Quando la commedia è stupefacente

Inserire immagine
Un' immagine tratta da Un Natale Stupefacente

Lunedì 31 agosto alle 21.10 va in onda in prima tv su Sky Cinema 1 HD Un Natale stupefacente, con Lillo e Greg. A dare il via alla vicenda è un presunto traffico di marijuana, ma non si tratta della prima volta che l'erba proibita è al centro di un film tutto da ridere.

Il cinema ci ha insegnato una cosa: la marijuana fa ridere anche senza averla mai provata. Sono molte, infatti, le commedie che hanno divertito il pubblico prendendo come spunto l'erba proibita. Una delle ultime è Un Natale stupefacente, film in prima tv lunedì 31 agosto alle 21.10 su Sky Cinema 1 HD in cui Lillo & Greg devono prendersi cura di un ragazzino i cui genitori sono stati ingiustamente arrestati per detenzione e spaccio di cannabis.

 

Un Natale stupefacente però, si diceva, non è che uno dei tanti. E se si vuole provare a tracciare un filo fumoso tra cinema e marijuana non si può che partire da un vero classico del genere, ovvero L'erba di Grace. In questo film britannico del 2000 una signora di mezza età si ritrova vedova e sommersa di debiti, al che decide di sfruttare la propria passione per il giardinaggio e dà il via a una coltivazione di cannabis idroponica... ovviamente non senza incidenti di percorso.

 

Se si vuole andare sul demenziale, è imprescindibile il più recente Strafumati, del 2007, in cui James Franco e Seth Rogen sono due amici “fattoni” che passano il loro tempo, come si può intuire dal titolo, a fumare. Fino a che uno dei due non diventa testimone di un omicidio, al che cominciano i veri guai. 

 

Spinge ancora di più sul pedale della comicità American Trip - Il primo viaggio non si scorda mai, in cui i popolari (almeno negli USA) personaggi di Harlod e Kumar vengono assaliti dalla cosiddetta “fame chimica” dopo avere fumato un po' troppo: di qui comincia una vera e propria Odissea per raggiungere un fastfood della catena White Castle.

 

Si sa che molti grandi attori coltivano il vizio del fumo. Tra i tanti a rimanere coinvolto c'è il bravissimo Ed Norton, anche se solo per finta. Nel 2009 ha infatti recitato un duplice ruolo in Fratelli in erba, in cui un serio professore di filosofia torna al suo paese natale per la morte del gemello. Sul posto scopre non solo che il suo fratello scavezzacollo è vivissimo, ma anche che coltiva ingenti quantitativi di marijuana.

 

Parlando di cannabis e cinema, è inoltre doveroso citare due personaggi, ovvero Jay e Silent Bob, che in buona parte dei film di Kevin Smith (il quale tra l'altro interpreta “Zittino” Bob, come è stato chiamato qui in Italia) passano il loro tempo a fumare e dire sconcerie. O meglio, a dirle è soprattutto Jay, perché Bob, come si può evincere dal suo soprannome, non è che parli molto.

 

Da morire dal ridere, anche se in maniera involontaria, è addirittura un film del 1936, ovvero Reefer Madness. Exploitation movie sui pericoli della cannabis, mostra come i giovani fumatori diventino immancabilmente criminali, stupratori o assassini, fino a scivolare nella follia. All'epoca diede vita a un vero e proprio filone di pellicole che fecero scalpore, ma che oggi risultano a dir poco ridicole.