The Giver - Il mondo di Jonas: il futuro è in bianco e nero

Inserire immagine
Una delle locandine di "The Giver - Il mondo di Jonas"

Meryl Streep, Jeff Bridges e Katie Holmes sono I protagonisti del film fantascientifico tratto dall'omonimo romanzo di Lois Lowry. In prima visione, venerdì 11 settembre alle 21.10 su Sky Cinema 1

Un mondo in bianco e nero, dove l'armonia e l'uguaglianza sono ottenute cancellando le emozioni e i ricordi del passato. E' lo scenario di The giver - Il mondo di Jonas di Philip Noyce, adattamento del bestseller per ragazzi da 10 milioni di copie di Lois Lowry, tradotto in 30 lingue (in Italia è edito da Giunti). Il libro, uscito nel 1993, oltre a conquistare tanti fan è stato bandito da varie scuole americane, perché' tratta temi come la sessualità, l'eutanasia e l'infanticidio. Nel cast della versione cinematografica, in arrivo su Sky Cinema 1, in prima visione venerdì 11 settembre alle 21.10, ci sono, fra gli altri, Jeff Bridges (anche coproduttore), Meryl Streep, Brenton Thwaites, Alexander Skarsgard, Katie Holmes e Taylor Swift. <br><br>Jeff Bridges tentava da 18 anni di portare il romanzo sul grande schermo. Inizialmente aveva pensato di dirigere, nel ruolo alla fine interpretato da lui stesso, suo padre Lloyd Bridges (morto nel 1998, ndr), ma ''e' stato molto più difficile di quanto pensassi adattare il libro per il cinema, siamo passati attraverso vari registi e tante versioni della sceneggiatura'' ha spiegato l'attore nelle interviste con la stampa Usa.  Il film, prodotto con un budget limitato per il genere (25 milioni di dollari, costi di marketing esclusi), è ambientato  nel 2048, in una società dove i figli sono partoriti da madri surrogate e sia la composizione delle 'unita' familiari' che le carriere sono decise dal Consiglio degli Anziani. Istinti ed emozioni sono soppressi (il mondo per questo è visto in bianco e nero) dall'iniezione giornaliera di medicine obbligatorie. Un equilibrio che inizia a infrangersi quando nella cerimonia delle 'vocazioni' (i futuri lavori), Il Capo Anziano (Meryl Streep), assegna al 16enne Jonas (Brenton Thwaites), il compito di Ricevitore dei Ricordi della comunità. A istruire Jonas è il Donatore (Jeff Bridges), custode dei libri e delle memorie del passato, che crede sempre meno in quel mondo senza sentimenti. Il ragazzo che scopre man mano la gioia, il dolore, la morte, l'amore, la guerra, la crudeltà, la pace, comprende come la violenza nel suo mondo sia solo nascosta ed è deciso a riportare a tutti ricordi ed emozioni. <br><br>Meryl Streep, contenta di aver avuto finalmente l'occasione di lavorare con Jeff Bridges  (''lo desideravo da anni'') ha spiegato che per lei il nodo del libro è ''mostrare come sia impossibile tenersi tutto dentro, sopprimere le cose che ci rendono umani. E' senza senso provarci''. Soddisfatta anche l'autrice del romanzo Lois Lowry, che all’alba dei suoi 77 anni ha finalmente  visto il suo romanzo più famoso diventare un bellissimo film.