Scoperta l'impronta della pioggia più antica sulla Terra

I ricercatori hanno analizzato 278 campioni di roccia raccolti in tutto il mondo (foto: archivio Getty Images)
2' di lettura

Sarebbe stata individuata nelle rocce sedimentarie primitive e risalirebbe a circa 2,4 miliardi di anni fa. I geologi la considerano una firma chimica delle prime terre emerse sul nostro pianeta

Sono state individuate le tracce della pioggia più antica della Terra nelle rocce sedimentarie primitive, che risalirebbero a circa 2,4 miliardi di anni fa. La scoperta, pubblicata sulla rivista "Nature", si deve al gruppo del geologo Ilya Bindeman, dell'università americana dell'Oregon. Secondo i geologi, si tratterebbe di una firma chimica lasciata dalle prime terre emerse sul nostro pianeta.

La comparsa dei continenti

I ricercatori hanno analizzato un totale di 278 campioni di roccia raccolti in tutto il mondo e ne hanno ricostruito la storia chimica a partire dal momento in cui sono stati esposti ad agenti atmosferici come la pioggia appunto. Dall'analisi è emerso che la prima goccia di pioggia sarebbe caduta su queste rocce circa 2,4 miliardi di anni fa. Le terre emerse, allora, sarebbero state pari a due terzi di quelle attuali. I continenti, secondo la ricostruzione dei geologi, sarebbero emersi in parallelo con i cambiamenti su larga scala avvenuti nello strato compreso tra la crosta e il nucleo terrestre, il cosiddetto "mantello". "La crosta - ha detto Bindeman - deve essere spessa per rimanere fuori dall'acqua e lo spessore dipende dalla sua quantità, ma anche dalla temperatura e dalla viscosità del mantello".

I cambiamenti climatici

La ricerca fa risalire a 2,4 miliardi di anni fa un cambiamento esponenziale nella consistenza della crosta terrestre. Il mantello, divenuto più freddo, sarebbe stato in grado di sopportare vaste distese di terra sopra il livello del mare. La prima terraferma avrebbe poi modificato il modo in cui il pianeta rifletteva la luce solare e questo avrebbe avuto, a sua volta, conseguenze sul clima del nostro pianeta. Le terre emerse hanno reso più efficiente la superficie del pianeta nel riflettere la luce e questo ha comportato un raffreddamento del clima. Per la prima volta, secondo Bindeman, la Terra avrebbe visto la neve e sperimentato le prime ere glaciali. Nel periodo compreso tra 2,4 e 2,2 miliardi di anni fa, infatti, si contano due glaciazioni. I cambiamenti atmosferici, inoltre, sarebbero stati accompagnati da un progressivo aumento dell'ossigeno nell'aria, culminato nel cosiddetto "Grande evento di ossidazione".

Leggi tutto
Prossimo articolo