Matteo Garrone: Pinocchio uscirà nelle sale a Natale

Inserire immagine
@Ansa

L'annuncio è arrivato direttamente dalla 01 Distribution, che ha confermato l'uscita della pellicola il 25 dicembre 2019

Garrone, le foto più belle del regista Garrone, i film migliori

Se l’anno scorso il Natale cinematografico ha coinciso con la tanto sospirata reunion di Christian De Sica e Massimo Boldi (con il cinepanettone «Amici come prima») quello di quest’anno sarà tutto di Matteo Garrone.

La 01 Distribution ha, infatti, annunciato che «Pinocchio» uscirà nelle sale italiane proprio il 25 dicembre 2019, confermando le intenzioni del regista che l’aveva descritto come un film per le famiglie.

Pinocchio: la prima immagine ufficiale


Intanto le riprese della pellicola stanno andando avanti in maniera incessante, anche non sono arrivate altre novità in merito.

L’ultimo indizio risale, infatti, a fine marzo, con la diffusione della prima immagine ufficiale della pellicola.

Protagonista un provato Roberto Benigni, nei panni di Mastro Geppetto, che, con uno sguardo a metà tra l’interrogativo e il preoccupato, guarda il burattino di legno che ha dinnanzi.

Pinocchio: Garrone nella bottega di Geppetto


Prima ancora, Matteo Garrone aveva pubblicato sulla propria pagina Facebook un’altra immagine dal set.

Protagonista lo stesso acclamato regista (vero e proprio trionfatore agli ultimi David di Donatello grazie a «Dogman») lo vede direttamente nella bottega di Mastro Geppetto, mentre guarda un pezzo di legno, presumibilmente quello che in un secondo momento diventerà proprio Pinocchio.

Pinocchio: l’occasione Benigni

«Avere finalmente l'opportunità di lavorare insieme è per me un'occasione straordinaria» aveva dichiarato tempo fa il regista, appena era stata svelata la presenza di Roberto Benigni nella pellicola.

«Pinocchio sarà un film per tutta la famiglia, grandi e piccoli, e nessuno come Roberto - che ha divertito e commosso milioni di spettatori in tutto il mondo - riesce a emozionare il pubblico di ogni età. Lo ringrazio per la fiducia che mi ha dimostrato, accettando di condividere con me questa nuova, spericolata avventura».