Giffoni 2019, Don Joe tra urban e innovazione porta al GFF il ritmo rap

Inserire immagine
Don Joe a Giffoni

Le domande sul lavoro del producer, il #GiffoniRapContest , la masterclass: Don Joe , frequentatore assiduo del Giffoni Film Festival è entusiasta di questa edizione 2019. L'INTERVISTA

(@BassoFabrizio
Inviato a Giffoni Valle Piana)


I giovani sono innovatori. E' la riflessione di Don Joe, assiduo frequentatore del Giffoni Film Festival da circa un decennio per questioni di cuore, e dunque uno dei più attenti osservatori di quello che Francois Truffaut ha definito il festival necessario. Ci siamo incontrati più volte nei backstage. Lui, inoltre, è in giuria nel #GiffoniRapContest insieme a Max Brigante, Anastasio, Shade e Junior Cally.

Don Joe il rap quest'anno è protagonista a Giffoni.
Da un po' di anni la scena urban arriva in questi luoghi. Prima abbiamo organizzato i concerti e ora siamo passati ai contest.
Come selezionate i ragazzi?
Ci mandano i provini via mail e noi procediamo a fare le nostre scelte fino ad arrivare agli otto finalisti.
Tu sei uno dei pochi curiosi in circa di novità. Quasi un sopravvissuto.
Faccio scouting per Sony e riconosco che le nuove generazioni sono ottime. Stanno anche crescendo le quote rosa, una ragazza ha davvero sfiorato di essere negli otto.
L'Urban italiano è sempre più vicino a quello americano.
Sotto tutti i punti di vista. Basti dire che fino a qualche anno fa per acquistare un mixer dovevi andare negli Usa, oggi è tutto più facile.
Non sarà solo una questione tecnica.
Il merito è delle nuove generazioni che sono brave.
Alla masterclass ti hanno fatto parecchie domande tecniche i Giffoner.
Ho lottato a lungo per fare uscire la figura del produttore, credo di potermi definire un pioniere. Basti dire che una volta il produttore stava dietro, sembrava lavorare dal backstage. Oggi è sul fronte del palco.
Soddisfatto, insomma.
Mi piacciono le domande tecniche sul mio lavoro di producer.
La tua estate?
In giro a suonare. Poi in estate si suona anche durante la settimana. E ne approfitto per pensare a cose nuove.