Aspettando 4 Hotel, Bruno Barbieri "gioca" in cucina

Inserire immagine
Bruono Barbieri col suo secondo Erik Lavacchielli al Bistrot Fourghetti

A giugno, su Sky Uno , troveremo Bruno Barbieri alla conduzione di 4 Hotel . Nell'attesa lo abbiamo incontrato a Bologna , nel suo Bistrot Fourghetti, dove ha fornito una gustosa dimostrazione di cucina col Companion XL (Moulinex ). Il racconto della giornata

(@BassoFabrizio
Inviato a Bologna)

In cucina la mano è la mano, non importa, che strumenti hai. Se la scuola è quella della nonna e la passione è la tua non è impossibile collezionare stelle. E un pranzo organizzato da uno chef (pluri)stellato resta sempre una esperienza. Anche quando ti affidi a un miracolo dell'elettronica, dell'ingegneristica, della meccanica. Rapportato alla cucina. Bruno Barbieri, storico giudice di MasterChef e che a giugno ritroveremo su Sky Uno al timone di 4 Hotel, ha cucinato, per pochi invitati, un pranzo di quattro portate utilizzando quell'oggetto del desiderio che è il Companion XL di Moulinex. L'azienda francese cinque anni fa ha lanciato sul mercato quello che viene considerato non un elettrodomestico ma un compagno tutto fare. Ne ha venduto circa 100mila pezzi segno che il gradimento c'è stato e proprio in virtù di questo avvio confortante ora c'è la volontà di fare un passo oltre per portarlo al giusto livello di valorizzazione. Bruno Barbieri si è innamorato del progetto ed è partita una collaborazione che accompagna la nuova generazione di Companion XL.

Per darvi una idea di cosa questa "creatura" può inventare, con un senso di semplicità disarmante, al punto che uno può organizzarsi una cena stellata a casa propria se non vuole andare a ristorante, siamo partiti con crema di melanzane affumicate, aglio e menta con pecorino e tartare di gamberi. Poi fregola risottata allo zafferano con insalata di scoglio e olio alle erbe aromatiche. Segue un brodetto di pomodori al sapore di curcuma e basilico con vapore di mare; gran finale con bigne fritti e caramellati con crema inglese e zeste di arancia candita. Il tutto accompagnato da Blanquette de Limoux Cuvée Reservée di Guinot, Bianco Falanghina Campi Flegrei DOC 2017 di Aganum e un immancabile Valpolicella Classico DOC 2017 di Antolini.

E tra una portata e l'altra si chiacchiera con Barbieri il quale enuncia subito i tre capisaldi della sua filosofia: la cucina italiana per la materia prima, quella francese per il rigore gastronomico e le tecnologie avanzate e infine quella libanese per il mix offre, dai sapori figli delle colonizzazioni alle influenze arabe. Poi aggiunge: "Tutti dovrebbero studiare in Francia, è leader per l’oggettistica e la robotica. Fanno cose eccelse anche in Italia Ma abbiamo scoperto lì un mondo interessantissimo e ne è la prova Companion: chi fa l'acquisto e lo porta in casa farà un salto di qualità. Io la uso anche al ristorante. Siamo tutti bravi ma con la tecnologia lo siamo di più". Per sottolineare l'alta resa qualitativaBarbieri aggiunge che "il risotto è forse la sola ricetta in cucina che non dovresti abbandonare durante la preparazione. Con questo "amico" puoi fare altre mille cose mentre te lo prepara perché è stato addestrato per inventare un risotto straordinario".

L'entusiasmo non sta solo nella resa ma pure nel design e nel marketing: in cinque anni non è mai cercato un volto da abbinare al prodotto che è protagonista da solo. E’ un oggetto di grande design, piccolo di dimensioni ed estremamente facile da usare appresi alcun meccanismi. Bruno Barbieri spiega poi che sedurre lui non è facile: "Mia nonna è la figura più importante per la mia formazione, producevamo tutto in casa, pane e formaggi compresi. Ora dico che un piatto deve essere pensato per milioni di persone che lo mangiano. Con Companion lo possiamo fare, lo dice uno che da 40 anni viaggia nel gusto. Il dolce che ho preparato ha 28 anni di storia e quando è stato inventato era già avanguardia e ora si fa tutto con questa macchina. Uno dei vantaggi del Companion è che ti dà subito la temperatura giusta. I bigne sono un piatto di grande carattere, questo è un piatto che più lo mangi e più ne mangeresti".