Diary #1: Innamorarsi di Giffoni (e di Tea Falco)

Inserire immagine

Marco Mennillo ci racconta il ritorno nella cittadella del cinema che gli ha rubato il cuore, i sorrisi dei giurati del Festival e la prima giornata di Sky Cinema al Giffoni Experience 2015

di Marco Mennillo

 

Quando un anno fa sono venuto per la prima volta a Giffoni Valle Piana, reclutato come inviato speciale per Sky Cine News, non sapevo esattamente cosa aspettarmi. Sapevo che avrei dovuto imparare tante cose e lavorare sodo, e sapevo che migliaia di ragazzi adoravano questo luogo, ma quello che accadde quando la navetta arrivò in cittadella, mi lasciò stupefatto. La scritta FF rossa crea aspettativa, arrivi e vedi un mondo di sorrisi, gioia, bellezza: il cuore mi si scalda solo lanciando uno sguardo panoramico sulla Cittadella Del Cinema in costante evoluzione.
Un anno dopo, con molta consapevolezza in più, al mio arrivo è spuntato lo stesso sorriso sul mio volto. Giffoni è una magia che si rinnova ogni anno da quarantacinque anni e porta lo stesso stupore: come il Natale, come un regalo di compleanno inatteso, come qualcosa che ti rende felice e che non sai spiegare.
I primi giurati sotto i nebulizzatori: fa caldissimo, già dal mattino.
Gli occhi stropicciati, però, non limitano l'evidente impazienza di cominciare. Le maglie colorate non dividono i 3600 giurati delle sei diverse fasce d'età: l'entusiasmo da bambini colpisce tutti, anche gli addetti ai lavori, i tecnici, chi sta gonfiando centinaia di palloncini per l'anteprima di Ant-Man, l'ultimo supereroe Marvel prestato al cinema, e naturalmente me.
Arrivano i nuovi compagni di avventura e di gioco, vincitori del contest per diventare inviati di Sky Cine News a Giffoni. Eccoli qui, Marianna e Giammarco detto Giammy. Ci sono alchimie da creare: é necessario far scivolare via la loro evidente emozione con un sorriso. Durante la registrazione della prima puntata provo a dare i miei consigli da vecchio (argh!) inviato e mi ascoltano con attenzione. Al 746° take, il lancio per la puntata di SkyCineNews è perfetto: urliamo un liberatorio «BUONAAAAA» con abbraccio collettivo. Mi sa che è ufficiale. #SkyGiffoniFF è iniziato.

La sala conferenze è già pronta per l'incontro con gli ospiti. Il decano delle conferenze stampa è Tonino Pinto, storico giornalista e critico cinematografico italiano, che prima di ogni conferenza ama chiacchierare con i colleghi, soprattutto più giovani. Quando prendo posto, si parla di come le nuove tecnologie abbiano messo in crisi il cinema: lui, classe 1938, spiazza tutti: «Ragazzi, il cinema è ancora all'inizio, sta per cambiare tutto... anzi, queste tecnologie sono l'inizio. Ora è l'inizio di tutto». Sono in un posto dove anche un veterano, un volto storico del giornalismo cinematografico, è pieno di entusiasmo ed è avanti mille anni luce.

Arriva Tea Falco, povera lei, vittima del mio primo innamoramento di quest'anno. Bella come il sole della sua raggiante Catania, timida e a tratti imbarazzata, non si vergogna a rispondere con ironia alle stoccate social per il personaggio di Bibi nella serie Sky 1992 e ribadisce la sua posizione: "Bisogna sempre rispondere con ironia perché il mondo é pieno di invidiosi". Il suo Carpe Diem, che é il tema di questa 45ma edizione, è "cogliere l'attimo per conoscere una persona, perchè siamo il riflesso delle persone che incontriamo", citando Pirandello. La nostra intervista procede tranquilla, ma al termine esplodo in un "Sei meravigliosa!". Questo perché dal video di Io e Anna di Cesare Cremonini sono rimasto incantato da quella bellezza imperfetta. E vabbè, mi sono innamorato e capiterà spesso, ci sono già passato. Tea, se leggi questo blog, sposami, o almeno followami su twitter, che male non fa, anche perchè nel #SelfieConSkyCinema siamo bellissimi insieme. <3

La mia fama di Fanboy non si smentisce. Stefano Fresi ha preso parte a due dei film italiani che più mi hanno fatto ridere nell'ultimo anno: Smetto Quando Voglio e Ogni Maledetto Natale. Simpaticissimo, felice di trovarsi qui, molto autoironico, scherza sulla sua (esagerata) e sulla mia (a dir poco esile) fisicità, ("quand'ero bambino c'avevo la tua taglia"), ed essendo un compositore, provo a creare empatia parlando del mio amore assoluto, cioè la musica. Gli brillano gli occhi, e sottolinea il fondamentale legame tra musica e cinema.
Problema alla camera. Non ha registrato. Si rifà. Torno da lui.
- Ciao, sono Mm di Sky Cinema +1
- Ciao, sono Giuseppe Battiston.
Applaudo alla genialità.

Nei momenti di pausa, rarissimi ma fondamentali per ritrovare la concentrazione, osservo i giurati. Quest'anno sono bellissimi, sorridenti. Ritrovo le facce degli anni passati e soprattutto la mia Sarina che l'anno scorso ha condiviso con me la conduzione di Sky Cine News, che mi dà sempre la forza di fare un passo in più.
A tarda sera scopro che due ragazze dormiranno sul blue carpet per 7 (si, avete letto bene: sette, SETTE, SEEEEETTEEEEE!) giorni: Agnese e Alessia, romane, vogliono incontrare tutti gli ospiti internazionali. Le seguirò: tenete d'occhio i nostri social, sta per iniziare "Transenne - La Serie". Seguitela sui social di SkyCinema e non ve ne pentirete.

Il popolo del Giffoni è variegato e variopinto, ma pieno di sorrisi e gioia, i giurati sono una meraviglia da guardare. Mi chiedo quante cotte mi prenderò.
Sicuro mi sono innamorato, di nuovo, delle due FF rosse, che quando arrivi alla cittadella del cinema ti fanno tremare il cuore.
Tutti i giorni.
Sono felice di essere tornato, di essermi ri-innamorato un anno dopo. Allora dai, a domani per un'altra giornata, un nuovo tremore, nuovi sorrisi, lo stesso amore.