Tartarughe Ninja Story

Inserire immagine
Tartarughe Ninja

Raffaello, Donatello, Michelangelo e Leonardo tornano in azione in Tartarughe Ninja, reboot in onda in prima tv lunedì 8 giugno alle 21.10 su Sky Cinema 1 HD e Sky 3D. Ma le avventure dei Turtles cominciano molto tempo fa, sulle pagine di un fumetto.

Ne hanno fatta di strada, le quattro tartarughe esperte di arti marziali protagoniste di Tartarughe Ninja, il film in prima visione tv lunedì 8 giugno alle 21.10 su Sky Cinema 1 HD e Sky 3D. Non solo perché il film con Megan Fox non è il primo che le vede protagoniste, bensì un reboot, ma anche perché le loro avventure cominciano molto tempo fa e le hanno portate negli anni attraverso fumetti, cartoni animati, videogame e  molto altro ancora.

Tutto ebbe inizio nel lontano 1984, quando Kevin Eastman e Peter Laird crearono una serie a fumetti incentrata su quattro tartarughe ninja che vivevano nelle fogne di New York, i cui nomi erano un omaggio a quattro grandi maestri del Rinascimento italiano. Siamo piuttosto lontani dall'immagine che abbiamo oggi dei Turtles, perché il tono dei comics in questione era un po' più crudo rispetto a quanto siamo stati abituati in seguito. Nelle intenzioni degli autori, doveva trattarsi di una sorta di parodia di alcune opere di Frank Miller, Daredevil in primis.


Eastman e Laird cominciarono in piccolo, aprendo una piccola casa editrice perché non avevano trovato nessun altro disposto a pubblicare le loro Tartarughe Ninja. Eppure, in breve il loro fumetto divenne un cult tra i più giovani, tanto da raggiungere un'ampia diffusione. Ma la vera svolta arrivò nel 1987, quando i due siglarono un accordo con un produttore di giocattoli, Playmates Toys, per produrre una linea di action figure dedicata ai quattro eroi.


Per lanciare i giocattoli dei Turtles, fu creata un'apposita serie animata che contribuì a rendere Michelangelo, Raffaello, Donatello e Leonardo celebri in tutto il mondo. Tuttavia, il cartone Tartarughe Ninja alla riscossa si differenziava sostanzialmente dal fumetto, soprattutto per i toni, divenuti più leggeri e giocosi. E i quattro ninja, che fino ad allora avevano tutti la bandana rossa, cominciarono a distinguersi per le loro bandane colorate.

Il passaggio successivo fu il cinema: nel 1990 uscì nelle sale il primo film live action della serie, intitolato per l'appunto Tartarughe Ninja alla riscossa, che rese i personaggi creati da Laird ed Eastman ancora più famosi. A questo seguirono Tartarughe Ninja II e Tartarughe Ninja III. Nel frattempo, i nostri beniamini diventarono protagonisti anche di vari videogiochi e di un gioco di ruolo.

Il 2001 segnò una nuova rivoluzione, grazie alla pubblicazione di una nuova serie a fumetti intitolata TMNT, che in parte andava a recuperare lo stile delle origini, restituendo alle tartarughe parte del loro carattere da duri. Da lì fu la volta di una nuova serie animata e, nel 2007, di un nuovo film, per l'appunto chiamato TMNT, con i quattro protagonisti realizzati questa volta in computer graphic.


Ed eccoci finalmente a Tartarughe Ninja. Il film diretto da Jonathan Liebesman affianca ai quattro Turtles nientemeno che la bellissima Megan Fox. Nella pellicola i quattro hanno subito un nuovo restyling, assumendo un aspetto decisamente più... muscolare. Siete pronti a seguire queste tartarughe 2.0 nelle loro nuove, straordinarie avventure? Allora l'appuntamento è lunedì 8 giugno su Sky!