Il ragazzo invisibile, un supereroe Made in Italy

Inserire immagine
Il ragazzo invisibile (foto: Claudio Iannone)

Lunedì 7 dicembre alle 21.10 va in onda in prima visione tv su Sky Cinema 1 HD Il ragazzo invisibile, raro esempio di film italiano di supereroi, diretto dal premio Oscar Gabriele Salvatores. Nel cast Valeria Golino, Ksenia Rappoport e il giovane Ludovico Girardello.

Chi lo dice che i supereroi debbano per forza essere made in USA? Già, perché non ci sono solo Iron Man, Spiderman e i Guardiani della Galassia. Da qualche tempo a questa parte nell’Olimpo dei Super c’è anche un paladino della giustizia tutto italiano. Si tratta del giovane protagonista de Il ragazzo invisibile, film in prima visione tv lunedì 7 dicembre su Sky Cinema 1 HD.

 

L’eroe della situazione si chiama Michele Silenzi, un tredicenne introverso e soggetto alle prese in giro dei compagni. Un giorno però, dopo aver indossato un costume da supereroe per Halloween, il ragazzino scopre di avere un potere che tutti sognano di possedere: può diventare invisibile.

 

Inizialmente preoccupato, comprende però che questa sua nuova abilità può consentirgli di vendicarsi dei bulli che lo hanno sempre preso di mira. Ma ogni superpotere porta sempre con sé dei supersvantaggi, con cui Michele dovrà per forza di cose fare i conti. Comunque sia, una cosa è certa: la sua vita non sarà più la stessa.

 

A cimentarsi dietro la macchina da presa de Il ragazzo invisibile è Gabriele Salvatores, regista premio Oscar che non ha mai temuto di posare il suo sguardo laddove il cinema italiano ha di rado osato spingersi. Lo dimostra, tanto per fare un esempio, un film come Nirvana, del 1997, insolito tentativo tricolore di cimentarsi con la fantascienza.

 

Nei panni del ragazzo invisibile c’è il giovane Ludovico Girardello, accompagnato sul set da navigati colleghi come Valeria Golino, Fabrizio Bentivoglio e Ksenia Rappoport. Il film ha ottenuto numerosi premi, tra cui il David di Donatello per gli effetti speciali, i Nastri d’argento per il soggetto e il casting director e il Ciak d’Oro Alice/Giovani a Salvatores.

 

Il ragazzo invisibile può contare su una notevole colonna sonora in cui figurano, oltre ai brani di Ezio Bosso e Federico De Robertis, tre canzoni selezionate attraverso un concorso rivolto ai giovani musicisti senza etichetta: a vincerlo sono stati Marialuna Cipolla, Luca Benedetto e Carillon, che si sono così visti inclusi nella tracklist ufficiale.

Chi lo dice che i supereroi debbano per forza essere made in USA? Già, perché non ci sono solo Iron Man, Spiderman e i Guardiani della Galassia. Da qualche tempo a questa parte nell’Olimpo dei Super c’è anche un paladino della giustizia tutto italiano. Si tratta del giovane protagonista de Il ragazzo invisibile, film in prima visione tv lunedì 7 dicembre su Sky Cinema 1 HD.

 

L’eroe della situazione si chiama Michele Silenzi, un tredicenne introverso e soggetto alle prese in giro dei compagni. Un giorno però, dopo aver indossato un costume da supereroe per Halloween, il ragazzino scopre di avere un potere che tutti sognano di possedere: può diventare invisibile.

 

Inizialmente preoccupato, comprende però che questa sua nuova abilità può consentirgli di vendicarsi dei bulli che lo hanno sempre preso di mira. Ma ogni superpotere porta sempre con sé dei supersvantaggi, con cui Michele dovrà per forza di cose fare i conti. Comunque sia, una cosa è certa: la sua vita non sarà più la stessa.

 

A cimentarsi dietro la macchina da presa de Il ragazzo invisibile è Gabriele Salvatores, regista premio Oscar che non ha mai temuto di posare il suo sguardo laddove il cinema italiano ha di rado osato spingersi. Lo dimostra, tanto per fare un esempio, un film come Nirvana, del 1997, insolito tentativo tricolore di cimentarsi con la fantascienza.

 

Nei panni del ragazzo invisibile c’è il giovane Ludovico Girardello, accompagnato sul set da navigati colleghi come Valeria Golino, Fabrizio Bentivoglio e Ksenia Rappoport. Il film ha ottenuto numerosi premi, tra cui il David di Donatello per gli effetti speciali, i Nastri d’argento per il soggetto e il casting director e il Ciak d’Oro Alice/Giovani a Salvatores.

 

Il ragazzo invisibile può contare su una notevole colonna sonora in cui figurano, oltre ai brani di Ezio Bosso e Federico De Robertis, tre canzoni selezionate attraverso un concorso rivolto ai giovani musicisti senza etichetta: a vincerlo sono stati Marialuna Cipolla, Luca Benedetto e Carillon, che si sono così visti inclusi nella tracklist ufficiale.