Villetta con ospiti, la trama del film

Sette personaggi a impersonificare i sette peccati capitali: arriva in sala “Villetta con ospiti”, con Marco Giallini

Diretto da Ivano De Matteo, “Villetta con ospiti” arriva nelle sale cinematografiche italiane il 30 gennaio.

Dopo “La vita possibile” con Margherita Buy e Valeria Golino, De Matteo torna con una commedia noir girata a Bassano del Grappa (Vicenza): i 7 personaggi principali simboleggiano ciascuno uno dei 7 peccati capitali, a mettere in scena una storia borghese ambientata nel Nord Est italiano.

“Villetta con ospiti”: la trama

In “Villetta con ospiti”, Ivano De Matteo e la compagna Valentina Furlan raccontano una vicenda che si svolge tutta nel giro di ventiquattro ore: una famiglia borghese, residente in un paesino del Nord Italia, vede gli uomini e le donne intrattenersi nei cafè durante il giorno, in una vita d’apparente calma e serenità. 

È però di notte, che tutto cambia: il lato animalesco delle persone esce, e tutto si tinge di un’inquietante atmosfera noir. I sette protagonisti mettono in scena ciascuno uno dei peccati capitali, e perdizione e violenza disegnano i contorni di un paesino che non è quel che sembra. C’è la madre di famiglia infelice e ossessiva, il medico che non si cura dei suoi pazienti, il poliziotto molto più corrotto dei contrabbandieri stranieri contro cui usa violenza. 

Il film prende spunto dalla realtà, e ha al centro il tema delle armi e della legittima difesa. «Ci aveva colpito un fatto efferato accaduto in un contesto perbene e così abbiamo pensato di raccontare con candore e leggerezza una storia cattiva. L'abbiamo ambientata nel Nordest perché nella provincia ricca c'è più l'idea di difendersi, anche se fatti così succedono ovunque», ha spiegato il regista.

“Villetta con ospiti”: le parole di Marco Giallini

Tra gli interpreti di “Villetta con ospiti” troviamo Marco Giallini

«Nel film il mio personaggio non si è fatto problemi a sposare una donna con dei possedimenti. Io per denaro farei poco e nulla dato che non l’ho mai avuto. Ora ho un po’ di soldi quindi li posso dare ai miei figli, ma per me al massimo mi sono comprato una bella batteria perché mi piace suonare», ha commentato l’attore nel corso di un’intervista a Superguida Tv. 

Giallini ha poi parlato anche del tema della legittima difesa, al centro del film: «La difesa è sempre legittima, ma nel caso del film no. Se uno ti offende gli rispondi, se uno ti picchia ti difendi. Bisogna sempre vedere però il contesto. Ognuno se la racconta nel film, cercano di dividersi il fardello per non essere i responsabili principali. Anche nella vita di tutti i giorni la colpa è sempre così frammentata e divisa che non se la prende mai nessuno».

Così, “Villetta con ospiti” invita alla riflessione. E a sollevare il velo sulle apparenze di una realtà che, quando indagata, si rivela sempre profondamente diversa.