Frank: le curiosità sul film

Inserire immagine
Maggie Gyllenhaal, Michael Fassbender e Domhnall Gleeson in una scena del film

In prima visione su Sky Cinema Cult, il film che ha chiuso la scorsa edizione del Biografilm Film Festival: Frank di Lenny Abrahamson. Scopri qualche curiosità sulla black comedy con Michael Fassbender, in onda sabato 13 giugno alle 21 

Frank è come una difficile equazione matematica. E’ come una domanda a cui manca il punto interrogativo. Un segmento che parte dal punto A e arriva al punto C, senza passare per il punto B: questo è Frank, l’individuo mascherato che dà il nome al film di Lenny Abrahamson. “Cosa si nasconde nella testa dentro la testa?” si interroga a riguardo Jon, il protagonista della pellicola che, per caso, viene risucchiato dal tornado Frank, genio folle della musica.


In occasione del Biografilm Film Festival, Sky Cinema Cult trasmette la black comedy del regista irlandese Lenny Abrahamson con protagonisti Michael Fassbender, Maggie Gyllenhaal e Domhnall Gleeson. Un film grottesco e divertente che riflette sul confine tra genio e follia e su cosa comporta il raggiungimento della fama. Scopri qualche interessante curiosità sulla pellicola in programmazione su Sky Cinema Cult.


Chi è il regista Lenny Abrahamson -  Lenny Abrahamson, classe 1966, è uno dei più affermati e apprezzati registi irlandesi. Il suo primo lungometraggio è Adam&Paul (2004), scritto da Mark O’Halloran e successo di critica e di pubblico; il secondo film, Garage (2007), ha consolidato la sua fama e l’apprezzamento della critica, mentre il terzo lungometraggio, What Richard Did (2012), è stato presentato in anteprima mondiale al Toronto International Film Festival nel 2012. 


L’ispirazione per il personaggio di Frank: Frank Sidebottom -  La maschera di cartapesta che indossa Michael Fassbender è stata creata sulla falsariga di quella di Frank Sidebottom, alter ego del comico e musicista britannico Christopher Sievey. L’artista, sotto le spoglie di Frank, fece varie apparizioni sulla televisione britannica, durante gli anni ’80 e ’90, diventando un personaggio culto della comicità made in UK. Uno dei musicisti della sua band, Jon Ronson, ha co-scritto la sceneggiatura del film insieme a Peter Straughan. Altri musicisti a cui si è ispirati per il personaggio di Frank sono stati Daniel Johnson, cantautore outsider della musica americana, e Captain Beefheart, esponente del rock sperimentale statunitense.

 

Magnifico Fassbender - L’attore irlandese Michael Fassbender si nasconde dietro il volto di Frank. Nonostante la visione sotto la maschera fosse molto limitata durante le riprese, la sua interpretazione di un genio musicale folle è riuscita benissimo. Lanciatissimo negli ultimi anni grazie alla sua versatilità in pellicole d’autore e blockbuster (Shame, 12 anni schiavo, il reboot di X-Men), l’attore sarà Macbeth nel film di Justin Kurzel, presentato a Cannes, e vestirà i panni di Steve Jobs, nel lungometraggio diretto da Danny Boyle (in uscita quest'anno).

 

Successo ai festival cinematografici - Nel 2014, la pellicola di Abrahamson è stata presentata in anteprima al Sundace Film Festival, dove al pubblico sono state fornite le maschere di Frank, e acclamata dalla critica al South by Southwest; inoltre ha ricevuto una menzione speciale al Dinard British Film Festival. Il film ha ottenuto un ottimo riscontro anche tra il pubblico italiano, durante il Biografilm 2014. Nel periodo del festival Bologna è stata invasa dall'immagine di Frank (cartelloni, volantini, cataloghi) e la pellicola ha vinto l’Europa Audience Award 2014.

 

La musica del film - La soundtrack è una parte fondamentale della pellicola. La band underground di Frank oltre ad avere un nome impronunciabile, Soronprfbs, compone canzoni dal sound e dai testi assolutamente fuori dall'ordinario. Tutte i pezzi della band sono stati suonati dal vivo dagli attori sullo schermo. La canzone che ha lanciato il film è la struggente e surreale I love you all, cantata da Fassbender.