Strange Magic, George Lucas da Star Wars a Shakespeare

Inserire immagine
Un'immagine tratta dal film d'animazione Strange Magic

Un favola d’animazione musicale, prodotta da George Lucas e ispirata a Sogno di una notte di mezza estate, che racconta le esilaranti disavventure di un gruppo di elfi, goblin, fate e folletti, in lotta per una potente pozione. Appuntamento su Sky Cinema 1, in prima visione, domenica 4 ottobre alle 21.10

Quando George Lucas decise di scrivere Strange Magic, film che Sky Cinema 1, manderà in onda, in prima visione domenica 4 ottobre alle 21.10, il suo intento era quello di creare una storia per le sue tre figlie: un'avventura che potesse essere per loro quello che Star Wars aveva rappresentato per migliaia di ragazzini, e che unisse la magia avvincente di un capolavoro shakesperiano come il Sogno di una Notte di Mezza Estate e le atmosfere romantiche de La Bella e la Bestia. <br><br>Sono queste le motivazioni con cui nasce il film d'animazione diretto da Gary Rydstrom e prodotto dalla Lucasfilm, che dal 2012 è stata acquistata dalla Walt Disney Company. Un film che ci trasporterà nel magico mondo di elfi, fate e goblin, dove tutto è possibile. Protagonista di Strange Magic è la principessa Marianne, figlia maggiore del Re delle Fate, coraggiosa creatura magica decisa a salvare la sua sorellina Dawn dalle grinfie del perfido Bog King, che la tiene imprigionata nel suo castello, pronto a scambiarla con la pozione d'amore creata dalla fata Sugar Plume. A fare da contorno alle disavventure di Marianne e all'inevitabile battaglia tra lei e Bog King, un intero regno fatato: tra gli altri Roland, il borioso e fedifrago fidanzato di Marianne, disposto ad arrivare al trono con ogni mezzo e Sunny, il tenero elfo segretamente innamorato di Dawn e disposto a tutto pur di salvarla dal castello di Bog King.<br><br>Davvero particolare la colonna sonora del film composta da un mix delle più grandi ballate e dei successi rock che hanno scandito gli ultimi 60 anni. Dai Deep Purple con Mistreated a Elvis, con Can't help falling in love, passando per gli ELO, che con la loro Strange Magic hanno anche ispirato il titolo stesso del film.