura militare.
   I DIARI DI ANGELA - NOI DUE CINEASTI di Yervant Gianikian, Angela Ricci Lucchi (Fuori concorso - Sala Giardino alle 17.15). Angela rivive  nelle sue parole scritte a mano che accompagnano i suoi disegni, gli acquarelli, i rotoli lunghi decine di metri. Attraverso i film privati, dimenticati della coppia.
   CAMORRA di Francesco Patierno (Sconfini - Sala Giardino alle 21). I filmati raccontano lo sviluppo del fenomeno camorristico tra gli anni Sessanta e Novanta: dalla subordinazione alla mafia, fino all'avvento di Raffaele Cutolo.
   TEL AVIV ON FIRE di Sameh Zoabi (Orizzonti) con  Kais Nashif, Lubna Azabal, Yaniv Biton (Sala Darsena alle 14.00). Salam, un affascinante trentenne palestinese lavora come stagista sul set della famosa soap opera palestinese Tel Aviv on Fire. A un rigido posto di blocco israeliano incontra il comandante israeliano Assi, la cui moglie e' una fedelissima fan della soap opera.
   CHARLIE SAYS, Mary Harron (Orizzonti) con Matt Smith, Hannah Murray, Marianne Rendon, Sosie Bacon, Merritt Wever (Sala Darsena alle 16.45). Uno sguardo sul vero Charles Manson, il famoso psicopatico americano, mediante l'analisi degli infami delitti perpetrati dalla Manson Family visti attraverso gli occhi di Karlene Faith, ricercatrice che lavora con tre giovani donne, entrate a far parte della setta dopo aver subito il lavaggio del cervello. 
TAG: