Lo Hobbit – La battaglia delle cinque armate, Jackson conclude il suo viaggio

Inserire immagine
Un'immagine tratta dal film Lo Hobbit - La battaglia delle cinque armate

Terzo e ultimo capitolo della trilogia tratta da Lo Hobbit di Tolkien, diretta da Peter Jackson. In onda su  Sky Cinema 1, lunedì 7 settembre alle 21.10. Non perdere, sempre su Sky Cinema, il  canale interamente dedicato alla saga fantasy più celebre di sempre. I sei capitoli de IL SIGNORE DEGLI ANELLI e LO HOBBIT per la prima volta tutti insieme su un unico canale. Da venerdì 4 settembre a domenica 13 settembre su Sky Cinema (canale 304)

A 13 anni dal debutto sul grande schermo del film La compagnia dell'anello, il primo della trilogia del Signore degli anelli, Peter Jackson conclude il suo viaggio nella Terra di mezzo, scenario dell'universo fantasy di John Ronald Reuel Tolkien, con Lo Hobbit - La battaglia delle cinque armate, epilogo della seconda trilogia che il regista ha tratto dall'opera dello scrittore, di cui è stato un appassionato lettore da adolescente. Il film, che ha nel supercast fra gli altri Martin Freeman, Ian McKellen, Cate Blanchett, Richard Armitage, Orlando Bloom, Evangeline Lilly, Luke Evans, Lee Pace, Benedict Cumberbatch (voce nella versione originale del drago Smaug e di Sauron), sarà sugli schermi di Sky Cinema 1, lunedì 7 settembre alle 21.10 Inoltre, Su Sky Cinema si accende un canale interamente dedicato alla saga fantasy più celebre di sempre. I sei capitoli de IL SIGNORE DEGLI ANELLI e LO HOBBIT per la prima volta tutti insieme su un unico canale. Da venerdì 4 settembre a domenica 13 settembre su Sky Cinema (canale 304).<br><br>Una doppia impresa, quella di Jackson sui libri di Tolkien, che ha conquistato la critica e sbancato il botteghino: la trilogia del Signore degli anelli ha vinto complessivamente 17 Oscar e incassato nel mondo circa 3 miliardi di dollari, mentre i primi due film da Lo Hobbit (scritto da Tolkien prima del Signore degli Anelli), Un Viaggio inaspettato (2012) e La desolazione di Smaug (2013) hanno portato globalmente circa 2 miliardi di dollari di incassi.  <br><br>Il cineasta neozelandese, che inizialmente non avrebbe dovuto dirigere la seconda trilogia, ma solo produrla, ha ambientato questo suo ultimo viaggio nella Terra di Mezzo 60 anni prima dei fatti del Signore degli anelli. L’hobbit Bilbo Baggins (Freeman) e la Compagnia dei Nani ormai a Erebor sulla Montagna solitaria, dove i Nani hanno preteso la restituzione delle vaste ricchezze della loro madre patria. Un tesoro che ha scatenato la paranoia del loro re, Thorin (Armitage), vittima della 'malattia del drago'. Un'ossessione che lo porta in contrasto con gli Elfi, capitanati da re Thranduil (Pace), padre di Legolas (Bloom) e con la popolazione di Pontelagolungo, guidata da Bard L'arciere (Evans), e attaccata dalla furia del drago Smaug. Un pericolo più grande però li aspetta: l'orda di Orchi inviata dell'oscuro Sauron, affrontato da Gandalf (McKellen), Galadriel (Blanchett) e Elrond (Weaving). Uomini,elfi e nani si ritroveranno cosi' in un'epica battaglia.