Grand Budapest Hotel, le curiosità sul film

Inserire immagine
Edward Norton in Grand Budapest Hotel

Martedì 3 febbraio va in onda Su Sky Cinema +24 Grand Budapest Hotel, il pluripremiato film di Wes Anderson con Ralph Fiennes alla guida di un cast di superstar. Ecco alcuni aneddoti curiosi sulla pellicola.

Uno scrittore in cerca di ispirazione, in ritiro in un prestigioso hotel ormai decaduto, fa conoscenza con il proprietario del posto. E attraverso i suoi racconti, viene a conoscenza delle mirabolanti vicissitudini attraverso cui l'uomo, un tempo un semplice facchino, ha fatto fortuna anche grazie all'allora concierge dell'albergo, l'eccentrico ma impeccabile Monsieur Gustave. Cercare di riassumere in poche righe tutti i mondi presenti dentro Grand Budapest Hotel, pluripremiato film di Wes Anderson martedì 3 febbraio alle 21.10 su Sky Cinema +24, sarebbe a dir poco riduttivo. Per cercare di rendere un po' della peculiarità di quest'opera allo stesso tempo complessa e spensierata, ecco quindi alcune curiosità sulla pellicola.

Vodka Republic - Il nome dell'immaginaria Repubblica di Zubrowka dove si trova il Grand Budapest Hotel è stato preso "in prestito" da una nota marca di vodka polacca.

L'hotel dell'hotel
- Durante le riprese tutto il cast alloggiava presso lo stesso hotel, il Börse di Görlitz, la cui hall è stata usata anche per preparare i trucchi e i costumi del film. Lo stesso direttore dell'albergo compare per un cameo in una scena all'interno del Grand Budapest Hotel.

Un novellino agli Academy Awards
- Nonostante possa vantare ormai una lunga e fortunata carriera e nonostante sia uno dei registi favoriti dalla critica, con Grand Budapest Hotel Wes Anderson si è aggiudicato la sua prima nomination agli Oscar per la Miglior regia.

Monsieur Depp - Per il ruolo di Monsieur Gustave, andato poi a Ralph Fiennes, Wes Anderson aveva inizialmente pensato a Johnny Depp.

Una coppia rodata
- Grand Budapest Hotel segna la settima collaborazione tra Wes Anderson e il suo attore-feticcio Bill Murray. Ormai una coppia affiatatissima!

Cara vecchia Tilda - Nel film è presente la straordinaria interprete britannica Tilda Swinton: a lei Wes ha assegnato la parte dell'ottuagenaria Madame D., che ha richiesto all'attrice ore e ore alla poltrona del trucco. Il risultato di questo processo di invecchiamento è tanto eccezionale da renderla quasi irriconoscibile.

La Madame in giallo - Prima di pensare a Tilda Swinton, Wes Anderson aveva proposto il ruolo di Madame D. ad Angela Lansbury. La star del telefilm La signora in giallo ha però dovuto rinunciare alla parte a causa di alcuni impegni teatrali.

Voglia di Messico - Non stupitevi se la voglia sul volto di Agatha, la deliziosa ragazza interpretata da Saoirse Ronan, vi ricorda qualcosa: si tratta di una macchia con la forma del Messico!

In caso di emergenza...
- Il numero da prigioniero di Monsieur Gustave è 112, che in molti paesi d'Europa, compreso il nostro, è il numero telefonico per le emergenze.

Citazione cinematografica
- I tatuaggi del personaggio interpretato da Harvey Keitel sono una copia esatta di quelli di Père Jules ne L'atalante, film del 1934 di Jean Vigo.