The Program: parlano il protagonista Ben Foster e il regista Stephen Frears

Inserire immagine
Ben Foster è il protagonista di The Program, il biopic di Stephen Fears sulla vita del ciclista Lance Armstrong.

Arrivera nelle sale dall' 8 ottobre, The programm il film biografico che racconta la  vita del ciclista Lance Armstrong, condannato per doping. Tratta dal libro Seven Deadly Sins: My Pursuit of Lance Armstrong del giornalista David Walsh, la pellicola vede Ben Foster nei panni di Lance. Alla regia l'inglese Stephen Frears. In attesa di vedere martedì 6 ottobre, la puntata di Sky Cine News dedicata al film e mercoledì 7 una scena del film su Sky Cinema Cult, ecco un'anticipazione delle interviste al regista e all'attore protagonista

“Mi sono sottoposto ad ogni controllo…non sono mai risultato positivo”

Questo dichiarava alla stampa Lance Armstrong , il campione , colui che per sette volte era riuscito a vincere il Tour de France . Questa però era anche  la più grande  menzogna della carriera del ciclista più famoso di tutti i tempi:  The Program  racconta la  sua vita, la sua storia, dura e traditrice trasportata  sul grande schermo  dal regista  Stephen Frears . E’  Ben Foster ad interpretare la parabola  di un atleta  che dalle stelle è precipitato vertiginosamente a terra  e l’attore ha affrontato l’impegno partendo da zero:

 

“ non sapevo molto di Lance…sapevo che era considerato un Eroe Americano, che aveva sconfitto un tumore, che aveva fatto uso di doping e per questo era stato punito…”

 

The Program,  che uscirà nelle sale l’8 Ottobre,   va oltre la facile condanna di un uomo che ha tradito lo sport, i tifosi e forse soprattutto stesso…un uomo che nella vita e negli errori  ha comunque sempre combattuto e Ben Foster ne riconosce la forza:

 

“Era  un guerriero e i guerrieri hanno bisogno di una guerra ..invece di usare una pistola ha usato una bici...Lui non aveva grazia nei movimenti,  non danzava sulle montagne come Pantani . Era brutale, animalesco”

 

Il film indaga su un periodo fumoso della storia del ciclismo, dove doping e anti doping si inseguivano senza sosta  , dove l’EPO scorreva nel sangue di leader e gregari e burattinai con la laurea in medicina gestivano un vero traffico di stupefacenti. Su tutti  il famigerato Dottor Michele Ferrari, come sottolinea il regista Stephen Frears:

”Ferrari è un elemento centrale...Ferrari controllava tutto...Ha contribuito a mettere  Lance in quella situazione...Aveva le mani in pasta nei test…si procurava il doping  e poi lo distribuiva…Era un  furbo.

 

The Program non è una corsa contro Lance Armstrong o contro il ciclismo ma la denuncia di  un sistema in cui si può  essere allo stesso tempo vittime e carnefici. E’  la corsa disastrosa   di un uomo indimenticabile… da qualunque parte lo si voglia osservare