Autopsy: non svegliate i morti

Inserire immagine

Acclamato da critica e pubblico, arriva per la prima volta in tv il film horror Autopsy, seconda regia del regista norvegese André Øvredal. Appuntamento giovedì 12 aprile alle 21.00 su Sky Cinema Max

Gran brutta gatta da pelare, quello che si presenta davanti agli occhi del medico legale Tommy Tilden aiutato dal figlio Austin interpretati rispettivamente da Brian Cox ed Emile Hirsch. Nel loro attrezzato obitorio in una cittadina della Virginia, gli viene consegnato un cadavere non identificato, apparentemente in ottime condizioni, trovato sepolto in un seminterrato in una villa di campagna teatro di una carneficina. Man mano che lavorano sul corpo, i due specialisti si troveranno di fronte a fenomeni sempre più inspiegabili e macabri: “pulitissima e integra fuori, incredibilmente devastata dentro, è più che strano è impossibile!”. Intanto intorno a loro cominciano a verificarsi fatti sempre più inquietanti e terrorizzanti. Inutile dire che l’arrivo improvviso del corpo della sfortunata Jane Done è solo l’inizio di una serie di assurde anomalie che costelleranno la notte di lavoro di padre e figlio.

Questa in breve la trama di Autopsy ( in prima tv, giovedì 12 aprile alle 21.00 su Sky Cinema Max), primo film in lingua inglese del norvegese André Øvredal. è già stimato nell’ambiente per aver diretto il mockumentary Trollhunter  e per questa sua seconda elogiato da Stephen King – che lo ha addirittura paragonato ad Alien – e Guillermo Del Toro che ne ha esaltato la regia elegante ed efficace. 

Autopsy (titolo originaleThe Autopsy of Jane Doe) è un horror ispirato, per stessa ammissione degli sceneggiatori Richard Naing e Ian Goldberg, a grandi classici come Il coltello nell’acqua e Repulsione, due film di Roman Polanski molto claustrofobici.