Oscar: 9 film iscritti per la candidatura italiana: da Martone a Moretti

Inserire immagine

Sono 9 film iscritti per la candidatura italiana all'Oscar per il miglior film in lingua non inglese. Il 28 settembre la decisione della Commissione di Selezione. Si tratta di "Il giovane favoloso" di Mario Martone; "Latin lover" di Cristina Comencini; "L'attesa" di Piero Messina; "Mia madre" di Nanni Moretti; "Nessuno si salva da solo" di Sergio Castellitto; 'Non essere cattivo" di Claudio Caligari; "Per amor vostro" di Giuseppe M. Gaudino; "Sangue del mio sangue" di Marco Bellocchio e "Vergine giurata" di Laura Bispuri

La vera sorpresa, ma meritata,  è  che Non essere cattivo di Claudio Caligari si prende la sua rivincita ed entra nella rosa dei nove iscritti alla candidatura del rappresentante italiano all'Oscar per il migliore film in lingua non inglese. Insieme a lui Il giovane favoloso di Mario Martone; Latin Lover di Cristina Comencini; L'attesa di Piero Messina; Mia Madre di Nanni Moretti; Nessuno si salva da solo di Sergio Castellitto; Per amor vostro di Giuseppe M. Gaudino; Sangue del mio sangue di Marco Bellocchio e Vergine Giurata di Laura Bispuri.

 

Una rosa, quella messa in campo dalla commissione, che sposa in pieno tutti i film in concorso alla Mostra del cinema di Venezia (tranne quello di Guadagnino girato in inglese, Ndr) e aggiunge appunto Caligari (andato fuori concorso al Lido) che, almeno sulla carta, potrebbe essere il film più appetibile per il gusto americano. Una storia, quella di Caligari, di giovani di periferia, tra droga e piccola delinquenza, con tanta voglia di vivere come di fare tanti soldi senza faticare troppo, che ha un sapore trasversale.

 

 In una scaletta ideale, invece, difficile immaginare che la giuria dell'Academy possa apprezzare film come quelli di Bellocchio e di Moretti (rispettivamente Sangue del mio sangue e Mia madre), opere intimiste e per certi versi troppo rarefatte. Così è  per la vicenda albanese e il severo codice del Kanun raccontato dalla Bispuri in Vergine giurata.

Più possibilità  invece per la storia dal sapore etnico di Piero Messina, L'attesa, con i suoi sapori siciliani, mediterranei e anche per Il giovane favoloso di Martone che racconta un'Italia in costume, quella di Leopardi, che potrebbe piacere o quantomeno incuriosire. Nessuno si salva da solo di Castellitto ha contro una storia troppo intimista per avere molte chance.

 

 L'archetipo del maschio latino, necessariamente Latin Lover, di Cristina Comencini ha invece dalla sua quella di confermare una certa idea dell'Italia che fa parte dei luoghi comuni del pubblico americano. Per amor vostro di Giuseppe Gaudino, che ha già  avuto un riconoscimento da una giuria internazionale al Lido (la Coppa Volpi andata a Valerio Golino), potrebbe di diritto correre per gli Oscar con la sua Napoli dalle molte facce rappresentata tra cronaca e fantasia.

I nove film resi noti stamani dall'Anica devono comunque aspettare la decisione della Commissione di Selezione che arrivera' solo il 28 settembre.