Omaggio a James Garner

Inserire immagine

Domenica 19 luglio a un anno dalla sua scomparsa, Sky Cinema Classics ricorda  James Garner, il grande attore con due suoi film imperdibili. Appuntamento domenica 19 luglio su Sky Cinema Classics in prima e seconda serata

Domenica 19 luglio a un anno dalla sua scomparsa, Sky Cinema Classics ricorda  James Garner programmando alle 21.00 INTRIGO AD HOLLYWOOD, dove troviamo l’attore nei panni del celebre sceriffo, chiamato ad indagare assieme ad un divo del cinema muto su un misterioso omicidio e a seguire L’ORA DELLE PISTOLE, dove l’attore interpreta la celebre figura dello sceriffo Wyatt Earp nella ricostruzione di uno dei più famosi episodi della storia del Far West: la sparatoria dell’ O.K. Corral. <br><br>Affascinante, ironico e sornione, l'attore è stato capace di interpretare in più di 50 film (diretto fra gli altri, da John Sturges, Blake Edwards, Martin Ritt, Clint Eastwood), per oltre 50 anni di carriera, tra cinema e tv, con la stessa grazia, simpatici gaglioffi e 'cattivi'. <br><br>Nato a Norman, in Oklahoma, nel 1928, entrò a 16 anni nella marina militare. Partecipò alla Guerra di Corea, durante la quale fu ferito due volte, ottenendo due Purple Heart (onorificenze al valor militare). Come attore, ha attraversato tutti i generi, con una nomination all'Oscar nel 1985 per la commedia romantica L'amore di Murphy di Martin Ritt, dove si calava nei panni di un farmacista anticonformista che si innamora di una divorziata (Sally Field), madre di un adolescente decisa a far andare avanti un ranch. Il successo di Garner rimane legato anche a due serie tv diventate cult, quella western che lo lanciò, tra gli anni '50 e '60, Maverick, e Agenzia Rockford, negli anni '70. <br><br>Fra i suoi film, troviamo Quelle due di William Wyler (1961), uno dei primi accenni hollywoodiani ad un amore lesbico, dove Garner interpreta il fidanzato di Audrey Hepburn, e La grande fuga (1963) di John Sturges a fianco di Steve McQueen. Arrivano, poi, fra gli altri, L'investigatore Marlowe di Paul Bogart (1969) dove dà vita al personaggio creato da Raymond Chandler, e la commedia musicale Victor Victoria (1982) di Blake Edwards, in cui interpreta King Marchand, uomo d'affari legato ai gangster che perde la testa per Julie Andrews 'en travestì. Tra gli anni '90 e metà anni '2000 continuò a regalare intense interpretazioni come quella autoironica nell'adattamento cinematografico di Maverick (1994) di Richard Donner; il noir Twilight di Robert Benton (1998) con Paul Newman, Gene Hackman e Susan Sarandon; l'astronauta over 70 di Space Cowboys di Clint Eastwood (2000), fino all'uomo che continua ad amare con la stessa passione di sempre la moglie (Gena Rowlands) ormai ammalata d’Alzheimer, nel cult romantico Le pagine della nostra vita di Nick Cassavetes (2004). <br><br>"Io sono un metodista ma non come attore - aveva scritto Garner nella sua autobiografia, The Garner Files -. Appartengo alla scuola di Spencer Tracy. Essere puntuale, sapere le battute, metterti sul set nel punto giusto e dire la verità. Non ho nessuna teoria sulla recitazione e non penso di sapere come farlo, ma credo che un attore non dovrebbe prendersi troppo sul serio e non dovrebbe far sembrare la recitazione qualcosa che non è. Recitare è solo senso comune. Non è troppo difficile se ti metti da parte e fai quello che lo scrittore ha scritto".