6 cose da sapere su Saoirse Ronan

Ecco alcune cose che potreste non sapere sulla talentuosa Saoirse Ronan, inserita nel ricco cast di Piccole donne

Saoirse Ronan è una delle attrici più apprezzate dell’odierno panorama cinematografico. L’interprete, irlandese ma con cittadinanza statunitense, è nata a New York nel 1994. Il suo esordio sul grande schermo è avvenuto molto in fretta, nel 2007, rientrando nel cast di 2 Young 4 Me – Un fidanzato per mamma. Un titolo che l’ha posta al fianco di attori come Michelle Pfeiffer e Paul Rudd. Un anno fondamentale per la sua carriera, che decolla rapidamente. Joe Wright infatti la sceglie per il suo Espiazione, film tratto dall’omonimo romanzo di Ian McEwan. Un ricco cast, con Keira Knightley e James McAvoy, con la Ronan in grado di distinguersi, arrivando a ottenere la sua prima candidatura ai Premi Oscar a soli 14 anni.

Una ricca filmografia

Nonostante la giovane età, Saoirse Ronan ha già collaborato con grandi attori e registi, prendendo parte a 21 pellicole dal 2007 a oggi. Espiazione è il film che l’ha lanciata a Hollywood, cui seguono pellicole al fianco di Guy Pearce e Bill Murray, con Houdini – L’ultimo mago ed Ember – Il mistero della città di luce. È la protagonista di Amabili resti di Peter Jackson e nel 2011 Joe Wright la inserisce nuovamente in un suo cast, stavolta come attrice principale, chiedendole alcuni cambiamenti fisici per Hanna.

Si rende conto del suo indubbio talento anche Wes Anderson, che la vuole per uno dei suoi film più riusciti, Grand Budapest Hotel. Tra il 2015 e il 2017 partecipa a due produzioni che segnano decisamente la sua carriera: Brooklyn e Lady Bird. È ormai un’attrice matura, nonostante i suoi 25 anni, e lo dimostra in un film molto complesso come Maria regina di Scozia. A inizio 2020 sarà in sala con Piccole donne, adattamento dell’omonimo romanzo, con un cast stellare, da Emma Watson a Meryl Streep.

La passione per la musica

È la protagonista del videoclip del brano Garden’s Heart di Natasha Khan e Jon Hopkins. Una spettacolare interpretazione drammatica per una delle canzoni della colonna sonora di Come vivo ora, film cui ha preso parte nel 2013, sotto la direzione di Kevin Macdonald.

Di particolare impatto la sua prova nel video di Cherry Wine di Hozier, nel quale si mostra come una giovane donna abusata dal proprio fidanzato. Una relazione violenta che le lascia segni sul volto. Un brano triste perché sprigiona verità, in una denuncia forte che il talento della Ronan ha aiutato a diffondere. Decisamente differente il tono del video di Ed Sheeran, Galway Girl, del quale la giovane attrice è protagonista. I due si innamorano in Irlanda, in una notte folle e piena di magia.

Il duro allenamento per Hanna

Il suo secondo film con il regista Joe Wright, Hanna, le ha richiesto uno sforzo enorme. La Ronan ha dovuto sporcarsi le mani, dandosi da fare per modificare in maniera netta il proprio fisico. Il suo personaggio, Hanna Heller, è una vera combattente. È soltanto un’adolescente ma il padre l’ha addestrata come fosse un soldato, così da consentirle di proteggersi da sola nel caso il suo passato nella CIA dovesse tornare a tormentarli.

Per riuscire a ottenere la fisicità richiesta per la parte, l’attrice ha dovuto prendere delle reali lezioni di combattimento. Il tutto in nome del realismo, con l’esperto Dan Inosanto che l’ha seguita per quattro ore al giorno, tutti i giorni, per un totale di due mesi.

Nessun provino per Amabili resti

Peter Jackson l’ha voluta per il ruolo di Susie in Amabili resti. Non è stato però necessario alcun provino affinché riuscisse a battere la concorrenza. La Ronan si è proposta per la parte con una prova recitativa registrata su nastro. Tanto è bastato per convincere la produzione, che coinvolgeva anche l’autrice del romanzo, dal quale il film è stato tratto, Alice Sebold. Per il ruolo di Susie preferiva un’attrice semi sconosciuta e la giovane Saoirse era perfetta.

Imprevisti sul set di Lady Bird

Lady Bird è una delle pellicole fondamentali della filmografia di Saoirse Ronan. Non era però abituata alla gran dose di trucco che la troupe aveva intenzione di usare regolarmente su di lei. Ciò ha portato a un’eruzione cutanea difficile da contenere. Una situazione che avrebbe costretto a utilizzare un quantitativo di make-up ancora superiore. L’attrice però avanza una richiesta alla regista Greta Gerwig. L’idea è quella di lasciare l’acne in vista, considerando l’età della protagonista e il fatto che si tratti di una storia di formazione. Nessuna liceale ha evitato lo stress dell’acne, dunque perché mascherarla, in nome di una fittizia cute perfetta. Un’idea vincente, che ha aiutato a dare quel tocco in più al suo personaggio.

Premi Oscar

Si tratta di una delle attrici più apprezzate del panorama cinematografico mondiale. Una definizione con la quale la critica pare concordare. Nel corso degli anni ha vinto un Satellite Award, un Golden Globe e un Critics Choice Movie Award. Ciò che sorprende è però il gran numero di candidature. La Ronan sembra scegliere o venir selezionata unicamente per titoli di grande spessore. Lo dimostrano le quattro nomination ai BAFTA e le tre ai Premi Oscar, per Lady Bird, Brooklyn ed Espiazione, con quest’ultimo girato a soli 14 anni.