Everest: la parola ai protagonisti

Inserire immagine

Giovedì 24 settembte esce nelle sale italiane Everest, il film che ha inaugurato la 72.ma Mostra del Cinema di Venezia. Nell'attesa scopriamo cosa hanno dichiarato i protagonisti del film: dal regista
Baltasar Kormákur agli attori Jack Gylenhaal e Josh Brolin

E per scoprire tutti i segreti di Everest non perdete lo Sky Cine News in onda lunedì 22 Settembre

Il 10 maggio del 1996, sulle nevi del monte Everest, perde la vita l’alpinista statunitense Scott Fischer, durante una drammatica arrampicata, mentre gli altri membri della spedizione riescono miracolosamente a raggiungere il campo base. Ispirandosi a questa tragedia della montagna l’Universal Pictures ha realizzato una produzione da oltre 65 milioni di dollari: Everest, in arrivo nelle sale cinematografiche italiane da giovedì 24 settembre


Per vestire i panni di Scott è stato scelto Jack Ghillenaal, Jason Clarke copre il ruolo di Rob Hall e Josh Brolin è perfetto nella parte di Beck Wheathers. Alle spalle della cordata , agisce come organizzatrice della spedizione Elen Wilton, alias Emily Watson.

Il regista altasar Kormákur ha voluto fortemente esaltare l’immagine della montagna e la sua forza:

“ho voluto dare un’opportunità agli spettatori di “vedere” l ‘Everest. Non l’avevano mai visto prima e molti desideravano questa possibilità di conoscere la montagna . ho voluto trasferire a loro questa esperienza”


E’ un viaggio tragico, un’impresa al limite ed oltre il limite dell’umana sopportazione, in uno scenario ostile e mozzafiato al tempo stesso. Una drammatica avventura per conquistare una volta di più la vetta più alta del mondo. Un lavoro complesso che ha visto il set spostarsi attraverso il mondo, dal Nepal alle Alpi italiane… un gruppo di lavoro fantastico, come sottolinea Jack Gylenhaal:


 “eravamo un grande gruppo; facevamo tante cose insieme; Ci alzavamo presto, all’alba, facevamo colazione…gente meravigliosa, amabile, lavoravamo tutto il giorno e poi pranzavamo assieme …era come sentirsi in famiglia” .


Non sono mancate le polemiche: Il re della montagna Reinold Messner ha dichiarato che il film non è altro che una cartolina edulcorata della vera professione dell’alpinista ma Josh Brolin non ha alcuna intenzione di cedere il passo:

Sono professioni totalmente diverse. Siamo attori, noi fingiamo di essere alpinisti. Lui ha parlato della mia professione ma non sa nulla del mio lavoro”.

 

La tensione e l’adrenalina invadono tutto il film……La Montagna è l’avventura … L’Everest è il traguardo e un pugno di uomini è pronto è pronto alla grande sfida. E per saperne di più sul film, non perdete lo Sky Cine News in onda Lunedì 21 settembre su Sky Cinema 1