Cinema Box Office: che la Forza sia con voi, tra Boss, Caraibi e spie

Inserire immagine

Questa settimana il menù  delle uscite cinematografiche è degno della finale di MasterChef. Da una galassia lontana lontana arriva il piatto più atteso dell'anno: Star Wars: Il Risveglio della Forza, il nuovo capitolo della saga creata da George Lucas. L'Italia risponde con due fragranti e superfarciti cinepanettoni: Natale col Boss e Vacanze ai Caraibi.  Hollywood  mette in tavola due Maestri assoluti: Steven Spielberg con Il Ponte delle spie e Woody Allen con Irrational Man. Insomma, c'è davvero l'imbarazzo della scelta

Come recita il proverbio: "piatto ricco mi ci ficco". Questa settimana la tavola di Cinema Box Office è imbandita, suontosa e appetitosa. Ma la qualità, si sa, si paga. Infatti, Star Wars: Il Risveglio della Forza costa la bellezza di 60 crediti. D'altronde il nuovo capitolo della saga stellare potrebbe diventare il più grande incasso di tutti i tempi superando Avatar e Titanic. Ai posteri l'ardua sentenza.

 

Pure la cucina italiana non è che sia proprio economica. Natale col Boss e Vacanze ai Caraibi  Cinepanettoni di produzione artigianale, a  lievitazione naturale , gonfi  di canditi  gag, doppi sensi, decolleté valgono 30 crediti cadauno. Dolci commedie in grado di soddisfare il palato e rinfrancare lo spirito, perché il riso  fa buon sangue.

 

Invece con 25 crediti, vi portate in tavola Il ponte delle spie. La regia è di Steven Spielbeg, il protagonista è Tom Hanks e il film è tratto da una storia vera. Ambientato durante la Guerra Fredda, una pellicola destinata a scaldare il botteghino.

 

Se si vuole risparmiare si può optare per Irrational Man di Woody Allen (15 crediti).  Un film dal sapore acre, dal retrogusto amaro, ma che fa riflettere, con un Joaquin Phoenix filosofo briaco e sovrappeso e una Emma Stone studentessa in amore

Infine,  a soli 5 crediti, il menù offre  Francofonia di Alexandr Sokurov. Un film affascinante e ipnotico, certo non per tutti i gusti, ma  capace di sedurre lo spettatore disposto a farsi trasportare tra le sale del Louvre nella Parigi occupata dai nazisti.

Insomma, per citare Sir Alfred Hitchock, "i film sono fette di torta." Per cui scegliete la vostra preferita sperando che non piaccia solo a voi.

 

 

 

 

 

Come recita il proverbio: "piatto ricco mi ci ficco". Questa settimana la tavola di Cinema Box Office è imbandita, suontosa e appetitosa. Ma la qualità, si sa, si paga. Infatti, Star Wars: Il Risveglio della Forza costa la bellezza di 60 crediti. D'altronde il nuovo capitolo della saga stellare potrebbe diventare il più grande incasso di tutti i tempi superando Avatar e Titanic. Ai posteri l'ardua sentenza.

 

Pure la cucina italiana non è che sia proprio economica. Natale col Boss e Vacanze ai Caraibi  Cinepanettoni di produzione artigianale, a  lievitazione naturale , gonfi  di canditi  gag, doppi sensi, decolleté valgono 30 crediti cadauno. Dolci commedie in grado di soddisfare il palato e rinfrancare lo spirito, perché il riso  fa buon sangue.

 

Invece con 25 crediti, vi portate in tavola Il ponte delle spie. La regia è di Steven Spielbeg, il protagonista è Tom Hanks e il film è tratto da una storia vera. Ambientato durante la Guerra Fredda, una pellicola destinata a scaldare il botteghino.

 

Se si vuole risparmiare si può optare per Irrational Man di Woody Allen (15 crediti).  Un film dal sapore acre, dal retrogusto amaro, ma che fa riflettere, con un Joaquin Phoenix filosofo briaco e sovrappeso e una Emma Stone studentessa in amore

Infine,  a soli 5 crediti, il menù offre  Francofonia di Alexandr Sokurov. Un film affascinante e ipnotico, certo non per tutti i gusti, ma  capace di sedurre lo spettatore disposto a farsi trasportare tra le sale del Louvre nella Parigi occupata dai nazisti.

Insomma, per citare Sir Alfred Hitchock, "i film sono fette di torta." Per cui scegliete la vostra preferita sperando che non piaccia solo a voi.