La vita dopo Harry Potter

Inserire immagine
Rupert Grint, Emma Watson e Daniel Radcliffe (foto: Getty Images)

Svestiti i panni di Harry, Ron ed Hermione, i protagonisti della saga, di cui martedì 13 agosto va in onda su Sky Cinema 1 il quinto capitolo, Harry Potter e i principe mezzosangue , hanno continuato le loro carriere da attori: Scopri cos’hanno combinato.

Scopri la programmazione di Harry Potter e lil principe Mezzosngue C’era una volta Harry Potter Come passa il tempo, Harry Potter! I protagonisti 30 anni dopo Vacanze all’insegna di Harry Potter Dieci curiosità sulla saga Le scomode verità di Harry Potter
Il ciclo dedicato a Harry Potter continua: dopo i primi episodi, il  13 sarà la volta di Harry Potter e il principe mezzosangue, seguito il 20 da Harry Potter e  i doni della morte: Parte I e il 27 dalla Parte II, con cui daremo definitivamente l’addio a Harry, Ron ed Hermione, i tre protagonisti assoluti della storia nata dalla mente della scrittrice inglese J.K. Rowling.

L’addio ai tre personaggi, dicevamo, ma di certo non ai tre attori che li hanno interpretati, ovvero Daniel Radcliffe, Rupert Grint ed Emma Watson. Che già durante le riprese dei vari film della serie si sono cimentati con altri lavori, e negli ultimi anni hanno cercato di consolidare la loro carriera cinematografica, emancipandosi dai loro ruoli di maghetti. Ecco che cosa hanno combinato al di fuori del set di Harry Potter.

La più lanciata del trio è senza dubbio Emma Watson, che paradossalmente negli anni passati aveva annunciato più volte di voler abbandonare la recitazione per dedicarsi allo studio. E invece, complice il suo fascino, è diventata nel giro di pochi anni una delle star più richieste e chiacchierate in circolazione. Già prima che la saga che l’ha resa celebre finisse, Emma si era cimentata con il doppiaggio in Le avventure del topino Desperaux, al fianco di attori del calibro di Dustin Hoffman e Matthew Broderick.



Nel 2011, appesi al chiodo gli abiti della maghetta Hermione, ha invece preso parte alle riprese di Marilyn, film che è valso una nomination agli Oscar a Michelle Williams per la sua interpretazione della divina Monroe. Ma la consacrazione come attrice di talento è arrivata l’anno successivo con Noi siamo infinito, in cui interpretava la giovane e disinibita Sam, ragazza che sconvolge la vita del timido protagonista Charlie. Quest’anno Emma ha fatto parlare di sé grazie alla sua partecipazione a The Bling Ring, film di Sofia Coppola presentato al Festival di Cannes, mentre per il 2014 ha in serbo un ruolo in Noah, pellicola biblica in cui Russel Crowe interpreta Noè.

Da subito, per il suo collega Daniel Radcliffe, l’obiettivo principale è stato quello di scrollarsi di dosso l’etichetta di maghetto occhialuto. E così il divo in erba ha cercato di cimentarsi con ruoli particolari e alle volte controversi. Dopo essersi presentato nudo sul palco nella piece teatrale Equus, Daniel ha recitato nel film drammatico December Boys, mentre l’anno scorso è stato protagonista dell’horror The Woman in Black. Quest’anno ha invece impersonato il poeta ispiratore della Beat Generation, Allen Ginsberg, in Kill Your Darlings, e prossimamente sarà un ragazzo accusato dello stupro e omicidio della propria ragazza, impegnato a trovare il vero colpevole grazie a poteri paranormali in Horns, pellicola del regista Alexandre Aja. Insomma, niente di più lontano dal suo vecchio alter ego.



La carriera al di fuori di Harry Potter, per Rupert Grint, è cominciata in maniera un po’ meno gloriosa con il film Pantaloncini a tutto gas, in cui era un ragazzino incapace di percepire gli odori, unico amico del protagonista afflitto da problemi di flatulenza (che gli varranno però un lavoro come astronauta!). Nel 2006 è stato il protagonista della commedia In viaggio con Evie, mentre nel 2010 ha partecipato a Cherry Bomb, pellicola trasgressiva in cui Rupert affiancava Robert Sheenan, alias Nathan di Misfits, con cui competeva per le attenzioni della stessa ragazza. Pilota di aerei della Seconda Guerra Mondiale in Into the White nel 2012, quest’anno ha partecipato alle riprese di The Necessary Death of Charlie Countryman al fianco di Shia Labeouf.



Difficile dire chi dei tre, sulla lunga distanza, si imporrà come talento del cinema. Una cosa, però, Harry, Ron ed Hermione - anzi, chiamiamoli con i loro veri nomi: Daniel, Rupert ed Emma - ce l’hanno dimostrata. Ovvero che nessuno di loro era una semplice meteora destinata a scomparire una volta terminata la saga che li ha resi famosi in tutto il mondo.