Soap opera: la strana vita in un condominio

Inserire immagine
Soap Opera è su Sky Cinema, in prima visione, lunedì 28 settembre alle 21.10

Alessandro Genovesi mette in scena gli odi, gli amori, gli equivoci, gli intrecci e le complicate traiettorie emotive che collegano tra di loro i bizzarri abitanti dello stesso palazzo, a poche ore dal Capodanno. Nel cast Diego Abatantuono, Fabio De Luigi, Ale & Franz, Ricky Memphis e Cristiana Capotondi. In onda su Sky Cinema 1, in prima visione,  lunedì 28 settembre alle 21.10

Arriva, in prima visione,  su Sky Cinema 1, lunedì 28 settembre alle 21.10 Soap opera di Alessandro Genovesi, che è riuscito a riunire attorno a sé un cast di grande richiamo tra cui Fabio De Luigi, Cristiana Capotondi, Ricky Memphis, Ale & Franz e Diego Abatantuono. <br><br>Siamo a Milano, dove una neve dai connotati fiabeschi cade su uno dei tanti condomini della città. Qui vivono, come in una casa di bambole, degli strani e un po’ stralunati personaggi. Al primo piano abitano due gemelli eterozigoti, Gianni e Mario (Ale e Franz), al piano di sopra c'è il single Francesco (Fabio De Luigi), scaricato, per tradimento, da qualche mese dalla fidanzata Anna (Cristiana Capotondi), che nel frattempo si è messa con un altro e aspetta un bambino; sul divano di Francesco dorme Paolo (Ricky Memphis), che aspetta il primo figlio dall’amata fidanzata, ma ha qualcosa che gli ronza dentro... Dirimpettaia di Francesco è l’attrice vamp Alice (Chiara Francini), che ha scoperto di avere un debole per gli uomini in divisa. Quando un tragico episodio avviene nel palazzo, gli inquilini restano scossi. Il Maresciallo dei Carabinieri Gaetano Cavallo (Diego Abatantuono) con il suo grande pennacchio è incaricato a condurre le indagini; ma a scombussolare la vita del palazzo arriva anche la triste Francesca (Elisa Sednaoui), che troverà in Francesco una spalla...<br><br>Soap Opera è un commedia che non si vergona di esplicitare la sua leggerezza, quasi divertendosi a citare come fonte d’ispirazione quello soap televisive che troppo spesso risultano essere caratterizzate da trame vuote e insulse. Il film di Genovesi parte da qui ma aggiunge, come valore aggiunto, la bravura di tutti i protagonisti, capaci di essere caricaturali senza mai scadere nel grottesco e nell’inverosimile.