I remake diretti dallo stesso regista dell'originale

Inserire immagine
Delivery Man è il remake di Starbuck - 533 figli e non saperlo: entrambi i film sono stati girati dal regista canadese Ken Scott

Lunedì 10 agosto alle 21.10 va in onda in prima visione tv su Sky Cinema 1 HD Delivery Man, remake americano del film canadese Starbuck - 533 figli e non saperlo. Entrambe le pellicole sono state girate da Ken Scott, ma non è la prima volta che succede.

di Marco Agustoni

 

Lunedì 10 agosto alle 21.10 va in onda in prima visione tv su Sky Cinema 1 HD Delivery Man, film diretto da Ken Scott che racconta la storia di un ex donatore di sperma alle prese con i suoi oltre cinquecento figli biologici desiderosi di conoscerlo. Si tratta, a dirla tutta, di un remake: l'originale è una pellicola canadese diretta... sempre da Ken Scott.

 

Ebbene sì: Delivery Man e il film da cui trae origine, ovvero Starbuck - 533 figli e non saperlo, sono stati diretti dallo stesso regista, il canadese Ken Scott. Potrebbe sembrare strano, ma in fondo non lo è. Dopotutto se uno è stato in grado di girare l'originale, sarà capacissimo di fare anche il remake. E quello di Scott non è certo il primo caso: ecco alcuni degli esempi più celebri.

 

Cecil B. DeMille - Il leggendario regista, considerato tra i codificatori del linguaggio cinematografico moderno, girò nel 1956 un remake del suo film muto del 1923 I dieci comandamenti: l'intento era di rendere ancora più epica e grandiosa la storia raccontata su schermo. Tra l'altro si tratta solo di una delle varie volte in cui DeMille ha rigirato una sua stessa pellicola.

 

Alfred Hitchcock - Il maestro dell'intrigo era così scontento del suo L'uomo che sapeva troppo girato nel 1934 - che parlando con il suo collega Truffaut aveva definito un “lavoro amatoriale” - da dirigerne in prima persona un remake 22 anni dopo.

 

Frank Capra - Capra ci teneva così tanto a girare un remake del suo Signora per un giorno, del 1933, da comprare i diritti del film di tasca propria per superare le diffidenze degli studios. Purtroppo la lavorazione di Angeli con la pistola, del 1961, risultò piuttosto travagliata, tanto da costituire l'ultima impresa del regista dietro la macchina da presa.

 

Michael Mann - Da Sei solo, agente Vincent, del 1988, a Heat - La sfida, del 1995: Mann voleva rendere più complessa e approfondita la storia già portata su grande schermo, e così si decise a girare una nuova versione. Senza contare che nel remake ebbe la possibilità di dirigere in contemporanea Robert De Niro e Al Pacino.

 

George Sluizer - Il mistero della donna scomparsa, film olandese del 1988, si fece notare a tal punto a livello internazionale da portare il regista a dirigere una versione per il pubblico americano a distanza di soli 5 anni: stiamo parlando di The Vanishing - Scomparsa, con Kiefer Sutherland e Sandra Bullock.

 

Michael Haneke - Una sorte simile è toccata al maestro austriaco, che dopo aver diretto nel 1997 Funny Games tornò sul suo film a distanza di dieci anni e girò un remake dallo stesso titolo, con Michael Pitt, Tim Roth e Naomi Watts.

 

Takashi Shimizu - Dopo il successo del remake di The Ring, l'horror giapponese diventa di moda: ecco quindi che a Shimizu viene chiesto di rimettere mano al suo Ju-On: Rancore: il risultato è una versione (intitolata The Grudge) adatta a una platea internazionale, con Sarah Michelle Gellar come star.