Festival di Venezia, America Latina: l'onirico viaggio dei fratelli D'Innocenzo

Cinema

Paolo Nizza

Elio Germano protagonista di un thriller dell'anima, sospeso tra sogno e realtà. Il riassunto della giornata SEGUI LA DIRETTA

“La conoscenza aumenta il mistero”, diceva Bernardo Bertolucci.  E scena dopo scena, più ci si addentra nel viaggio alla scoperta di America Latina, in concorso alla 78.ma Mostra del Cinema di Venezia  (LA DIRETTA; LO SPECIALE) e più ci si perde in una dimensione ipnotica e disturbante. E non è forse questa la magia del cinema? Sicché i fratelli gemelli Damiano e Fabio D’Innocenzo, si confermano talentuosi costruttori di mondi. Dopo lo splendido esordio con La terra dell’abbastanza e il geniale Favolacce (la recensione del film), premiato ai Nastri d’Argento e al Festival di Berlino, i registi continuano il loro personalissimo percorso narrativo con questo terzo film affascinante, onirico e composito. 

Il viaggio di Elio Germano in America Latina

approfondimento

America Latina, svelata la prima foto del film dei Fratelli D'Innocenzo

“Perfetto”. E' questa la prima battuta pronunciata da Elio Germano in America Latina. Ma la perfezione non abita qui, tra le mura dell’elegante villa con vetrate panoramiche e piscina. Ed è sufficiente una lampadina fulminata perché l’equilibrio si spezzi. La luce si trasfigura in tenebra, l’alba in tramonto, l’ascesa in crepuscolo. È un viaggio al termine della notte, quello che intraprende il protagonista tra amnesie, vuoti di memoria, abuso di alcol, il pacato dentista si perde nel labirinto delle sue ossessioni e dietro l’angolo ad aspettarlo si nasconde un mostro più pericoloso e feroce del Minotauro.

L’America Latina tra luce e tenebre

approfondimento

Fratelli D'Innocenzo, il nuovo film è America Latina

La forza del film dei fratelli D’Innocenzo è riuscire a inquietare lo spettatore con oggetti di uso comune o con momenti di ordinaria quotidianità. Persino una torta di compleanno, una colazione, un pianoforte possono rappresentare una minaccia. Perché da un lato abbiamo l’America, la terra dei sogni e delle opportunità. Dall’altro, il regno degli incubi e del caos, insomma la dimensione “latina” dell’esistenza. E il pericolo è nella dimora, celato tra le lenzuola o tra le chiacchiere consumate sottovoce dalla moglie e dalle figlie del protagonista. Insomma, sotto lo smalto bianco e traslucido di una dentatura invidiabile, si cela la placca, la carie, l’infezione. Come una memoria dal sottosuolo, si spalanca l’abisso. In un’epifania di primissimi piani di volti e barbe, la pellicola ci avvince, ci avvolge, ci abbraccia in un pertubante crescendo di emozioni selvagge e di rimozioni dolorose. E alla fine del film ci sentiamo smarriti, ma consapevoli di aver assistito a un’opera che scava davvero negli angoli più tenebrosi della nostra anima.

America Latina, la trama del film

approfondimento

Festival di Venezia 2021, i 5 film italiani in concorso


Latina: paludi, bonifiche, centrali nucleari dismesse, umidità. Massimo Sisti è il titolare di uno studio dentistico che porta il suo nome. Professionale, gentile, pacato, ha conquistato tutto ciò che poteva desiderare: una villa immersa nella quiete e una famiglia che ama e che lo accompagna nello scorrere dei giorni, dei mesi, degli anni. La moglie Alessandra e le figlie Laura e Ilenia (la prima adolescente, la seconda non ancora) sono la sua ragione di vita, la sua felicità, la ricompensa a un’esistenza improntata all’abnegazione e alla correttezza. È in questa primavera imperturbabile e calma che irrompe l’imprevedibile: un giorno come un altro Massimo scende in cantina e l’assurdo si impossessa della sua vita.

Le parole dei Fratelli D’Innocenzo, registi di America Latina

approfondimento

I fratelli D'Innocenzo: "Nel nostro prossimo film, amore e sangue"

“Abbiamo scelto di raccontare questa storia perché, semplicemente, era quella che ci metteva più in crisi. In crisi come esseri umani, come narratori, come spettatori. Una storia che sollevava in noi domande alle quali non avevamo (e non abbiamo, nemmeno a film ultimato) risposte che non si contraddicessero l’una con l’altra. Interrogarci su noi stessi è la missione più preziosa che il cinema ci permette e America Latina prende alla lettera questa possibilità, raccontando un uomo costretto a rimettere in discussione la propria identità. Essendo gemelli, anche i nostri due film precedenti raccontavano storie di famiglie, di senso di appartenenza, di sangue, ma non ci eravamo mai addentrati così a fondo nel tema e abbiamo scelto la via per noi più rischiosa: la dolcezza. La dolcezza e tutte le sue estreme conseguenze. America Latina è un film sulla luce e abbiamo scelto il punto di vista privilegiato dell’oscurità per osservarla.“

La recensione di Les Promesses

La recensione di Madres Parallelas

La recensione di The Power of The Dog

La recensione di E’ Stata la Mano di Dio

La recensione di Il collezionista di Carte

La recensione di Dune

La recensione di Spencer

La recensione di The Lost Daughter

La Recensione di Compentencia Oficial

La recensione di Ultima notte a Soho

La recensione di Sundown

La recensione di Mona Lisa and The Blood Moon

La recensione  di la scuola catttolica

La recensione di qui rido io

La recensione di Halloween Kills

 

Spettacolo: Per te

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.