Demi Moore ieri e oggi, com’è cambiata l’attrice negli ultimi anni

Amori, eccessi, cambi di look: Demi Moore negli anni è cambiata tantissimo, sino a raggiungere una nuova consapevolezza di sé

Nata Demetria Gene Guynes l’11 novembre 1962, Demi Moore è un’attrice e produttrice cinematografica nota soprattutto per il ruolo di Molly Jensen in “Ghost” e del tenente Jordan "Jane" O'Neill in “Soldato Jane”.

Ex moglie di Bruce Willis (padre delle sue tre figlie) e di Ashton Kutcher, ha alle spalle un passato di eccessi e di look estremi.

Demi Moore: amori ed eccessi

Il suo primo matrimonio, Demi Moore lo celebra quando ha soli 18 anni. Lui è Freddy Moore, musicista rock il cui più grande successo, “It's Not A Rumour", lo scrisse proprio a quattro mani con la moglie. Nel 1985 i due divorziano, ma lei ne mantiene il cognome per scopi lavorativi.

Dopo Moore, Demi incontra quello che sarebbe diventato il grande amore della sua vita: Bruce Willis. Legati in matrimonio dal 1987 al 2000, i due diventano genitori di tre splendide bambine (oggi adulte realizzate): Rumer Glenn (1988), Scout LaRue (1991) e Tallulah Belle (1994). Nel 2005, per l’attrice è la volta del terzo matrimonio: a portarla all’altare è un giovane Ashton Kutcher, dal quale divorzierà poi nel 2013 pur essendosi separata nel 2011 (oggi Ashton è sposato con Mila Kunis, madre dei suoi due bimbi).

Ma non è stata solo una vita d’amore, quella di Demi Moore. Tanti sono gli eccessi che hanno segnato il suo passato, a cominciare dall’alcol. «Ricordo che ero molto ansiosa quando sentivo che i suoi occhi si chiudevano mentre parlava con me, capivo che era ubriaca», ha raccontato la figlia Tallulah. Ma anche l’attrice di quel passato difficile ha più volte parlato, così come ha confessato di aver subito una violenza sessuale a 15 anni, di aver avuto un aborto spontaneo al sesto mese di gravidanza (quando stava con Kutcher, da cui è più volte stata tradita) e di aver lottato a lungo contro la dipendenza da alcol e Vicodin.

Demi Moore: film e look

I cambi look di Demi Moore sono perlopiù legati ai suoi film. All’epoca di “Ghost” (1990), col suo sguardo romantico e il caschetto scuro, entrò nei cuori di tutti; sette anni più tardi, eccola invece con la testa rasata in “Soldato Jane”. L’immagine più iconica dell’attrice, tuttavia, risale al 1991: quell’anno posò nuda per Vanity Fair, col pancione in bella vista. Una fotografia, quella, che molte altre star avrebbero poi replicato.

Più volte al centro dell’attenzione per i suoi ritocchi estetici, di Demi Moore si è detto persino che si sia sottoposta ad un intervento alle ginocchia, ad inseguire un ideale di giovinezza eterna. Tuttavia, di recente l’attrice ha detto basta alla chirurgia, e alla sua ossessione per la magrezza: un gesto d’amore nei suoi confronti, ma soprattutto in quelli delle sue figlie, cosicché non si sentano in dovere di seguire gli ideali di bellezza imposti da Hollywood.

Una consapevolezza, questa, che rende Demi Moore ancor più bella. Soprattutto oggi, che ha deciso di essere se stessa e che quella se stessa l’ha messa nel suo libro da poco uscito, il memoir “Inside out”.