Si vive una volta sola, la trama del film

La trama di “Si vive una volta sola”, il nuovo film scritto, diretto e interpretato da Carlo Verdone

È stata rimandata a data da destinarsi l’uscita nelle sale cinematografiche di “Si vive una volta sola”, il nuovo film di Carlo Verdone. Il regista e attore romano è il protagonista della pellicola insieme a Max Tortora, Anna Foglietta e Rocco Papaleo. L’uscita era prevista per il 26 febbraio ma a causa dell’emergenza per il Coronavirus si è deciso di posticiparla. In merito alla vicenda Carlo Verdone ha dichiarato: "Siamo nelle mani dei medici, virologi e infettivologi. Comunque dobbiamo essere fiduciosi, sono sicuro che l'emergenza rientrerà e presto avremo anche un vaccino, le notizie che arrivano dall'Australia sono positive". "Si vive una volta sola" è un film corale come nella tradizione di Carlo Verdone che ritorna a questo genere dopo una parentesi di tre pellicole con due protagonisti al centro della storia (“Sotto una buona stella”, “L’abbiamo fatta grossa”, “Benedetta follia”).

La trama di “Si vive una volta sola”

Il film racconta le vicende di un team di medici che lavorano insieme da tempo. Abili e grandi professionisti nel lavoro, nella vita sono fragili e maldestri. Il gruppo è formato da Umberto Gastaldi (Carlo Verdone), la strumentista Lucia Santilli (Anna Foglietta), l’anestesista Amedeo Lasalandra (Rocco Papaleo) e il suo assistente Corrado Pezzella (Max Tortora). Da sempre amano fare scherzi nei confronti di Amedeo, permaloso e soggetto portato per ricevere ogni tipo di sberleffo. Nel divertimento totale i tre spesso mettono il loro collega in situazioni davvero imbarazzanti. L’idillio però viene spezzato da una notizia che i colleghi scoprono quasi per caso. Amedeo è gravemente malato, ma non riescono a dirgli la verità e così decidono di partire tutti e quattro per un viaggio on the road tra le spiagge del Sud. Si trasformerà in un’avventura indimenticabile tra situazioni surreali e confessioni inaspettate. Il film nasce da una sceneggiatura scritta da Carlo Verdone insieme a Giovanni Veronesi e a Pasquale Plastino. Le riprese sono state effettuate in Puglia, a Bari, Monopoli, San Vito di Polignano, Otranto, Castro, Sant'andrea, Porto Badisco, Santa Cesarea Terme, Serrano.

Il cast scelto da Carlo Verdone

In “Si vive una volta sola”, ventisettesimo film di Carlo Verdone, il regista e attore è riuscito a coronare un suo sogno, quello di interpretare un medico. Nella sua carriera ha già vestito i panni di Raniero Cotti Borroni in “Viaggi di Nozze” ma con un piglio decisamente comico, in “Manuale d'amore 2” era pediatra e in “Italians” un dentista. Per il film il regista e attore ha voluto Anna Foglietta, sua grande fan. La stessa interprete ha sottolineato come la sua passione per il cinema sia nata anche grazie ai film di Carlo Verdone e che ora anche sua figlia ripete le frasi più divertenti della filmografia del regista romano. Anna Foglietta ha confessato che inizialmente non credeva realmente che Verdone l'avesse chiamata. Primo film con il regista anche per Rocco Papaleo e Max Tortora, anche quest’ultimo grande fan di Verdone. “Si vive una volta sola” nasce dalla volontà di raccontare l’amicizia in un periodo in cui ci sono più fragilità, problemi e incertezze e con un piglio riflessivo. “La commedia deve essere uno specchio di quello che siamo”, ha sottolineato Carlo Verdone.