Benvenuti a casa mia, in prima visione su Sky Cinema Uno

Inserire immagine

Mercoledì 18 dicembre alle ore 21.15 arriva in prima visione su Sky Cinema Uno Benvenuti a casa mia . Diretto da Philippe de Chauveron, racconta l’avventura di un attivista francese che scopre la differenza tra il dire e il fare, fra cui, in questo caso, non c’è di mezzo il mare ma una famiglia di rom che vive nel suo giardino.

Film del 2017 diretto da Philippe de Chauveron, con Christian Clavier e Ary Abittan, Benvenuti a casa mia è una commedia che ironizza sui temi dell’uguaglianza e dell’integrazione, nello specifico del popolo rom. Dopo l’incredibile successo di Non sposate le mie figlie del 2014, il regista francese torna a dirigere Clavier, che risulta perfetto nei panni del borghese francese. Il suo personaggio, Jean-Etienne Fougerole, è un docente universitario, borghese e ricco, che si proclama di sinistra e si batte per l’uguaglianza delle persone. In tv per promuovere il suo ultimo libro “Benvenuti a casa mia” in cui sostiene che i francesi benestanti dovrebbero ospitare in casa propria chi è meno fortunato di loro, si confronta con un politico di destra, suo avversario, che lo sfida a dimostrare quanto dice ospitando in casa propria dei rom. Il protagonista, a questo punto, è molto imbarazzato e si trova in difficoltà, così finisce per dichiararsi disponibile ad accogliere i nomadi che ne hanno bisogno e lui e la sua famiglia si vedono praticamente costretti a ospitare nel loro giardino una famiglia rom. L’uomo si scontra così con la realtà e si trova diviso tra gli ideali e la realtà di ritrovarsi in casa degli sconosciuti chiassosi, rumorosi, sporchi e con un maiale a carico. La convivenza, quindi, va malissimo, ma non è tutto qui. Tra la famiglia di rom si nasconde anche un uomo francese, di Marsiglia, rimasto senza casa che costituisce un ulteriore problema per Fougerole, dato che inizia a tramare per realizzare un piano per arricchirsi a sue spese. Fortunatamente, con il tempo le due famiglie si uniranno sempre di più e chi lo meriterà sarà punito.