Snowpiercer, un treno che non si ferma mai

Inserire immagine
Snowpiercer

Venerdì 27 marzo va in onda in prima tv su Sky Cinema 1 HD Snowpiercer, cupo e avventuroso film di fantascienza in cui Chris Evans guida un manipolo di rivoltosi all’interno del treno che ospita gli unici sopravvissuti a una nuova era glaciale

“Chi si ferma è perduto”, si è soliti dire. E questo è tanto più vero nel caso di Snowpiercer, cupo e avventuroso film di fantascienza diretto dal coreano Bong Joon-ho, in prima visione tv venerdì 27 marzo alle 21.10 su Sky Cinema 1 HD. Il treno che dà il titolo al film, infatti, non può mai arrestare la propria corsa, pena l’estinzione dei pochi umani sopravvissuti a una nuova era glaciale.

Siamo in un futuro prossimo, il 2031 per la precisione (sarà un caso che il film sia stato girato nel 2013, così come 1984 di George Orwell fu scritto nel 1948?). L’umanità è prossima a scomparire a causa di una glaciazione causata dai gas dispersi nell’aria, in un tentativo fin troppo efficace di fermare l’effetto serra e raffreddare la temperatura del pianeta. L’unico baluardo contro l’oblio è per l’appunto lo Snowpiercer, prodigioso treno progettato dal misterioso Wilford.

Per permettere ai passeggeri di non congelare, lo Snowpiercer non deve mai fermarsi. I pochi umani ancora in vita sono ripartiti all’interno dei diversi vagoni del treno, la cui disposizione riflette un ben preciso ordinamento sociale: in testa si trovano i privilegiati, mentre in coda sono stipati i derelitti, considerati sacrificabili e soggetti a ogni tipo di vessazione. Oltre a ciò, periodicamente i figli di questi ultimi vengono rapiti e portati verso un destino ignoto.

Nel diciassettesimo anno dalla partenza del treno, Curtis Everett, da molti considerato il leader dei derelitti, riesce finalmente a convincere i suoi compagni a rivoltarsi contro gli oppressori e a marciare verso la locomotiva, in modo da rovesciare il governo di Wilford e prendere il controllo del treno. La strada verso la libertà è però irta di pericoli e vagone dopo vagone il manipolo di ribelli dovrà affrontare nuove, sanguinose prove.

Crudo, asfittico, ma congegnato alla perfezione come il meccanismo che permette al treno di muoversi, Snowpiercer è uno dei film di fantascienza più originali dell’ultimo decennio. Alla base, del resto, c’è il ricchissimo materiale fornito da una graphic novel francese intitolata Transperceneige, che Bong Joon-ho, talentuoso regista coreano noto al pubblico occidentale soprattutto per l’horror The Host, riesce a far scorrere liscio lungo binari che sono però tutt’altro che scontati.

Eccezionale il cast, a cominciare da Chris Evans nei panni dell’eroe sfiduciato Curtis, lontano mille miglia dal Captain America che lo ha consacrato presso il grande pubblico. Oltre a lui, Tilda Swinton nel ruolo grottesco di Mason, Ed Harris in quello dell’enigmatico Winston, "l’ex Billy Elliot" Jamie Bell come Edgar e l’eccezionale Song Nakg-ho come Namgoong Minsu, forse il miglior personaggio di tutto il film.

Snowpiercer è un treno che non si può fermare, ma anche che non si può perdere: l’appuntamento per prenderlo al volo e avventurarsi nei suoi cupi scompartimenti è venerdì 27 su Sky Cinema.