Short skin: un’anteprima su Sky Cinema Cult

Inserire immagine
Un'immmagine tratta dal film di Duccio Chiarini "Short Skin"

In occasione dell’uscita del primo film di Duccio Chiarini, in sala dal 23 aprile Sky Cinema Cult manderà un’ anteprima di 5 minuti del film. Martedì 21 aprile alle 20.50

Nella stagione dell'adolescenza in cui è fondamentale essere maschi, si pensa sempre al sesso e a come realizzarlo. questo sembra essere il succo di Short Skin opera prima di Duccio Chiarini, in sala dal 23 aprile distrubuito dalla Good Films. Protagonista il 17/enne Edoardo (Matteo Creatini) che ha un problema non da poco: una malformazione al prepuzio che lo rende insicuro con le ragazze. Da qui un piccolo-grande film, che viene dalla Biennale College di Venezia, è passato alla Berlinale (Generation) e ha trovato accoglienza come distribuzione in tanti paesi.

Di scena una storia tenera. Quella appunto di Edoardo che soffre di questa malformazione che gli impedisce anche solo di masturbarsi. Chiuso così nel suo piccolo microcosmo senza sesso, Edoardo assiste alle pruderie degli altri. Su tutte quelle dell'amico Arturo (Nicola Nocchi), talmente ossessionato dal sesso da pensare di utilizzare un polpo come estrema ratio. I suoi genitori poi premono affinché' Edoardo si dichiari a Bianca (Francesca Agostini), vicina di casa; persino la sorellina Olivia (Bianca Ceravolo) poi è alla frenetica ricerca di una canina con cui fare accoppiare il cane di famiglia Teagan. A sbloccare Edoardo dalla sua timidezza sarà alla fine l'incontro con una ragazza conosciuta per caso ed un'inaspettata apertura di Bianca nei suoi confronti.

Short skin – ha spiegato il regista fiorentino - racconta il percorso di formazione sessuale di Edoardo, un adolescente alle prese con una malformazione che gli impedisce di vivere pienamente la propria sessualità. Costretto dalle proprie paure ed insicurezze in un guscio che lo isola dalle ragazze, Edoardo imparerà a sviluppare altre doti che gli saranno utili a comprendere più profondamente il mondo femminile. L'idea di questo film - conclude Chiarini che ha studiato cinema alla London Film School - è quella di raccontare fragilità e debolezze del sesso maschile, troppo spesso rappresentato facendo esclusivo riferimento agli stereotipi del machismo".

Intanto S hort Skin. I dolori del giovane Edo (questo il titolo intero) ha fatto incetta di Paesi in cui sarà distribuito: si va dalla Francia fino all'Australia, da Hong Kong al Portogallo fino ad Austria e Ungheria. Infine, nel futuro di Chiarini, un film (ancora senza titolo) su una storia d'amore tra trentenni con un uomo che, per questa separazione, va allo sbando.

Guarda il trailer del film: