Zone e regioni della Terra di Mezzo

Inserire immagine
Mappa della Terra di mezzo tratta da uno dei traile ufficiali della trilogia di Peter Jackson.

Il mondo de Il Signore degli Anelli è un intero pianeta con continenti alla deriva e regioni sconosciute. Ecco i luoghi più importanti attraverso cui viaggeremo durante le due trilogie di Peter Jackson

Si chiama Arda il mondo di cui J.R.R. Tolkien è stato l’instancabile, appassionato e geniale creatore durante quasi tutta la sua esistenza. Un pianeta che non ci è dato di sapere se sia stato il nostro o un altro, oppure un magico luogo tra le pieghe di infinite dimensioni parallele. Non importa perché si tratta di un universo vivo e coerente con il suo passato mitologico, geologico e con la sua storia e il suo complesso ecosistema. La Terra di Mezzo non è che un continente di questo mondo, il risultato della deriva geologica e dei catastrofici eventi che accaddero durante la Prima e la Seconda Era di Arda. Sappiamo che lontano dalla Terra di Mezzo, a Est, ci sono vaste lande sconosciute e che due dei cinque Istari, l’ordine degli stregoni di cui fanno parte Gandalf, Saruman e Radagast vi si recarono per scomparire nel mito, ma nulla Tolkien ci ha rivelato di quei luoghi. 

A Ovest, oltre il mare che bagna i Porti Grigi da cui gli Elfi salpano per abbandonare la Terra di Mezzo, c’è la divina Valinor, terra degli dei tolkieniani chiamati Valar. Tuttavia la Terra di Mezzo è un luogo già molto ricco di posti ameni, maestosi, antichi e spaventosi. Ecco le regioni di questo territorio che visiteremo durante il viaggio delle due trilogie di Peter Jackson.

 

Eriador - E' una regione molto ampia che si estende tra due grandi catene montuose, le Montagne Blu e le Montagne Nebbiose. Nell’Eriador ci sono luoghi importantissimi per l’evoluzione e lo svolgimento della saga. C’è la Contea dove vivono gli Hobbit composta da dolci colline e boschi ridenti o sinistri; c’è la piccola città di Brea, dove la compagnia incontra Aragorn; Colle Vento, l’avamposto dove Frodo viene ferito dai Cavalieri Neri; le Terre Selvagge in cui Bilbo e i nani vivono il brutto incontro con i Troll e l’Ultima Casa Accogliente, ovvero Gran Burrone, la bellissima terra di Erlond e i suoi Elfi. Le antiche e pericolose Montagne Nebbiose che segnano il limite orientale dell’Eriador sono lo scenario di molte drammatiche avventure: c’è l’ingresso di Moria attraversato da Frodo e compagnia e la profondità delle miniere naniche dove si annidano i Goblin e la terribile minaccia demoniaca del Balrog, ci sono i giganti di pietra incontrati da Bilbo e i tredici viaggiatori. E' nelle profondità delle Montagne Nebbiose che la creatura Gollum si è nascosta per secoli conservando il suo prezioso “tessoro”, e sarà in qui luoghi oscuri che Bilbo si impadronirà dell’Anello del potere.

 

Rhovanion - E' una regione selvaggia a ovest delle Montagne Nebbiose attraversata dal grande fiume Anduin, quella dove vegeta l’orripilante e brulicante di ragni Bosco Atro. Un tempo non era così terrificante. Nel Rhovanion c’è anche il regno degli Elfi Silvani di Thranduil, padre di Legolas. Ci sono luoghi ancestrali e magnifici come il bosco dorato di Lorien dove risiede Dama Galadriel e i suoi Alti Elfi, o la fitta foresta di Fangorn, arborea patria degli Ent. La Montagna Solitaria e il perduto regno nanico di Erebor usurpato dal drago Smaug sono in questa regione così come la micidiale Dol Guldur, il luogo in cui Sauron sosta prima di tornare a Mordor e dove Gandalf viene imprigionato. Gli eventi decisivi della trilogia de Lo Hobbit si svolgono quindi nel Rhovanion.

 

Rohan – Sono le vaste pianure e tenui colline percorse dai Rohirrim, valorosi cavalieri. A sud delle Montagne Nebbiose, ai confini con l’Eriador, c’è la Breccia di Rohan nei pressi della quale si erge Orthanc, la torre di Saruman. Nei pressi delle Montagne Bianche che marcano il confine meridionale di Rohan c’è Edoras, sede del trono dei Cavalieri di Rohan retto da Re Theoden. Più a nord lungo la catena montuosa c’è il fosso di Helm, luogo dell’epico assedio de Le Due Torri.

 

Gondor - Il vetusto e decaduto grande regno degli uomini che da secoli attende i Ritorno del Re. I suoi confini sono davvero scomodi perché coincidono con Mordor. Separata a nord da Rohan dalle Montagne Bianche, Gondor è la sede di molti eventi fondamentali de Il Ritorno del Re. C’è la perduta città di Osgiliath, la solenne Minas Tirith dove si combatte la gigantesca battaglia, il “mediterraneo” Ithilien dove Frodo e Sam incontrano Faramir. C’è poi, proprio nei pressi di Mordor, Minas Morgul un tempo conosciuta come Minas Ithil prima di soccombere al male dei Nazgul.

 

Mordor - Una fortezza naturale cinta dagli impenetrabili Monti di Cenere, un luogo morto e infiammato dove può vivere solo il Male. Ma è qui che può essere anche distrutto, nel cratere di Monte Fato. L’occhio di Sauron spia i viventi e li tormenta dalla torre micidiale di Barad-Dur.