Young Europe, il primo film sulla sicurezza stradale

Inserire immagine
Young Europe andrà in onda su Sky Cinema Cult giovedì 2 luglio alle 21.00

Arriva su Sky Cinema Cult, giovedì 2 luglio alle 21.00, il film di Matteo Vicino, prodotto da Polizia di Stato con il supporto di Fondazione Ania che cerca di sensibilizzare i  giovani sul tema della sicurezza stradale

Josephine è una ricca parigina, abbandonata a se stessa dai genitori, che cerca conforto in alcool droga e compagnia cattive; Julian è un ragazzo irlandese che si lascia irretire dalle lusinghe di una professoressa un po’ troppo amichevole, trascurando la fidanzata; Federico e Annalisa sono due adolescenti romani che restano affascinati dal mondo dorato di Angelo, un ultra trentenne ricco e senza scrupoli. Quattro storie che apparentemente non hanno nulla in comune finiranno fin troppo presto per arrivare a una conclusione simile, sull’asfalto, in una tragica fatalità, che non ha nulla però di casuale. <br><br>Questo è il tema del film Young Europe di Matteo Vicino (Outing- Fidanzati per Sbaglio) in onda su Sky Cinema Cult, giovedì 2 luglio alle 21.00 e su Sky Tg 24 (canale 27 del digitale terrestre).

La pellicola è stata realizzata nell’ambito del progetto europeo Icaro, promosso dalla Polizia stradale italiana, con i Ministeri delle Infrastrutture e dei Trasporti, dell’Istruzione e alla Fondazione ANIA, che nei suoi intenti ha quello di sensibilizzare i  giovani sul tema della sicurezza stradale. Il film, tratto da un libro di Matteo Vicino del 2010, è stato premiato al Festival internazionale di Milano per la miglior Regia. <br><br>Young Europe, girato in Italia, Francia, Irlanda e Slovenia ha come protagonisti dei giovani europei accomunati non solo dall’appartenenza alla nuova generazione, ma anche da un tragico incidente automobilistico che ha avuto luogo in ciascuno dei loro paesi e che ha segnato per sempre le loro vite. Josephine in Francia è una ragazza di diciotto anni dedita all’ uso sporadico di droghe, ossessionata dai social network e da ogni tentazione che la sua natura ribelle possa gestire. Julian è un diciassettenne di Dublino: ha una storia con una coetanea ma subisce il fascino della sua lettrice di spagnolo, avvenente ma pericolosa. Federico in Italia è diviso tra il modello di un padre poliziotto e un amico trentacinquenne che non è cresciuto. Il filo rosso delle emozioni e degli errori sulla strada che legano le varie vicende vuol far riflettere i giovani e gli adulti per promuovere una guida più sicura. <br><br>