La Terra di mezzo? E’ su Plutone

Inserire immagine

Le regioni più remote del nostro sistema solare si stanno popolando di luoghi e personaggi tratti dalla saga del Signore degli anelli e dello Hobbit. Da Mordor a Balrog l'universo di Tolkien sbarca nello spazio. Grazie agli appassionati.

Mordor, il più terrificante luogo della Terra di Mezzo patria di Sauron, signore del Male, esiste anche nella realtà. Certo, in una realtà un po' lontana, qualcosa come 5 miliardi di chilometri da noi, ma esiste ed è anche fotografabile. Lo ha fatto questa estate la sonda New Horizon nel suo passaggio in volo presso Plutone. Si tratta di un'area scura nei pressi del polo nord di Caronte, la più grande luna di quello che una volta era il nono pianeta del nostro sistema solare e adesso è stato ridotto a pianeta-nano. Ma questo dettaglio poco importa agli appassionati della saga del Signore degli Anelli, quel che conta è che l'area più oscura dell'universo creato da J.R.R. Tolkien ha una sua collocazione nello spazio vero e proprio. A dargliela sono stati, appunto, gli appassionati della saga fantasy rispondendo alla chiamata della NASA a denominare le regioni scoperte e documentate dalle immagini scattate dalla missione spaziale. 

 

 

<blockquote class="instagram-media" data-instgrm-captioned data-instgrm-version="4" style=" background:#FFF; border:0; border-radius:3px; box-shadow:0 0 1px 0 rgba(0,0,0,0.5),0 1px 10px 0 rgba(0,0,0,0.15); margin: 1px; max-width:658px; padding:0; width:99.375%; width:-webkit-calc(100% - 2px); width:calc(100% - 2px);"><div style="padding:8px;"> <div style=" background:#F8F8F8; line-height:0; margin-top:40px; padding:50% 0; text-align:center; width:100%;"> <div style=" background:url(data:image/png;base64,iVBORw0KGgoAAAANSUhEUgAAACwAAAAsCAMAAAApWqozAAAAGFBMVEUiIiI9PT0eHh4gIB4hIBkcHBwcHBwcHBydr+JQAAAACHRSTlMABA4YHyQsM5jtaMwAAADfSURBVDjL7ZVBEgMhCAQBAf//42xcNbpAqakcM0ftUmFAAIBE81IqBJdS3lS6zs3bIpB9WED3YYXFPmHRfT8sgyrCP1x8uEUxLMzNWElFOYCV6mHWWwMzdPEKHlhLw7NWJqkHc4uIZphavDzA2JPzUDsBZziNae2S6owH8xPmX8G7zzgKEOPUoYHvGz1TBCxMkd3kwNVbU0gKHkx+iZILf77IofhrY1nYFnB/lQPb79drWOyJVa/DAvg9B/rLB4cC+Nqgdz/TvBbBnr6GBReqn/nRmDgaQEej7WhonozjF+Y2I/fZou/qAAAAAElFTkSuQmCC); display:block; height:44px; margin:0 auto -44px; position:relative; top:-22px; width:44px;"></div></div> <p style=" margin:8px 0 0 0; padding:0 4px;"> <a href="https://instagram.com/p/5LYjvFQik0/" style=" color:#000; font-family:Arial,sans-serif; font-size:14px; font-style:normal; font-weight:normal; line-height:17px; text-decoration:none; word-wrap:break-word;" target="_top">One does not simply fly 3 billion miles to take a photo of Mordor, the dark spot on top of Pluto&#39;s moon Charon. #PlutoFlyBy (via @NASA)</a></p> <p style=" color:#c9c8cd; font-family:Arial,sans-serif; font-size:14px; line-height:17px; margin-bottom:0; margin-top:8px; overflow:hidden; padding:8px 0 7px; text-align:center; text-overflow:ellipsis; white-space:nowrap;">Una foto pubblicata da The White House (@whitehouse) in data: <time style=" font-family:Arial,sans-serif; font-size:14px; line-height:17px;" datetime="2015-07-16T01:02:44+00:00">15 Lug 2015 alle ore 18:02 PDT</time></p></div></blockquote>

<script async defer src="//platform.instagram.com/en_US/embeds.js"></script>

 

Sauron nello spazio - Lo scorso aprile, mentre la sonda New Horizon si avvicinava a Plutone, l'ente spaziale statunitense ha chiamato il pubblico [http://science.nasa.gov/science-news/science-at-nasa/2015/21apr_pluto/] a scegliere i nomi per le località che di lì a poco sarebbero state immortalate. Si tratta di denominazioni informali, che dovranno poi essere sottoposte al vaglio della International Astronomical Union (IAU), ma che comunque sono già oggi utilizzate dagli scienziati impegnati a mappare con nuovo dettaglio i corpi celesti in questione. Le scelte del pubblico dovevano rispondere a determinati criteri. Nel caso di Caronte, per esempio, erano ammesse tra le altre cose, proposte che riguardavano luoghi immaginari creati dalla fantasia di scrittori e tradizioni. Tra questi Mordor ha ricevuto [http://www.ourpluto.org/charon-theme-2] la seconda porzione di voti più ampia, dietro a Vulcano, il pianeta fittizio dal quale proviene il signor Spock, uno dei protagonisti di Start Trek. 

 

<blockquote class="instagram-media" data-instgrm-captioned data-instgrm-version="4" style=" background:#FFF; border:0; border-radius:3px; box-shadow:0 0 1px 0 rgba(0,0,0,0.5),0 1px 10px 0 rgba(0,0,0,0.15); margin: 1px; max-width:658px; padding:0; width:99.375%; width:-webkit-calc(100% - 2px); width:calc(100% - 2px);"><div style="padding:8px;"> <div style=" background:#F8F8F8; line-height:0; margin-top:40px; padding:50% 0; text-align:center; width:100%;"> <div style=" background:url(data:image/png;base64,iVBORw0KGgoAAAANSUhEUgAAACwAAAAsCAMAAAApWqozAAAAGFBMVEUiIiI9PT0eHh4gIB4hIBkcHBwcHBwcHBydr+JQAAAACHRSTlMABA4YHyQsM5jtaMwAAADfSURBVDjL7ZVBEgMhCAQBAf//42xcNbpAqakcM0ftUmFAAIBE81IqBJdS3lS6zs3bIpB9WED3YYXFPmHRfT8sgyrCP1x8uEUxLMzNWElFOYCV6mHWWwMzdPEKHlhLw7NWJqkHc4uIZphavDzA2JPzUDsBZziNae2S6owH8xPmX8G7zzgKEOPUoYHvGz1TBCxMkd3kwNVbU0gKHkx+iZILf77IofhrY1nYFnB/lQPb79drWOyJVa/DAvg9B/rLB4cC+Nqgdz/TvBbBnr6GBReqn/nRmDgaQEej7WhonozjF+Y2I/fZou/qAAAAAElFTkSuQmCC); display:block; height:44px; margin:0 auto -44px; position:relative; top:-22px; width:44px;"></div></div> <p style=" margin:8px 0 0 0; padding:0 4px;"> <a href="https://instagram.com/p/5K2q6qIaDy/" style=" color:#000; font-family:Arial,sans-serif; font-size:14px; font-style:normal; font-weight:normal; line-height:17px; text-decoration:none; word-wrap:break-word;" target="_top">Mountains on Pluto! This movie zooms into the base of the heart-shaped feature on Pluto to highlight a new image captured by our New Horizons spacecraft. The new image, seen in black and white against a previously released color image of Pluto, shows a mountain range with peaks jutting as high as high as 11,000 feet (3,500 meters) above the surface of the icy body. Image credit: NASA/JHUAPL/SwRI nasa #pluto #plutoflyby #newhorizons#solarsystem #nasabeyond #science</a></p> <p style=" color:#c9c8cd; font-family:Arial,sans-serif; font-size:14px; line-height:17px; margin-bottom:0; margin-top:8px; overflow:hidden; padding:8px 0 7px; text-align:center; text-overflow:ellipsis; white-space:nowrap;">Un video pubblicato da NASA (@nasa) in data: <time style=" font-family:Arial,sans-serif; font-size:14px; line-height:17px;" datetime="2015-07-15T20:06:37+00:00">15 Lug 2015 alle ore 13:06 PDT</time></p></div></blockquote>

<script async defer src="//platform.instagram.com/en_US/embeds.js"></script>

 

Demoni stellari - Ma quello al luogo abitato dal terribile Sauron non è l'unico riferimento al Signore degli  Anelli scelto dal pubblico per aiutare gli scienziati a mappare Plutone e i suoi satelliti. Anche la stessa superficie del pianeta nano contiene ormai regioni e aree che si rimandano all'epopea fantasy. Agli utenti di Internet sono stati chiesti suggerimenti che, tra le altre cose, dovevano ricadere nella categoria Dei, demoni e abitanti del sottosuolo di varie saghe e tradizioni. Tra questi, i partecipanti al concorso hanno inserito anche Balrog, demone che abita nelle miniere di Moira nella Terra di Mezzo. Ma c'è anche Morgoth, il Satana di Arda, descritto da Tolkien nel Silmarillion, il compendio mitico e poetico, pubblicato postumo, che fa da sfondo alle avventure raccontate ne lo Hobbit e nell'opera principale. Insomma, il mondo di Bilbo, Frodo e compagnia viaggia sia nel tempo che nello spazio. 

 

Lo Hobbit: La Battaglia delle Cinque Armate” EXTENDED EDITION, contenente 20 minuti di scene inedite ed oltre nove ore di contenuti speciali, sarà disponibile in Digital Download dal 21 Ottobre e nei formati Blu-Ray™, Blu-Ray 3D™ e DVD dal 18 Novembre, distribuiti da Warner Bros. Entertainment Italia. La collezione della saga de Lo Hobbit si completa con l’attesissimo cofanetto contenente l’intera trilogia in versione estesa: “Lo Hobbit Trilogy Extended Edition” arricchito da 58 minuti di scene inedite e oltre 27 ore di contenuti speciali, disponibile sempre dal 18 Novembre in Blu-ray, Blu-ray 3D e DVD.